Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VAUD
1 ora
Bex, ritrovata senza vita nei pressi di un rifugio
La vittima è una 30enne ungherese, residente a Ginevra. Gli inquirenti ipotizzano un incidente di montagna
BERNA
1 ora
Luogo del contagio "ignoto": «Il tracciamento dei contatti rimane poco efficiente»
Alle catene di trasmissione mancano anelli. Un membro della Task force Covid punta il dito contro i Cantoni.
SVIZZERA
1 ora
Coronavirus: per il presidente del CS servono ulteriori aiuti alle aziende
Quelli proposti finora «sono prestiti, non regali», lamenta Rohner. In mente, però, non ha un programma congiunturale.
ZURIGO
4 ore
Il bagno notturno nella Glatt finisce in tragedia
Un 48enne è deceduto dopo aver tentato di soccorrere un altro natante sorpreso dalle correnti
SVIZZERA
4 ore
In Svizzera 152 nuovi contagi
In calo rispetto a ieri i nuovi positivi, ma il Covid continua a diffondersi
SVIZZERA
5 ore
Exit non assisterà più gli svizzeri residenti all'estero
Lo ha confermato la stessa organizzazione in una lettera ai suoi soci, le motivazioni sono di carattere pratico
BERNA
5 ore
Schianto dello Ju-52: Berna vuole vederci chiaro
L'autorità per l'aviazione olandese è stata incaricata d'indagare sull'incidente e su eventuali manchevolezze dell'UFAC.
GRIGIONI
6 ore
A 143 km/h sugli 80, e dice ciao alla sua Mini (e alla patente)
Un sabato di controlli di velocità in Val Müstair con diversi “flash” e ben 9 patenti ritirate
SVIZZERA
6 ore
«Il riscaldamento climatico sta bruciando le nostre Alpi»
Fra ghiacciai in fusione, siccità e frane l'allarme dell'Iniziativa delle Alpi: «Non si può più tergiversare»
SVIZZERA
7 ore
«La pandemia ha logorato i nervi degli svizzeri»
Che sono più stanchi e facili alla rabbia (anche sui social), ne è convinto Alain Berset: «Anche per noi è difficile»
SVIZZERA
8 ore
Hai cibo in valigia? Potresti rischiare una multa
Per importare vegetali, frutta, verdura, fiori recisi, sementi e altri prodotti freschi serve un certificato.
SVIZZERA
05.12.2019 - 14:570

«BNS? Gli utili vadano agli svizzeri, sono bravi alle urne»

È l'opinione di Kurt Schiltknecht, ex capo economista della stessa banca

di Redazione
ats

ZURIGO - «Se il franco è diventato attrattivo, è anche grazie al comportamento alle urne degli svizzeri: gli utili della Banca nazionale (BNS) vanno quindi distribuiti fra la gente, e non stoccati nei caveau dell'istituto o peggio usati per progetti vari». Lo sostiene Kurt Schiltknecht, ex capo economista della stessa banca.

«Sarebbe ingiusto attribuire gli enormi guadagni della BNS unicamente alla politica monetaria orientata alla stabilità», afferma Schiltknecht in un contributo pubblicato oggi dal settimanale Weltwoche. Altrettanto importante è stata la politica fiscale ed economica praticata dal paese. «Anche il comportamento del cittadino votante elvetico, ben orientato nei confronti dell'economia e contrario ai colpi di testa, ha contribuito all'attrattiva del franco».

Secondo lo specialista - che è stato anche docente universitario, presidente del consiglio di amministrazione di Bank Leu e collaboratore dell'Ocse - fino a quando le riserve di divise rimarranno al livello attuale (quasi 780 miliardi a fine ottobre), pur tenendo conto delle variazioni dei corsi la BNS dovrebbe essere in grado di realizzare un utile di oltre 10 miliardi all'anno (nei primi nove mesi del 2019 il profitto è stato di 51 miliardi). «Questi guadagni devono andare a beneficio di larghe cerchie della popolazione», si dice convinto il 78enne.

Una possibilità sarebbe quella di far confluire il denaro, sotto forma di titoli esteri, in un fondo di riserva AVS o in un altro fondo di riserva statale. Questo sarebbe giustificato anche dal fatto che l'attuale politica espansiva della BNS e gli interessi negativi hanno portato a un'immotivata ridistribuzione di redditi e patrimoni: dei tassi bassi o sotto zero approfittano infatti in primo luogo i proprietari immobiliari e gli azionisti, nonché i debitori, mentre i risparmiatori vengono gabbati.

Completamente sbagliato, secondo Schiltknecht, sarebbe per contro usare gli utili della BNS per un qualunque progetto statale o per finanziare la spesa corrente, sia anche quella dell'AVS: il finanziamento di questa opera previdenziale deve infatti poggiare su basi solide a lungo termine. Questo perché prima o poi arriveranno i tempi in cui gli investitori stranieri faranno scendere le loro posizioni in franchi.

Errato sarebbe pure lasciare i profitti alla BNS: per Schiltknecht farli al contrario confluire in fondi di riserva dello stato destinati a far fronte a eventi imprevisti permetterebbe di mostrare ai cittadini quanto sia importante rimanere ancorati a una politica economica e monetaria stabile. Sarebbero anche più chiari i rischi che si assumerebbero abbandonando la rotta per lasciarsi andare all'attivismo in campo fiscale, economico o di protezione del clima, conclude l'esperto.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Led Swan 8 mesi fa su fb
Non mi risulta sia stato il popolo a decidere di imporre il cambio a 1.20 a suo tempo e neppure che la popolazione abbia potuto esprimersi riguardo al continuo acquisto di carta straccia (euro) per mantenere l'attuale cambio attorno al 1.10. In realtâ si sta semplicemente favorendo le industrie di esportazione le quali, da quanto si può vedere, trasferiscono parte o tutta la produzione in altri paesi perchê non sarâ il cambio 1.10 o 0.90 che potrà entrare in concorrenza con i salari dei paesi dell'est Europa.....
Gus 8 mesi fa su tio
Visto che dice cose sensate non lo seguirà nessuno, soprattutto PS ( che vuole sempre più tasse) e UDC (che vuole sempre meno uscite)
Mattiatr 8 mesi fa su tio
La banca nazionale Svizzera è una SA di proprietà di privati, cantoni, e banche cantonali. Di conseguenza non spetta alla confederazione richiedere gli utili della stessa.
Arminda Armi 8 mesi fa su fb
L opinione del Sig. Schittknechtn ,penso che sia condivisa da una grande fetta della popolazione , ma ,? -ci sono tanti ma, a cominciare , dai partiti politici, agli imprenditori, ai cantoni, ai comuni ,da chi da sempre si aspetta e conta su una parte di questi utili ,per finanziare le spese correnti,e ha già messo in preventivo una somma consistente e in mancanza della stessa non è in grado di far quadrare i conti. Poi ci sono gli altruisti che vorrebbero aumentare i contributi a fondo perso da destinare all estero . In poche parole al cittadino Svizzero tocchera sempre il 2 di picche , pagare e stare a guardare.. 🥺.
GI 8 mesi fa su tio
tutto bene nella misura in cui questi utili non siano quelli realizzati sulla carta (valutazione degli attivi/passivi) come spesso è il caso !!
Sandro Curcio 8 mesi fa su fb
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-09 16:40:29 | 91.208.130.89