keystone-sda.ch (CLEMENS BILAN)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GRIGIONI
4 min
Anche il Bernina Express si mette la mascherina
Indossarla è obbligatorio anche sui treni della Ferrovia Retica
SVIZZERA
37 min
Al massimo cento persone in discoteca
Dopo il Ticino, altri quattro cantoni hanno deciso di limitare le presenze per favorire il contact tracing
FOTOGALLERY
BASILEA CITTÀ
1 ora
Otto nuovi cuccioli allo zoo
Si tratta della discendenza più numerosa registrata negli ultimi 34 anni nel parco zoologico renano.
SVIZZERA
2 ore
Un trucchetto per avere treni puntuali? «No, non inganniamo i viaggiatori»
Le FFS smentiscono che l'evoluzione positiva della puntualità dei convogli sia dovuta al nuovo modello di calcolo.
FOTOGALLERY
VAUD
2 ore
10 anni e 1'000 operai, ma ora l'Abbazia è pronta
La più grande chiesa romanica del nostro Paese riaprirà al pubblico nel weekend.
SVIZZERA
2 ore
Coronavirus: le Pmi svizzere temono la seconda ondata
Per la maggioranza degli interpellati, il rischio è grande. Cresce però l'ottimismo su andamento degli affari e finanze.
ZURIGO
3 ore
Sgominata una baby gang specializzata in furti, truffe e borseggi
La banda composta da quattordici giovani tra i 17 e i 33 anni ha commesso più di 70 reati in tre cantoni.
SVIZZERA
3 ore
Sicurezza informatica: l'Amministrazione federale potrebbe fare meglio
Lo scorso anno gli standard minimi sono stati solo parzialmente soddisfatti, secondo un recente rapporto
BERNA
3 ore
La montagna "razzista" non deve cambiare nome
Il Municipio di Grindelwald non intende cambiare il nome all'Agassizhorn.
SVIZZERA
4 ore
129 nuovi casi di coronavirus in Svizzera
Sei persone sono finite in ospedale. Oltre 10mila i tamponi effettuati
SVIZZERA
4 ore
Un milione per i disabili dalla Catena della Solidarietà
Si tratta di un aiuto urgente per la categoria, particolarmente colpita dalla pandemia
GLARONA
6 ore
Si schianta con il deltaplano, grave un 38enne
L'uomo si è lanciato ieri sera da Amden (SG) ed è precipitato a Weesen (GL)
VALLESE
6 ore
A 104 km/h sul 50: automobilista nei guai
Al conducente di 32 anni è stata ritirata immediatamente la patente e sequestrato il veicolo.
ZURIGO
6 ore
Tui Suisse taglia 70 posti di lavoro e chiude otto succursali
Le filiali saranno smantellate entro la fine di settembre
SONDAGGIO
SVIZZERA
6 ore
L'erba del vicino... suscita curiosità
La stragrande maggioranza degli elvetici conosce i nomi, ma il 75% vorrebbe avere maggiori informazioni.
SVIZZERA
6 ore
Le aziende "snobbano" il lavoro ridotto
In Svizzera richieste inferiori alle attese, meno della metà. La Seco è sorpresa
SVIZZERA
27.05.2020 - 15:170

Greenpeace contro Credit Suisse e UBS sulla protezione del clima: «Solo parole»

L'accusa dell'associazione ambientale riguarda i continui investimenti nell'industria fossile

Le banche interessate hanno però risposto: «Stiamo aiutando i clienti a passare all'economia sostenibile»

ZURIGO - Nonostante gli annunci altisonanti sulla protezione del clima Credit Suisse e UBS continuano a investire massicciamente nell'industria fossile: è l'accusa lanciata da Greenpeace.

In uno studio pubblicato oggi e realizzato da Nextra Consulting su mandato dell'organizzazione ambientalista si conclude che, attraverso i loro finanziamenti e servizi dell'ordine di 70 miliardi di dollari, i due istituti hanno reso possibile fra il 2016 e il 2019 l'emissione di 290 milioni di tonnellate di CO2, una quantità che supera quella generata in un anno dalla popolazione elvetica e dall'industria.

Le critiche di Greenpeace - Particolarmente grave, agli occhi degli autori del documento, è che sono state finanziate anche aziende impegnate nella sfruttamento di fonti energetiche estremamente dannose per il clima, come il carbone e il petrolio estratto dalle sabbie bituminose. Questo sebbene le riserve di combustibile note siano già oggi maggiori di quelle che potranno mai essere bruciate.

Sotto accusa è soprattutto Credit Suisse, che viene ritenuto responsabile del 70% dei flussi di denaro contestati e che in alcuni anni ha finanziato da sola un volume di emissioni superiori a quello che viene prodotto entro i confini elvetici.

«Oggi non c'è più posto, in un'economia compatibile con il clima, per un tale approccio», afferma Peter Haberstich, esperto presso Greenpeace Svizzera. «Il fatto che le banche, nonostante il loro asserito impegno per la protezione del clima, stiano fornendo denaro alle aziende che vogliono espandere lo sfruttamento di combustibili estremamente dannosi dimostra che le loro stesse linee guida non sono efficaci». Secondo l'associazione spetta quindi al mondo politico e alle autorità di regolamentazione dare alle banche direttive chiare e farle rispettare.

Chi è stato finanziato? - Nel tempo trascorso dall'Accordo di Parigi sul clima Credit Suisse e UBS hanno ad esempio aumentato i finanziamenti al gigante delle materie prima Glencore, sebbene la strategia di espansione dell'azienda non sia in linea con il piano ufficiale di uscita del carbone degli istituti. Allo stesso tempo, le grandi banche hanno sostenuto le attività della compagnia petrolifera Total con 600 milioni di dollari, anche se la società prevede di aumentare significativamente la sua produzione di petrolio dalle sabbie bituminose. Secondo lo studio è incoerente che le banche, in ossequio alle loro direttive, rinuncino a finanziare un progetto concreto per costruire ad esempio una centrale elettrica a carbone, ma nel contempo continuino a finanziare - indipendentemente dai progetti - l'azienda che lo promuove.

Delle 101 imprese del settore fossile finanziate da Credit Suisse e UBS che sono state analizzate molte fanno pressione per abrogare o attenuare le normative esistenti sulla protezione del clima, sottolineano i ricercatori. Meno del 5% di queste società persegue un obiettivo climatico che ha una base scientifica. Questo rende evidente che gli impegni in materia di sostenibilità delle banche «non valgono la carta su cui sono stati scritti», afferma Greenpeace. Alla luce di questi risultati, secondo l'organizzazione, il mondo politico deve fissare come priorità quello di far rispettare alla finanza i dettami dell'accordo di Parigi.

La risposta delle banche - I due operatori finanziari non ci stanno però a essere messi alla berlina. In una presa di posizione Credit Suisse riconosce di avere una responsabilità nella lotta ai cambiamenti climatici e si dice consapevole del fatto che i flussi finanziari debbano essere allineati con gli obiettivi decisi a Parigi. La banca vuole perciò aiutare i clienti nel passaggio a un'economia a basse emissioni di CO2 e sostenibile: per farlo nel 2019 ha promulgato a livello di gruppo una strategia di rischio climatico. Fra l'altro negli ultimi dieci anni l'istituto ha fornito oltre 100 miliardi di dollari in finanziamenti per le energie rinnovabili.

Da parte sua UBS afferma di sostenere effettivamente una transizione ordinata verso un'economia a basse emissioni di carbonio, come previsto dall'Accordo di Parigi. L'esposizione della banca nei confronti delle aziende del settore dei combustibili fossili continua a diminuire e ora rappresenta meno dell'1% del totale delle attività di prestito. Inoltre i clienti di UBS l'anno scorso hanno aumentato i loro investimenti sostenibili e legati al clima del 56%, raggiungendo quasi 490 miliardi di dollari.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 1 mese fa su tio
pieno sostegno a greenpeace! ci sono banche alternative che investono in progetti etici e a difesa dell'ambiente.
Tato50 1 mese fa su tio
@sedelin La Banca IOR ?
Canis Majoris 1 mese fa su tio
Eppure c’è chi mette pollice verso, dovreste vergognarvi
tip75 1 mese fa su tio
banche e politici stanno rovinando il mondo,insieme...a caccia di soldi
ciapp 1 mese fa su tio
ma degan na feta !!!
Giulietto 1 mese fa su tio
Il vero problema non sono le banche che comunque fanno il loro sporco lavoro come sempre ma piuttosto le istituzioni corrotte con stipendi o addirittura mazzette da capogiro che permettono tutto questo e se ne fregano ovviamente! A gente senza scrupoli, cioè tutti quelli con un minimo di influenza, questo andrà sempre bene e purtroppo il povero pianeta Terra soffocherà e moriremo tutti incluse le m...dacce che oggi si arricchiscono, piccola soddisfazione personale! :-))
miba 1 mese fa su tio
Sì, delle banche c'è proprio da fidarsi ad occhi chiusi....:):):)
seo56 1 mese fa su tio
Ma basta con sto clima!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-08 17:37:39 | 91.208.130.86