Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VIDEO
SVIZZERA
9 ore
Quella montagna verde che fa storcere il naso ai puristi del rossocrociato
Presentata oggi dalla Federazione Svizzera di Calcio, la nuova maglia da trasferta della Nazionale non sembra fare l’unanimità tra i tifosi
SVIZZERA
10 ore
Berna, la città migliore in Europa in cui stare al volante
Secondo "l'indice di guida nelle città 2019" di Mister Auto, la capitale svizzera si piazza al quarto posto a livello globale
SVIZZERA
10 ore
Milestone 2019, premiata una start-up di Zermatt
La "Bonfire", attiva nell'ambito della comunicazione digitale, appartiene all'ente turistico e alle Ferrovie di montagna della località vallesana
SVIZZERA
12 ore
Miliardo di coesione, accordo in vista fra le Camere
La commissione di politica estera del Nazionale raccomanda al plenum di allinearsi alla posizione degli Stati e del governo
SVIZZERA
12 ore
Schengen/Dublino, un centinaio di milioni per le banche dati
La commissione di politica estera del Nazionale ha approvato il versamento
GRIGIONI
13 ore
Niente cittadinanza onoraria per il fondatore del WEF
Il Canton Grigioni rivela che non esiste la base legale per compiere questo passo: «Stiamo vagliando ulteriori possibilità per onorare i meriti di Schwab»
SVIZZERA
13 ore
Collaboratori esterni a Berna, ci sono margini di miglioramento
Lo rileva la Commissione della gestione degli Stati, che ha espresso soddisfazione per l'intervento del governo
SVIZZERA
14 ore
Una donna raccoglierà il testimone di Levrat?
L'ipotesi prende forma in vista del prossimo Congresso del partito, che si terrà a Basilea il 4 e 5 aprile
BERNA
14 ore
Grave incidente nucleare, siamo pronti?
Da domani a venerdì la centrale atomica di Beznau sarà teatro di un'esercitazione generale
SVITTO
14 ore
Travestito da Ku Klux Klan, il politico lascia l'UDC
Il giovane attaccò con dello spray al peperoncino il partecipante a una manifestazione antirazzista post Carnevale
SVIZZERA
15 ore
«Il 9 febbraio è la sconfitta che brucia di più»
È l'iniziativa contro l'immigrazione di massa il cruccio più grande di Christian Levrat. Secondo il 49enne è stata sottovalutata dal suo partito
SVIZZERA
16.10.2019 - 11:180

Raiffeisen prevede una crescita limitata nel 2020: PIL a +1,3%

A determinare il rallentamento la debole progressione della Germania e la forza del franco: «Il vento contrario spira soprattutto dall'Europa»

SAN GALLO - Nel 2020 l'economia svizzera vedrà la crescita limitata dalla debole progressione della Germania e dalla forza del franco: è quanto ritengono gli economisti di Raiffeisen, che puntano su un incremento del prodotto interno lordo (Pil) dell'1,3% rispetto al 2019.

Per quanto riguarda l'anno in corso l'espansione economica è invece attesa all'1,0%, contro l'1,2% previsto in gennaio, indica l'istituto in un comunicato odierno. Per il 2020 quella proposta è la prima stima resa nota dal gruppo bancario.

«Il vento contrario spira soprattutto dall'Europa, da dove per via dell'attuale debole crescita della Germania giungono solo pochi impulsi all'economia svizzera», affermano gli specialisti di Raiffeisen. Secondo il capoeconomista Martin Neff «siamo saldamente attaccati alla flebo del vicino del nord». Da solo, il Land del Baden-Württemberg è - dopo gli Stati Uniti - la seconda principale destinazione dell'export rossocrociato.

«La Svizzera ha quasi sempre beneficiato di questo stretto legame con il vicino del nord, da ultimo anche durante la crisi dell'euro, quando l'economia tedesca è rallentata in misura minore rispetto agli altri paesi europei», puntualizza Neff, citato nella nota. Ma ora la ruota è girata, ed è la congiuntura tedesca ad essersi incrinata. «La Germania, motore dell'economia, è ormai una locomotiva che arranca, esercitando un effetto frenante anche sull'economia svizzera».

Ancora più importante diventa perciò l'andamento dell'economia statunitense. Anche se negli Usa si sta delineando un leggero raffreddamento della congiuntura, Raiffeisen non prevede una recessione. Nel paese le preoccupazioni sono più di natura politica: oltre alle intemperanze del presidente Donald Trump in materia di politica interna, ulteriori apprensioni dovrebbero provenire dall'imminente campagna elettorale. Per considerazioni di natura tattico-elettorale, Trump farà di tutto per mantenere in moto l'economia, sostengono gli economisti di Raiffeisen. Ciò sarà tuttavia sempre più difficile, poiché il deficit di bilancio e il debito pubblico stanno andando progressivamente fuori controllo.

Oltre alla Germania e agli Stati Uniti, anche altri paesi altamente industrializzati accusano una debolezza della congiuntura, spiega Neff. Né dall'Eurozona né dal Giappone si attendono importanti impulsi di crescita per l'economia mondiale. Nel 2020, per la prima volta da quasi 30 anni, i risultati economici della Cina faranno registrare una crescita inferiore al 6%. E la guerra commerciale con gli Usa comincia a lasciare il segno.

In materia di politica monetaria, secondo Neff nemmeno il 2020 segnerà la fine del regime dei tassi di interesse negativi o pari a zero. A suo avviso il ruolo del franco come bene rifugio e i suoi effetti sul tasso di cambio sono tendenzialmente sopravvalutati. Tuttavia, considerata la difficile situazione a livello geopolitico - dalla Brexit alla guerra commerciale fino alle diverse crisi locali che possono improvvisamente sfociare in problemi globali - anche nel 2020 la Svizzera si troverà ad assumere in una certa misura il ruolo di porto sicuro.

Per quanto riguarda il mercato immobiliare, per Raiffeisen le valutazioni rimangono elevate. Neff ha però escluso il rischio di un crollo dei prezzi delle abitazioni primarie: questo perché a suo avviso manca l'elemento speculativo, nonostante l'attuale elevato livello dei prezzi. Contrariamente al crollo dei primi anni Novanta, oggi è molto forte la domanda da parte degli utenti finali - ossia degli acquirenti di abitazioni primarie - piuttosto che quella di speculatori alla ricerca di rapidi guadagni. Anche nel comparto degli immobili ad uso commerciale e negli stabili di reddito sul mercato le considerazioni di rendimento hanno la priorità rispetto ad altre motivazioni come la prospettiva di rapidi guadagni, osserva il capoeconomista.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-13 06:49:20 | 91.208.130.87