Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
12 min
«Pronto a diventare presidente dei Verdi»
Il capogruppo ecologista alle Camere federali Balthasar Glättli conferma la sua candidatura. Il successore di Regula Rytz verrà designato il 28 marzo
FOTO
SVIZZERA
1 ora
Altro duo per la presidenza del PS
I consiglieri nazionali Mathias Reynard e Priska Seiler Graf hanno deciso di correre insieme per la co-presidenza
VALLESE
12 ore
La terra ha tremato in Vallese
Una lieve scossa di grado 3 è stata avvertita questa sera, nella zona di Grächen
GINEVRA
13 ore
Quei flirt (pericolosi) tra secondini e detenuti
L'ultimo caso è avvenuto nella prigione-ospedale Curabilis nel Canton Ginevra. Il più eclatante fu quello di Hassan Kiko e Angela Magdici
BERNA
15 ore
Le spara «per passione», arrestato
Una donna di Thun ferita da un colpo di pistola. È in gravi condizioni. In manette un uomo
SVIZZERA
15 ore
Le piazze svizzere contro il 5G
Manifestazioni oggi a Berna, Ginevra e Zurigo. I dimostranti «preoccupati per la salute»
GRIGIONI
15 ore
Tagliata fuori dalla foto con Greta
L'attivista ugandese Vanessa Nakate polemizza con l'agenzia AP: «Discriminata perché di colore»
VAUD
19 ore
Il predatore sordo che la giustizia non ha saputo fermare
Per almeno un decennio un giovane ha abusato sessualmente di diverse ragazze con il suo stesso handicap. E questo nonostante le condanne
SVIZZERA
20 ore
«Pragmatismo e fiducia in se stessi», ecco il Maurer-pensiero
Il consigliere federale democentristasi è battuto per una politica ambientale pragmatica e una politica estera consapevole
SVIZZERA
06.12.2019 - 10:430

Roche: anche la quinta generazione al comando

Sette rappresentanti sono stati inclusi nel principale gruppo di azionisti, che controlla il 45,01% del colosso farmaceutico basilese

di Redazione
ats

BASILEA - Roche vede salire sul ponte di comando dell'azionariato anche la quinta generazione dei discendenti del fondatore dell'azienda, Fritz Hoffmann-La Roche: sette suoi rappresentanti sono stati inclusi nel principale gruppo di azionisti, che controlla il 45,01% del colosso farmaceutico basilese.

Il pool in questione comprende ora sei membri della quarta generazione e nove membri della quinta generazione (due vi facevano già parte), ha indicato in un comunicato diffuso ieri sera la banca privata renana Scobag, di proprietà della famiglia Hoffmann-La Roche.

Con l'integrazione della quinta generazione il gruppo sottolinea la sua volontà di preservare l'autonomia e l'indipendenza di Roche a lungo termine. L'arrivo in forze dei famigliari più giovani «è la prova che le nostre famiglie continueranno, nei decenni a venire, a preservare la stabilità della base azionaria di Roche, come hanno fatto per più di 120 anni», afferma André Hoffmann, portavoce del gruppo di azionisti e vicepresidente del consiglio di amministrazione di Roche.

«Questo approccio permetterà al gruppo di mantenere il suo posizionamento a lungo termine: come tutti sappiamo un lungo lasso di tempo è un fattore chiave di successo per la ricerca e lo sviluppo nel settore farmaceutico e diagnostico».

Il contratto che ha creato il gruppo di azionisti in questione risale al 1948, si legge nel rapporto annuale 2018. Il secondo principale proprietario di Roche è il concorrente Novartis, che detiene una quota del 33,33%: Daniel Vasella (CEO di Novartis fra il 1996 e il 2010, nonché presidente fra il 1999 e il 2013) aveva ammassato azioni Roche con l'intenzione di arrivare a una fusione fra i due gruppi. Lo scenario non si è poi concretizzato.

Nel 2016 si era così parlato di una possibile vendita della quota di Novartis, ma nell'anno successivo la stessa azienda aveva fatto sapere di non volerlo fare: l'impegno in questione veniva descritto come un «investimento finanziario con una certa componente strategica».

Roche è una delle maggiori imprese farmaceutiche al mondo. Nel 2018 ha realizzato un fatturato che sfiora i 57 miliardi e un utile da capogiro: quasi 11 miliardi. È attiva a livello mondiale con più di 94'000 dipendenti. L'impresa è stata fondata nel 1896 da Fritz Hoffmann-La Roche (1868-1929), esponente del cosiddetto "Daig", termine con cui ci si riferisce agli strati sociali più elevati di Basilea, che a lungo si sono tenuti lontani dalle classi medie e popolari, ma anche dai nuovi ricchi. Nel 1919 l'azienda venne trasformata in società anonima.

Da allora ha continuato a crescere e ad avere successo. A titolo d'esempio, nel 2018 ha aumentato il dividendo per la 32esima volta consecutiva, cosa che poche aziende quotate al mondo sono riuscite a fare. La pioggia di denaro ha fatto e fa la gioia delle famiglie Hoffmann e Oeri, che secondo la classifica 2019 del mensile economico Bilanz insieme hanno un patrimonio di 27 miliardi di franchi: sono al secondo posto nella graduatoria dei più ricchi del paese, guidata dai discendenti del defunto fondatore di Ikea Ingvar Kamprad.
 

Commenti
 
miba 1 mese fa su tio
Bravo a quello che finora appare come unico like positivo! Quando ricevi i premi della tua cassa malati facci qualche pensieri no sub quanto ci sta dietro :)
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-26 10:08:53 | 91.208.130.85