keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VIDEO
ZURIGO
7 ore
Dopo la partita devasta il tram a calci
L'atto di vandalismo si è verificato ieri pomeriggio al termine dell'incontro di calcio tra Zurigo e Sion. Non è la prima volta che gli ultras tigurini si rendono protagonisti di scene simili
SCIAFFUSA
9 ore
Parte un colpo dall'arma d'ordinanza, due agenti in ospedale
Il poliziotto che ha sparato ha riportato ferite a una mano, mentre un collega potrebbe aver subito danni all'udito
GINEVRA
10 ore
Prevenzione contro la radicalizzazione: «Bilancio positivo»
Il programma socioeducativo lanciato nel giugno del 2016 ha gestito 126 casi, la maggior parte dei quali legati all'islamismo. Apotheloz: «Lo Stato Islamico sembra morto, ma dobbiamo rimanere attenti»
SVIZZERA
12 ore
«Basta violenze, in Bolivia servono nuove elezioni»
La Svizzera prende posizione sugli sviluppi politici nel Paese Sudamericano. Il DFAE: «Pronti a sostenere la preparazione, ma vanno rinnovati gli organi elettorali»
FRIBURGO
13 ore
Caos ballottaggio: «Inutile la riconta dei voti»
La cancelleria cantonale ritiene non vi siano motivi validi per un riconteggio: «Il problema è stato unicamente di trasmissione». Ma il PPD, che ha perso il proprio seggio agli Stati, pensa al ricorso
SOLETTA
13 ore
Il Canton Soletta dichiara guerra ai giardini ghiaiosi
Un atto parlamentare del PS additava quella che definiva una «nuova moda». Il Governo ha riconosciuto l'esistenza del problema e intende promuovere i prati fioriti
SVIZZERA
14 ore
Gli svizzeri vivono di più, ma il livello d'istruzione pesa
Tra il 1990 e il 2015 l'aspettativa di vita degli uomini è passata da 78 a 82 anni e quella delle donne da 83 a 86
VAUD
15 ore
Maestro di yoga sfruttò sessualmente le allieve, confermata la pena di 9 anni
Cinque donne l'avevano denunciato ed era scattala la condanna - per coazione sessuale - da parte del tribunale distrettuale prima e della corte d'appello poi
FRIBORGO
22.10.2019 - 19:020
Aggiornamento : 23.10.2019 - 09:53

La fattura (milionaria) che Migros contesta

Il colosso della distribuzione ha pagato 1,7 milioni di franchi all'imprenditore Damien Piller. Ma ora vuole indietro i soldi

FRIBURGO - Il conflitto tra Damien Piller e Migros prosegue. Secondo la cooperativa Migros Neuchâtel-Friburgo (MNF), Piller e le sue società hanno ricevuto 1,7 milioni di franchi, senza fornire alcuna prestazione in cambio e la perizia commissionata dall'uomo d'affari e avvocato friburghese non lo scagiona. Piller replica aprendo la contabilità delle sue società.

«La cooperativa Migros Neuchâtel-Friburgo ha versato quasi 1,7 milioni di franchi a società controllate da Damien Piller, presidente dell'Amministrazione MNF, nell'ambito di due progetti di costruzione», hanno dichiarato l'MNF e la Federazione delle cooperative Migros (FCM) in un comunicato.

Secondo la nota, indagini approfondite avevano già portato a due rapporti che giungono alla stessa conclusione: «Migros non ha ricevuto alcuna prestazione in cambio dei pagamenti alle imprese di Damien Piller». Per questo la Federazione delle cooperative Migros e la cooperativa Migros Neuchâtel-Friburgo hanno deciso di sporgere separatamente denuncia penale contro Piller e ignoti.

Piller e l'amministrazione del MNF - che presiede da 23 anni - hanno commissionato una perizia ad un avvocato ginevrino, Alan Hughes. «Tuttavia, anche questo terzo rapporto conferma che non sono state fornite prestazioni per 1,7 milioni», aggiunge Migros. Nel tentativo di giustificare questi pagamenti, «Damien Piller continua a fornire spiegazioni diverse, contraddittorie e che si sono rivelate false durante le indagini». Si rifiuta inoltre di divulgare la documentazione contabile delle sue società.

La Federazione delle cooperative Migros e la cooperativa Migros Neuchâtel-Friburgo deplorano il fatto che, nonostante i gravi sospetti confermati da queste tre perizie, i membri dell'amministrazione dell'MNF continuino a sostenere il loro presidente. Dopo il voto di sfiducia del Comitato cooperativo Migros Neuchâtel-Friburgo e le ripetute richieste di dimissioni, solo una persona - Elena Wildi-Ballabio - ha lasciato la carica.

Il comitato cooperativo ha quindi deciso di sottoporre la questione del licenziamento immediato di tutti i membri dell'amministrazione dell'MNF ai 124'000 membri di Neuchâtel e Friburgo. Il voto è previsto per il 16 novembre.

Damien Piller non intende tuttavia retrocedere di un millimetro: in una nota oggi l'Amministrazione MNF ha annunciato che lo stesso Piller ha dato accesso ai conti delle sue società Anura e Constructor a un esperto contabile e a un architetto. In questo modo si potrà dimostrare che gli importi contestati corrispondono a prestazioni fornite.

I risultati sono previsti entro fine mese. Il comunicato accusa inoltre la FCM di essere «a corto di argomenti per danneggiare l'Amministrazione MNF e il suo presidente». Fa pressione tramite la stampa «ripetendo le bugie che diffonde da mesi» alla vigilia di un voto «che confermerà la fiducia dei membri della cooperativa nei confronti della loro amministrazione».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-12 05:45:22 | 91.208.130.85