Keystone
SVIZZERA
05.10.2019 - 17:510

Sunrise, il fondo Axxion contrario all'acquisizione di UPC

L'operazione porterebbe solo alla distruzione del capitale, ha dichiarato l'azionista lussemburghese

BERNA - Dopo Freenet, un altro importante azionista del gruppo di telefonia Sunrise respinge l'aumento di capitale miliardario per finanziare l'acquisizione dell'operatore di rete via cavo UPC.

L'operazione porterebbe solo alla distruzione del capitale, ha dichiarato l'azionista lussemburghese Axxion nella notte tra venerdì e sabato.

«Il prezzo di acquisto è troppo alto per un UPC strutturalmente debole; le prospettive per Sunrise senza UPC sono molto migliori», si legge in una nota.

«Sunrise è il vincitore del 5G, UPC il perdente del cavo», ha spiegato Axxion con riferimento all'introduzione del nuovo standard di comunicazione mobile 5G.

Sunrise intende acquisire UPC Svizzera per 6,3 miliardi di franchi dal gruppo via cavo Liberty Global e ridurre il divario rispetto al leader di mercato Swisscom con offerte combinate per la telefonia mobile, Internet a banda larga, TV e rete fissa.

Ma la transazione può essere completata solo se gli azionisti di Sunrise danno il via libera all'assemblea generale del 23 ottobre per un apporto di capitale fino a 2,8 miliardi. Il maggiore azionista di Sunrise, il tedesco Freenet, e altri grandi azionisti come i fondi AOC si oppongono alla transazione.

Nella nota, Axxion ha ribadito la sua richiesta di non riconfermare il presidente del Cda di Sunrise Peter Kurer e di Jesper Ovesen. Kurer e Ovesen non avrebbero agito nell'interesse degli azionisti che alla fine hanno fornito il capitale di rischio, secondo questo azionista. Sunrise raccomanda agli azionisti di respingere questa proposta all'assemblea generale annuale.

Il 30 di settembre scorso, l'impresa di telecomunicazioni numero due in Svizzera aveva rivisto i propri piani di finanziamento, mirando a un aumento di capitale di 2,8 miliardi di franchi invece di 4,1 miliardi per finanziare l'acquisizione di UPC.

Questo cambiamento è intervenuto dopo che Freenet, società che detiene un quarto delle azioni Sunrise, ha ripetutamente espresso la sua opposizione all'operazione poiché contraria ad accettare un'eccessiva diluizione del proprio capitale. Questa decisione non aveva però convinto l'azionista di riferimento.

Nonostante la resistenza di Freenet, Olaf Swantee, CEO di Sunrise, si era detto fiducioso sul buon esito dell'operazione. "Abbiamo parlato con la maggior parte degli investitori, esistenti o nuovi, negli ultimi giorni", aveva sostenuto durante una teleconferenza, assicurando di aver suscitato l'interesse di molti.

L'acquisizione di UPC Svizzera dovrebbe consentire di realizzare sinergie per 3,1 miliardi entro il 2023, secondo Sunrise. Il secondo operatore svizzero si è inoltre impegnato a rivedere la sua politica di pagamento degli azionisti con un dividendo migliorato, compreso tra 350 e 370 milioni per il 2019.

Freenet rimane contraria all'operazione, che considera di scarsa rilevanza strategica. Il 23 di ottobre, Freenet voterà contro questa operazione. Freenet si aspetta di rimanere il maggiore azionista, anche se la transazione dovesse concretizzarsi.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-14 11:03:01 | 91.208.130.87