SVIZZERA / GERMANIA
24.08.2012 - 22:370
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:08

"Rubik è morto"

Il Ministro delle finanze del Nordreno-Vestfalia alla Televisione Svizzera (SF): "Va a vantaggio degli evasori fiscali, che con la liberatoria pagherebbero meno di un contribuente onesto in Germania"

ZURIGO - Il ministro delle finanze del Land del Nordreno-Vestfalia, Norbert Walter-Borjans, ha affermato oggi in un'intervista alla televisione svizzerotedesca SF che l'accordo fiscale tra la Svizzera e la Germania è un "regalo avvelenato". Essa va principalmente a vantaggio di coloro che evadono il fisco, a scapito delle autorità fiscali tedesche. L'aliquota fiscale negoziata è inoltre inferiore a quanto deve pagare un contribuente onesto in Germania.

Secondo il ministro, l'accordo contiene anche una "scappatoia insopportabile" dando tempo agli evasori per spostare il denaro depositato in Svizzera in altri paesi.

A suo avviso è il trattato fiscale è dunque "clinicamente morto" se il governo federale tedesco insiste sulla sua posizione. In ogni caso, non deve essere permesso agli evasori di spostare il denaro in altri paesi, ha puntualizzato Walter-Borjans.

In merito ai CD rubati, il ministro ha mantenuto la sua posizione: l'acquisto di CD con dati bancari di clienti tedeschi di banche svizzere è una parte importante nelle indagini sull'evasione fiscale. Ciò rappresenta solo una piccola parte del lavoro degli ispettori fiscali, ha puntualizzato il ministro.

Ats 

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-28 01:27:05 | 91.208.130.89