Depositphotos (rudi1976)
Thomas Cook, il "piano Matterhorn" inquieta l'ufficio del turismo di Zermatt.
SVIZZERA / REGNO UNITO
23.09.2019 - 16:580

Thomas Cook, a Zermatt non piace il "piano Matterhorn"

L'ufficio del turismo della località alpina teme che il nome ricordi direttamente la montagna, non l'operazione della Seconda guerra mondiale

ZERMATT - Non piace, a Zermatt, il nome "Matterhorn" dato dalle autorità inglesi al piano di rimpatrio dei turisti interessati dal fallimento dell'operatore viaggi britannico Thomas Cook.

Secondo il governo di Londra il nome fa riferimento a un bombardamento nella Seconda guerra mondiale. In effetti l'operazione Matterhorn era il piano di bombardamento strategico di forze giapponesi con B-29 americani basati in Cina: qualcosa di arduo, da cui il nome preso in prestito dalla montagna vallesana, Cervino in italiano.

L'ufficio del turismo di Zermatt teme invece che il nome ricordi direttamente la celebre cima alpina. «Il governo britannico sa senza dubbio che Matterhorn è un marchio internazionalmente protetto, un simbolo di vacanze tranquille e di qualità», si legge in una nota, in cui viene sottolineato come la località vallesana non abbia nulla a che fare con il dissesto di Thomas Cook.

L'ente turistico cerca comunque di volgere la vicenda a suo vantaggio: «Forse il governo inglese voleva dare un consiglio alle persone interessate dal fallimento su dove potranno passare in futuro vacanze senza preoccupazioni», affermano i responsabili nel comunicato.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-14 23:38:19 | 91.208.130.85