Keystone (archivio)
Ognuna delle 229 banche Raiffeisen disporrà di un voto nelle future assemblee generali.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
36 min
«BNS? Gli utili vadano agli svizzeri, sono bravi alle urne»
È l'opinione di Kurt Schiltknecht, ex capo economista della stessa banca
FOTO
SVIZZERA
54 min
La centrale nucleare di Beznau sta per compiere 50 anni
Entrò in funzione il 9 dicembre del 1969
SVIZZERA
56 min
La moneta dedicata a Roger Federer è già esaurita
I 33'000 esemplari d'argento, disponibili in prevendita a partire dallo scorso lunedì, sono andati a ruba
ARGOVIA
1 ora
Distrugge il radar che lo aveva beccato: «Nulla di così grave»
Il 29enne italiano minimizza i fatti avvenuti venerdì sera a Winterthur, ma poi perde la pazienza e se ne va
SVIZZERA
2 ore
In Svizzera le tasse non fanno poi così male
Nella classifica per il 2018 stilata dall'OCSE il nostro Paese è 31esimo (su 36) nella pressione fiscale
SVIZZERA
2 ore
«Per il 5G è necessario un nuovo rapporto»
Lo ha deciso il Consiglio degli Stati, questo perché «vi è ancora troppa incertezza»
SVIZZERA
3 ore
Buste paga più pesanti per Aldi
Nel 2020 la massa salariale presso la catena di supermercati salirà dell'1%
VIDEO
SVIZZERA
3 ore
La Posta "travolta" dallo shopping del Black Friday
Al Gigante giallo sono pervenuti oltre 5,9 milioni di pacchi in una settimana. Un aumento del 15% rispetto al 2018
SVIZZERA
3 ore
Contadini più indennizzati nella perdita dei terreni agricoli
La legge federale sull'espropriazione risalente al 1930 non è più attuale: il Consiglio degli Stati l'ha rivisitata adeguando le procedure alle esigenze attuali
SVIZZERA
4 ore
Avs, salute e stranieri: queste le preoccupazioni degli svizzeri
Evidenziate dall'annuale "Barometro delle apprensioni" di Credit Suisse, l'esperto: «Dalla politica ci si aspettano soluzioni»
SVIZZERA
4 ore
Il contratto fra la Posta e Amazon è «da rivedere»
Lo ha deciso il Consiglio degli Stati approvando una mozione già vidimata dal Nazionale
SVIZZERA
16.11.2019 - 21:140

Raiffeisen, nuove strutture per voltare pagina

Le singole banche potranno fare sentire maggiormente la loro voce presso la sede centrale. Ogni banca disporrà di un voto nelle future assemblee generali

di Redazione
ats/awp

ZURIGO - Il Gruppo Raiffeisen si è dato oggi nuove strutture, che dovrebbero permettere al terzo istituto di credito elvetico di voltare definitivamente pagina dopo l'era del Ceo Pierin Vincenz. Le singole banche potranno fare sentire maggiormente la loro voce presso la sede centrale, hanno deciso i delegati riuniti in assemblea generale straordinaria a Zurigo, stabilendo pure che sulla remunerazione dei dirigenti si svolgerà una votazione consultiva.

La riforma è stata avviata un anno fa. «Con le decisioni di oggi il Gruppo Raiffeisen apre un nuovo capitolo della sua storia», ha dichiarato in una conferenza stampa dopo l'assemblea Guy Lachappelle, presidente del consiglio di amministrazione (cda) di Raiffeisen Svizzera.

Le nuove strutture di Raiffeisen sono la conseguenza dell'epoca dell'ex direttore generale Vincenz. L'assemblea dei delegati ha voluto evitare che Raiffeisen Svizzera possa detenere all'interno della società cooperativa il potere che aveva all'epoca del Ceo grigionese.

Ognuna delle 229 banche Raiffeisen disporrà di un voto nelle future assemblee generali. Oggi, le singole regioni inviano i loro delegati secondo una chiave di distribuzione matematica.

Inoltre vi sarà «uno scambio di opinioni istituzionalizzato» tra organi di Raiffeisen Svizzera e comitati delle Banche Raiffeisen. I delegati hanno iscritto questo principio nello statuto dell'istituto di credito.

«Sono fiero che nel processo di riforma abbiamo riconsiderato le nostre radici riportando in primo piano i nostri valori e la nostra cultura grazie alla collaborazione delle Banche Raiffeisen e di Raiffeisen Svizzera», ha affermato Kurt Sidler, presidente dell'organo di coordinamento delle Federazioni regionali e rappresentante delle 229 banche locali.

«Con il processo di riforma Raiffeisen ha rafforzato la fiducia all'interno del Gruppo e tutti appoggiano i risultati. Contemporaneamente sono stati eliminati gli oneri dell'eredità del passato. La strada è libera per guardare avanti», ha detto Lachappelle.

I delegati hanno anche deciso che il limite massimo di remunerazione per il cda e per la direzione di Raiffeisen Svizzera per l'esercizio successivo in futuro saranno sottoposti all'assemblea generale in via consultiva.

L'assemblea ha pure eletto a grande maggioranza Anne Bobillier quale nuovo membro del cda. La sua cooptazione incrementa le competenze specialistiche del consiglio di amministrazione, in particolare nei settori strategia Business e IT nonché nell'ottimizzazione dei processi aziendali, secondo i dirigenti della banca.

Le decisioni prese durante l'assemblea straordinaria sono i risultati del progetto denominato Riforma 21, lanciato nel novembre del 2018. In questo anno Raiffeisen ha operato in coordinazione con l'Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA), ha spiegato Lachappelle. Tuttavia, il consiglio della FINMA di trasformare Raiffeisen Svizzera in società anonima è stato respinto. «Ci atteniamo al modello cooperativo», ha detto il presidente.

Il processo di riforma non è ancora completato. Rimane aperta la questione dell'autonomia delle sei filiali di Raiffeisen Svizzera. Le prime decisioni preliminari saranno presentate alle banche il prossimo anno, ha affermato Lachappelle.

Ancora una volta, il discarico per l'esercizio 2017 non è stato posto all'ordine del giorno. Prima di sottoporlo all'assemblea generale, Raiffeisen vuole essere informata di tutti i fatti, ha precisato il presidente del cda. In particolare il procedimento penale contro Vincenz, che ha rassegnato le dimissioni dalla carica di Ceo nel 2015, non è ancora concluso.

La procura di Zurigo ha aperto un'indagine per amministrazione infedele. Nel periodo in cui Vincenz dirigeva la banca, il gruppo aveva conosciuto una notevole espansione e aveva effettuato numerose acquisizioni. Durante queste ultime Vincenz si sarebbe arricchito personalmente.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-05 15:33:53 | 91.208.130.85