Keystone
Martin Haefner: «Mi sono fatto avanti per assicurare il futuro dell'azienda»
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA/CINA
4 ore
Le multinazionali elvetiche in Cina: «Lavorate da casa e lavate le mani»
Le aziende stanno monitorando attentamente la diffusione del virus della nuova polmonite cinese
ZURIGO
7 ore
«La neve industriale è comune vicino agli inceneritori»
A tu per tu con una meteorologa sul fenomeno che stamani ha interessato la regione di Zurigo: fiocchi di neve, che però non erano di vera neve
GRIGIONI
8 ore
«L'accordo di Parigi? Questione di sopravvivenza»
Dal palco del WEF Angela Merkel ha parlato di cambiamento climatico: «L'impazienza dei giovani è costruttiva. È la nostra generazione che deve agire»
FOTO E VIDEO
SVIZZERA
9 ore
Ecco la più piccola moneta d'oro del mondo
Realizzata dalla zecca federale, ha un diametro inferiore ai tre millimetri e pesa solo 63 milligrammi
ARGOVIA
9 ore
Figlia sottratta alla madre, pene sospese per il padre e la nonna
La vicenda era balzata alla ribalta della cronaca nel maggio del 2015 quando la bimba fu rintracciata in Francia con la donna
LIECHTENSTEIN
10 ore
Distratto da una cicca, finisce contro un albero
Il singolare incidente è avvenuto ieri pomeriggio a Vaduz
ZURIGO
11 ore
Personale d'albergo a scuola di LGBT
Sempre più hotel svizzeri mandano i dipendenti a corsi che permettono loro di familiarizzarsi con il mondo omo, bi e transessuale
BASILEA CAMPAGNA
12 ore
Il camion perde la ghiaia, strada chiusa oltre un'ora
La carreggiata in direzione est è stata ricoperta per alcune centinaia di metri, ciò che ha reso necessari intensi lavori di sgombero
ZURIGO
12 ore
Proteste anti-WEF, poliziotto ferito
Un agente zurighese è stato colpito all'occhio da un razzo pirotecnico, riportanto lesioni «non irrilevanti»
SVIZZERA
14 ore
Depositata l'iniziativa «per premi meno onerosi»
Il Partito socialista ha racimolato 118'000 firme in soli dieci mesi. Carobbio: «La velocità con cui sono state raccolte ne dimostra l'importanza»
ZURIGO
15 ore
Ragazza investita mentre attraversava le strisce
La giovane di 17 anni è rimasta gravemente ferita ieri sera a Horgen
SVIZZERA
03.12.2019 - 10:520

Schmolz+Bickenbach: c'è l'accordo tra gli azionisti, il titolo vola in borsa

L'azienda siderurgica è in difficoltà a causa del rallentamento della congiuntura nel settore automobilistico

di Redazione
Ats

LUCERNA - Riflettori puntati su Schmolz+Bickenbach (S+B) oggi, dopo che ieri i suoi grandi azionisti hanno trovato un accordo per dare il via alla ricapitalizzazione dell'azienda siderurgica messa in difficoltà dal rallentamento della congiuntura nel settore automobilistico. I titoli del gruppo lucernese, che dà lavoro a 10'000 persone nel mondo e a 800 in Svizzera, salgono di oltre il 30%, pur valendo sempre solo qualche decina di centesimi.

L'assemblea generale straordinaria svoltasi ieri pomeriggio a Emmenbrücke (LU) è cominciata in ritardo per permettere a Martin Haefner, imprenditore che controlla l'importatore di auto Amag, e Liwet Holding, società controllata dal miliardario russo Viktor Vekselberg, di trovare un'intesa.

Il piano prevede che Haefner, attraverso la società di partecipazioni Bigpoint, aumenti la sua quota dal 17,5% al 37,5%, diventando così il principale azionista. In cambio alla Liwet è stato garantito che controllerà sempre il 25%, né più, né meno: vale a dire che la sua partecipazione non sarà annacquata.

La manovra - approvata subito dal consiglio di amministrazione e poi dall'assemblea, con il 79% dei voti - permetterà a Haefner di iniettare 325 milioni in S+B, denaro di cui il colosso - nel 2018 ha realizzato un fatturato di 3,3 miliardi di franchi - ha urgentemente bisogno per evitare l'insolvenza.

Resta da sciogliere però ancora un nodo legale: superando la quota di un terzo Haefner sarebbe tenuto a presentare un'offerta pubblica di acquisto (opa). Ha però chiesto di essere esonerato, una deroga che è prevista come eccezione dalle normative vigenti. La Commissione delle opa (COPA) ha però risposto picche, ritenendo che sussistano anche altre possibili misure di risanamento, senza superare il limite oltre il quale scatta l'obbligo di presentare un'offerta agli altri azionisti: un'eccezione a suo avviso quindi non si impone. Contro questa decisione è stata presentato ricorso: spetterà quindi ora all'Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (Finma) dirimere la questione.

In attesa dei segnali da Berna in seno a S+B domina comunque la cautela. Il presidente del Cda Jens Alder - che per sette anni è stato Ceo di Swisscom, vedendosi fra l'altro opporre resistenza ad alcuni progetti di espansione all'estero, e che dal 2015 è sia Ceo che presidente del Cda del gruppo energetico Alpiq - ha tracciato il quadro di un'azienda da tempo insufficientemente capitalizzata e troppo debole per affrontare la ciclicità insita nel mercato automobilistico.

Per Alder sono quindi necessarie altre misure di compressione dei costi e ristrutturazioni. I vertici non hanno comunque l'intenzione di strozzare l'impresa attraverso i risparmi, ha assicurato il 62enne che a fine aprile ha assunto il timone dell'organo di conduzione strategica di S+B, non senza sollevare critiche: nel mirino vi è appunto il doppio ruolo di Ceo e presidente che ha già per Alpiq, funzioni che secondo taluni dovrebbero essere già abbondantemente sufficienti per riempire le sue giornate lavorative.

Ottimismo è stato mostrato da Haefner. «Mi sono fatto avanti per assicurare il futuro di Schmolz+Bickenbach», ha detto nel corso dell'assemblea. «Con il mio investimento posso dare il mio contributo a un bilancio robusto e intendo mostrare una chiara leadership nell'azionariato».

L'azienda Liwet parla di una «soluzione costruttiva nell'interesse di tutte le parti coinvolte». Ora è possibile procedere a un'analisi approfondita del gruppo: si tratta di ottimizzare i processi produttivi ed eventualmente di avviare la cessione di attività non centrali.

La ricapitalizzazione avverrà attraverso l'emissione di azioni che verranno proposte in tre fasi a 30, 25 e 20 centesimi. Nel frattempo in borsa in mattinata il titolo S+B è arrivato a guadagnare sino al 38% rispetto a ieri, salendo a un massimo di quasi 29 centesimi sulla scia di positivi commenti di analisti. L'azione aveva raggiunto un livello massimo, a oltre 13 franchi, nel 2007. Negli ultimi quattro anni non ha mai superato il valore di 1 franco.
 
 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-24 03:41:20 | 91.208.130.86