LOSANNA
19.04.2012 - 17:340
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:06

Nestlé Svizzera: lieve aumento vendite in un contesto difficile

LOSANNA - Nestlé Svizzera ha realizzato nel 2011 un giro d'affari di 1,8 miliardi di franchi, con una crescita rispetto all'anno prima inferiore al punto percentuale. Hanno pesato la forza del franco e il turismo degli acquisti, ha affermato Eugenio Simioni, direttore generale della filiale elvetica della multinazionale alimentare vodese, in margine all'assemblea generale del gruppo che si è svolta oggi a Losanna.

"La Svizzera è il solo paese europeo in cui il commercio al dettaglio si è contratto sia in valore che in volume nel 2011", osserva il manager. La situazione valutaria continua a preoccupare: "esportiamo i due terzi della produzione dei nostri dieci stabilimenti in paesi dell'Eurozona", spiega Simioni. "Anche con un cambio di 1,20 franchi per euro abbiamo problemi di competitività".

L'azienda cerca di compensare questo svantaggio applicando un programma di miglioramento continuo. Ciò nonostante la crisi del franco forte ha assorbito i guadagni in produttività degli ultimi tre anni, si è rammaricato il direttore generale. Nestlé Svizzera ha anche ridotto in parte l'assortimento e sottoposto a verifica alcuni processi industriali. L'aumento del tempo di lavoro per i dipendenti non è invece in discussione.

Domani il gruppo Nestlé presenterà i risultati trimestrali.



ATS
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-27 13:18:38 | 91.208.130.85