ZURIGO
08.11.2008 - 21:000
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:03

Il miglior Merlot svizzero al “Grand Prix du Vin Suisse” 2008

da Luigi Bosia
 
ZURIGO - A seguito agli articoli da me già pubblicati ecco ora il comunicato ufficiale di TicinoWine sul “Grand Prix du Vin Suisse” 2008.
Lo pubblico integralmente come mi è stato inviato da Alessandro Pesce.
 
Ancora un risultato di prestigio per il Ticino vitivinicolo. Il “Sassigrossi 2005” della Gialdi Vini di Mendrisio ha vinto il “Gran Premio del vino svizzero 2008” nella categoria Merlot.
 
Un successo che bissa quello del 2007, quando Feliciano Gialdi vinse con il “36”, vedendosi inserito anche il “Biasca Premium” tra i sei vini “nominati” dalla giuria per l’attribuzione del titolo.
 
Nella notte del vino, venerdì sera a Zurigo, è stato decretato miglior vino svizzero in assoluto il “Chevalier Rouge 2006”, un assemblaggio rosso della Vins des Chevaliers SA, Gerhard Constantin di Salgesch.
Piazzamento anche per altri tre vini ticinesi: Il “Meride” di Simone Favini eccellente secondo dopo il “Sassigrossi”, e il “Platinum” di Guido Brivio e il “Rovio Riserva” di Gianfranco Chiesa fra i sei “nominati” nella rosa finale.
 
Il Gran Premio del vino svizzero - organizzato dai due organismi indipendenti VINEA e Vinum - è un concorso aperto a tutti i produttori svizzeri e ha quale obiettivo quello di far conoscere e promuovere la meravigliosa diversità dei vini svizzeri, a dimostrazione della qualità dei crus del nostro paese.
Ben 120 giurati hanno degustato i vini iscritti in 11 categorie; di questi 1.860 vini, solo 66, vale a dire 6 etichette per categoria, si sono contesi i trofei assegnati il 7 novembre.
Quest’anno i campioni sono stati consegnati da 460 cantine di tutte le regioni svizzere, con un 20% di aumento che ha fatto registrare un record di vini in concorso.
I rossi, con 970 crus, hanno superato i bianchi (890), mentre la “star” resta lo Chasselas, vitigno classico della Svizzera Romanda (302).
 
Il Vallese, in qualità di regione viticola più importante del paese, ha presentato il 44% dei vini, seguito da Vaud (23%); alla fine sono stati degustati vini di 16 Cantoni.
Ma ecco i risultati della categoria Merlot: 1° posto per “Sassigrossi” Merlot del Ticino 2005, della Gialdi Vini Mendrisio; 2° posto per “Meride” Merlot del Ticino 2006, della Fa.vino Vini e Distillati di Simone Favini a Salorino; 3° posto “Orchis” Merlot Saillon 2005 di Etienne & Louis Fonjallaz a Epesses, Le Crêt. Vini nominati: “Platinum” Merlot del Ticino DOC 2005, de I Vini di Guido Brivio di Mendrisio; “Rovio Riserva” Merlot del Ticino 2006 della Vini Rovio Ronco di Rovio; Merlot Barrique “Salgesch” 2006 della Cave Biber, di Salgesch.
 
“Un risultato – spiega Francesco Tettamanti, direttore di Ticinowine, l’ente di promozione del vino ticinese – che suona come un prestigioso riconoscimento a una delle aziende leader del nostro Cantone, ma in generale a tutto il settore vitivinicolo ticinese.
Gli sforzi intrapresi nel vigneto e la passione degli enologi e dei cantinieri, sono quindi ripagati dalla conquista di medaglie e diplomi entro e fuori i confini nazionali.
Ma non dobbiamo riposare sugli allori.
Il terzo posto e le nomine ottenute da Merlot non ticinesi, ci devono mettere in guardia: le regioni concorrenti sono agguerrite e bruciano le tappe.
Ecco perché Ticinowine in collaborazione con le altre associazioni di categoria, si impegnerà con sempre maggiore dinamismo per fare in modo che i vini ticinesi siano apprezzati e conosciuti da un pubblico sempre più vasto”.
 
Il concorso è patrocinato dall’Union Suisse des Oenologues (USOE) e rispetta le norme fissate per i concorsi dall’Organisation Internationale de la Vigne et du Vin (O.I.V.) e dall’Union Internationale des Oenologues (U.I.OE.); ciò che ne fa uno dei migliori concorsi al mondo.
Concorso che è patrocinato da COOP, catena di distribuzione molto vicina al vino ticinese e svizzero e in generale ai prodotti di qualità dei diversi terroir. Ulteriori informazioni e classifiche su www.grandprixduvinsuisse.ch  e www.vinea.ch , dove si possono trovare informazioni anche sulla nuova “Guida dei vini svizzeri 2009/2010”, pubblicata da Ringier in francese, tedesco e per la prima volta inglese (www.guide-des-vins-suisses.ch ).
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-22 07:33:21 | 91.208.130.85