Tipress
SVIZZERA
02.01.2020 - 17:350

La metà degli svizzeri non prevede cambiamenti per la propria situazione economica

Un terzo invece è ottimista, mentre calano i pessimisti

di Redazione
ats

BERNA - Gli svizzeri sono ottimisti per il 2020: un terzo ritiene che quest'anno la propria situazione economica migliorerà e solo il 44% è preoccupato per i tassi negativi praticati dalla banche. È quanto emerge da un sondaggio rappresentativo commissionato da comparis.ch.

Il 54% degli intervistati non prevede nessun cambiamento della propria situazione economica, un tasso stabile rispetto ai sondaggi condotti negli ultimi cinque anni. I "pessimisti" sono scesi al 13% mentre la percentuale di chi conta su un miglioramento è salita al 33% ed è la più elevata degli ultimi quattro anni. Di questi, un terzo ha in prospettiva un lavoro meglio retribuito per sé stesso o per il partner. Sono invece in calo rispetto allo scorso anno coloro che contano su un aumento di stipendio o bonus (30,9% contro il 37,9%).

La persistenza dei tassi di interesse negativi preoccupa meno della metà degli intervistati (43,9%), con punte oltre il 50% solo fra gli over 55 (50,6%). "Evidentemente il tema dei tassi punitivi è per molti ancora piuttosto astratto, benché il prossimo anno potrebbero esserne fortemente colpiti anche i piccoli risparmiatori", afferma Michael Kuhn, esperto di finanze e consumi presso Comparis.

A suo avviso il livello di conoscenze sulla questione è molto scarso. Solo il 15,2% degli intervistati prevede di aumentare gli investimenti in fondi e azioni. L'11,3% pensa di mettere il proprio denaro in cassaforte, mentre l'11,1% prende in considerazione l'opzione di cambiare banca. Il 43,5% invece non intende adottare alcun provvedimento, mentre 17,8% ha risposto che "risparmierà di più".

Il riscaldamento globale influisce solo marginalmente sulle decisioni relative a consumi e finanze. La fascia di popolazione meno sensibile al dibattito è quella con un livello di istruzione medio. Il 79,8% di questo gruppo (al quale appartiene il 44% della popolazione residente) dice di non essere influenzata da temi ambientali per quanto riguarda finanze e consumi (contro il 64,1% con un livello di istruzione basso e il 67% con un livello di istruzione elevato).

Per quanto riguarda l'età, il tasso di sensibilizzazione più alto si registra tra gli under 25 (34,8%) e tra i pensionati dai 66 anni in poi (35,3%) mentre solo il 20,4% degli intervistati tra i 44 e i 55 anni di età dichiara che il cambiamento climatico ha un impatto da importante o molto importante sul comportamento relativo a finanze e consumi.

Il sondaggio è stato condotto nel mese di dicembre dall'istituto di ricerche di mercato Innofact e ha coinvolto 1'021 persone in tutte le regioni della Svizzera.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 1 anno fa su tio
E l'altra metà un peggioramento ;-(( A parte i soliti noti ;-((((
Bayron 1 anno fa su tio
.... solo aumento di tasse..
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-11 09:24:47 | 91.208.130.85