Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Euro sotto la quota di 1.06 franchi
La valuta elvetica si conferma un approdo sicuro in tempi travagliati.
SVIZZERA
1 ora
«La libera circolazione è vitale per l'economia»
Dopo i sindacati, contro l'iniziativa dell'UDC oggi sono scese in campo anche le piccole e medie imprese
TURGOVIA
3 ore
Porcile in fiamme, muoiono 160 maiali
Venti sono invece stati salvati. Nessuna persona è rimasta ferita
SVIZZERA
3 ore
Auto in fiamme, un morto a Lyssach
Il veicolo ha preso fuoco dopo essersi schiantato contro un muro
SVIZZERA
3 ore
L'inverno rientra dalla porta sul retro
Caldo da record ad inizio settimana, ma da mercoledì l'asticella dei gradi si abbasserà nuovamente, con neve in vista
TURGOVIA
3 ore
Arbonia, gli effetti straordinari pesano sulla redditività
La chiusura di tre stabilimenti ha inciso per 10 milioni di franchi
SONDAGGIO
SVIZZERA
3 ore
Ci piacciono le carte di credito, ma non ci fidiamo del contactless
Il mezzo di pagamento è comunque sempre più apprezzato dagli svizzeri, come mostra l'annuale indagine di bonus.ch
SVIZZERA
4 ore
Una microimposta sui pagamenti senza contanti
La propone un'iniziativa, la cui raccolta firme è iniziata oggi
VALLESE
5 ore
La truffa online che passa dalla carta prepagata
Dall'inizio dell'anno dei cybercriminali si sono intascati almeno 16'800 franchi ingannando diversi venditori privati
SVIZZERA
5 ore
Assistenti di volo in protesta: «Non vogliamo pernottare in Italia»
Il personale di cabina svizzero che si trova giornalmente a dover dormire a Milano non gradisce più questa situazione
BERNA
5 ore
Si schianta su un edificio e precipita
L'incidente è avvenuto venerdì a Belprahon. Il parapendista è deceduto ieri in ospedale
BERNA
5 ore
Da 10 anni l’occupazione è in crescita
Sulla piazza economica svizzera si è registrato anche in questo trimestre un aumento dei posti liberi
SVIZZERA
5 ore
Il 2019? Per il vino elvetico è un'annata eccezionale
Ma il raccolto è stato più basso rispetto al 2018, che era stato da record
ZURIGO
7 ore
La FINMA approva il piano di emergenza di Credit Suisse
L'Autorità di vigilanza sui mercati finanziari ha annunciato i risultati della sua valutazione di 5 banche
ZURIGO
17 ore
Dirigenti delle aziende cantonali: no al tetto da 1 milione di franchi all'anno
Il Gran Consiglio ha bocciato la richiesta del PS
GRIGIONI
20 ore
Scontro sulle piste, grave un 64enne
L'altra persona coinvolta si è allontanata dal luogo dell'incidente. La Polizia cerca testimoni
GRIGIONI
21 ore
Coronavirus: guardia alta in vista della maratona di sci
Le istituzioni grigionesi sono pronte ad adottare le opportune misure in caso di diffusione della malattia nel cantone
ZURIGO
22 ore
Il Parlamento più femminile è zurighese
Il Gran Consiglio conta il 40,5% di donne. Nel nostro Paese solo il Consiglio nazionale fa meglio
BERNA
1 gior
Si rompe un cornicione di neve, muore un 25enne
Il giovane e un accompagnatore si trovavano nella Regione del Susten e si stavano preparando a scendere
SVIZZERA
1 gior
«L'iniziativa UDC è un attacco a tutti i lavoratori»
A dirlo sono i sindacati, secondo cui le condizioni di lavoro peggiorerebbero e la Svizzera verrebbe isolata
SVIZZERA
1 gior
Emmi sta alzando i prezzi
«La decisione è stata difficile da prendere» assicura il Ceo Urs Riedener.
SVIZZERA
1 gior
Nuovo boom dei giochi da tavolo
I millennials sono il motore di questa rinascita, e il gioco più venduto probabilmente lo avete anche voi
ZURIGO
1 gior
BNS, gli averi a vista salgono ancora
Si tratta del sesto incremento consecutivo
BERNA
06.02.2020 - 08:430
Aggiornamento : 10:04

Arrivano gli austriaci e si prendono le aziende svizzere

Non hanno messo le mani solo sulla Globus; anche le ferrovie di montagna svizzere sono di proprietà austriaca, e non solo.

di Redazione
F.P./Robert Krcmar

BERNA - Martedì mattina Migros ha chiuso l’affare: la società austriaca “Signa Holding” e la thailandese “Central Group” hanno acquistato insieme la Globus, società affiliata a Migros. Non è la prima volta che un'azienda austriaca fa il suo ingresso nel mercato svizzero.

Per il Segretario generale della Camera di Commercio Svizzera-Austria-Liechtenstein l’impegno delle aziende austriache in Svizzera è qualcosa di positivo. «La Svizzera può beneficiare dell’esperienza delle aziende austriache nel centro e nell’est Europa» ha affermato Urs Weber.

L’Austria ha investito in queste aziende, ed ecco cosa intende fare.


Keystone

Globus
I nuovi proprietari della Globus, l’austriaco René Benko con la sua società “Signa Holding” e la thailandese “Central Group”, vogliono posizionare il grande magazzino nel settore del lusso nelle grandi città svizzere. «Se dovessero riuscire nell’impresa di posizionare la Globus come desiderano, potrebbe risultare un affare molto promettente», ha dichiarato Matthias Geissbühler, Chief Investment Officer di Raiffeisen Svizzera. Il commercio al dettaglio è estremamente competitivo, e la pressione proveniente dal commercio online è molto grande. Tuttavia, nel settore del lusso, i clienti tendono a voler valutare dal vivo gli articoli.

XXXLutz
Già due anni fa l’azienda mobiliare austriaca XXXLutz ha fatto il suo ingresso nel mercato svizzero. La società numero 2 nel mercato mobiliare europeo ha investito largamente nel nostro Paese, con l’acquisizione dei negozi di mobili Pfister e Interio. In questo modo la XXXLutz si è collocata bene, sostiene Geissbühler. Nel mercato mobiliare, estremamente concorrenziale e frammentario, la grandezza delle aziende è decisiva. In questo modo la XXXLutz può tener testa nella guerra dei prezzi. 

Dr. Richard
L’impresa di trasporti austriaca Dr. Richard è presente in Svizzera da oltre 10 anni. Con circa 20 pullman è una delle più grandi società di pullman svizzere, sostiene Patrick Angehrn, Responsabile dello sviluppo degli affari in Svizzera. Sta sondando il terreno per un’ulteriore crescita nel settore dei pullman, vorrebbe richiedere però anche la concessione per i trasporti nazionali con autobus a lunga percorrenza. Un’impresa non certo facile. Secondo Thorsten Merkle, della scuola universitaria professionale dei Grigioni, il mercato interno è complicato, e l’eccezionalmente estesa ÖV è un concorrente difficile. Alcuni fornitori di bus hanno tentato di fare concorrenza alle FFS con prezzi più vantaggiosi, i bus non sono però altrettanto veloci quanto i treni delle FFS.


Keystone

Ferrovie di montagna a Savognin e Saas-Fee
L’imprenditore austriaco Peter Schröcksnadel (78 anni) è entrato quale investitore nelle ferrovie di montagna a Savognin 10 anni fa, e nelle ferrovie di montagna a Saas-Fee circa un anno fa. Schröcksnadel è anche Presidente della Federazione austriaca di sci. Siccome possiede la maggioranza delle azioni, le ferrovie di montagna a Saas-Fee hanno potuto scongiurare la strategia caratterizzata da tessere stagionali più economiche. Secondo l’esperto del turismo Christian Lasser dell’università di San Gallo, la decisione non è una sorpresa. Con delle tessere stagionali più economiche, le ferrovie di montagna a Saas-Fee avrebbero dovuto rinunciare a delle entrate, e ne avrebbero beneficiato principalmente gli alberghi della regione. «Ciò non sarebbe stato sostenibile per le ferrovie di montagna», sostiene Laesser.

Il fatto che le aziende austriache investono in Svizzera è considerato da Matthias Geissbühler come un «normale sviluppo in un mondo globalizzato». Geissbühler ha aggiunto inoltre, citando l’esempio di Globus e XXXLutz, che gli austriaci puntano a crescere, e non a tagliare posti di lavoro. Egli trova che è bello che siano delle aziende svizzere ad essere attive sul territorio, per i clienti però la cosa più importante sono dei prodotti di qualità a prezzi attrattivi.


Keystone
René Benko

Mr. Globus ha 5 miliardi di euro
Discreto, ma attratto dal lusso. Il 42enne René Benko sta facendo parlare di sé, è infatti lui che ha acquistato la Globus di Migros. Con un patrimonio stimato sui 5 miliardi di euro, si colloca al terzo posto tra gli uomini più ricchi d'Austria, e la sua azienda è tra i maggiori investitori immobiliari in Europa. È innamorato della sua ferrari e dei suoi accessori d’oro sin dai tempi della scuola, raccontano i suoi ex compagni. La carriera del multimiliardario “self-made” è iniziata in giovane età: convertendo sottotetti in appartamenti di lusso, a 20 anni era già riuscito a racimolare quasi un milione di franchi. In seguito ad un primo matrimonio non riuscito, è ora sposato con l’ex modella Nathalie, con cui ha avuto 4 figli. 

Benko è anche stato al centro di alcune polemiche: denunciato in passato per un caso di corruzione, ha molti contatti nell'élite politica austriaca e nelle redazioni dei giornali, relazioni che hanno spesso fatto alzare dei dubbi sulla misura in cui Benko influenzi la corrispondenza giornalistica.

Ma cosa ci fate in Svizzera?
Come mai le aziende all'estero decidono di investire da noi? Oltre alle più classiche considerazioni economiche, ci sono anche altri punti e curiosità a favore del nostro Paese. Una delle motivazioni principali è la stabilità, infatti l’ultimo sciopero generale in Svizzera è avvenuto più di 100 anni fa. Inoltre, le imprese estere possono tenere conto di trovare personale qualificato: sapevate che la Svizzera è al secondo posto per numero di premi Nobel rispetto alla popolazione? E chiaramente ha una certa importanza anche la qualità della vita: ben 3 città svizzere si situano tra le prime 15 città con la migliore qualità della vita. In aggiunta, abbiamo una cultura multilingue rara, pochi altri Paesi possono vantare un’ampia conoscenza di diverse lingue così diffuse.

Keystone
Guarda le 3 immagini
Commenti
 
klich69 2 sett fa su tio
Investono sì certamente ma non a lungo termine perché c’e la fregatura ue che fa pressione sui scemi federali e questi sono a 90 subito. Quindi non è buonismo caso mai è ignoranza al di qua dell’austria.
Galium 2 sett fa su tio
Direi che dobbiamo ringraziare il cielo che gruppi stranieri investano in Svizzera. Fare del nazionalismo è assolutamente fuori luogo, tanto più che molte società svizzere investono all'estero con successo e con beneficio di entrambe le parti.
roma 2 sett fa su tio
...quando si accorgeranno che qui non c'è trippa per gatti se ne andranno lasciando qui qualche debito di troppo, qualche disoccupato in più e un "tot" di macerie.
patrick28 2 sett fa su tio
Forza Austria ! Forza UE !
Mattiatr 2 sett fa su tio
@patrick28 E che palle ;-)
Liberopensiero 2 sett fa su tio
@patrick28 Spero almeno che tu viva in Italia!
LordK 2 sett fa su tio
UST: Evoluzione dei gruppi d'imprese multinazionali in Svizzera, 2014–2018 Gruppi d'imprese multinazionali Numero gruppi 17314 Numero imprese 28622 Numero addetti 1408277 Sotto controllo estero Numero gruppi 8042 Numero imprese 12398 Numero addetti 489593 Questi dati si riferiscono solo alle multinazionali che, come possiamo notare, impiegano un quarto dei lavoratori in Svizzera. Possiamo però anche notare che se per numero gruppi e numero imprese, quelle sotto il controllo estero sono ormai poco meno della metà rispetto a quelle sotto controllo domestico, questo non si riflette per il numero di adetti che risulta essere poco più di un terzo. Un’altro degli aspetti che emerge dalla statistica dell’UST è che sempre più persone lavorano in Svizzera per aziende che fanno capo a proprietari cinesi. A voi le conclusioni.
Bandito976 2 sett fa su tio
Bravi, dategli anche la casa, soldi e cittadinanza
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-25 14:21:42 | 91.208.130.89