Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Via la cittadinanza ad una 30enne radicalizzata
La SEM ha avviato la procedura. La donna, attualmente si troverebbe in Siria, è sospettata di aver svolto attività legate al terrorismo nel Paese
BASILEA CITTÀ
2 ore
Il Parlamento cantonale chiede un congedo parentale di 24 settimane
Luce verde ad una mozione del Partito socialista. La misura andrebbe ad aggiungersi all'attuale congedo maternità
SVIZZERA
2 ore
Violentò donne e bambini, ora chiede il suicidio assistito
Negli anni '70 e '80 Peter Vogt ha violentato oltre una decina di donne e bambini. Ora vorrebbe farla finita, ma sul caso si stanno chinando le autorità
SVIZZERA / ITALIA
2 ore
«Mi hanno rapita e uno ha allungato le mani»
Un «racconto da brividi» quello fornito dalla svizzera, prima scomparsa e poi ritrovata ad Agrigento. Si sospetta la violenza sessuale, ma è da verificare l'attendibilità della giovane
ZURIGO
3 ore
Carlos ha colpito ancora, secondini e detenuti
Il giovane delinquente zurighese verrà processato settimana prossima per una serie di episodi - almeno 19 - avvenuti in carcere
BASILEA CITTÀ
4 ore
Cade dalla bici e viene travolto da un camion
La vittima è un anziano non ancora identificato. Stava procedendo sulla Austrasse fra i binari del tram e una serie di veicoli posteggiati sul lato destro della strada
SVIZZERA
4 ore
Monica Duca Widmer presidente del nuovo cda della RUAG
Oltre alla ticinese, ne faranno parte Monika Krüsi Schädle e Ariane Richter Merz. A loro si aggiungono Nicolas Perrin per la MRO Svizzera e Remo Lütolf per la RUAG International
BASILEA CITTÀ
4 ore
Sì al taglio dell'imposizione dei dividendi
Il Gran consiglio di Basilea Città ha approvato una mozione che chiede di sottoporre a tassazione i redditi in questione solo nella misura del 60%, contro l'80% appena deciso
BERNA
5 ore
Pascal Strupler lascia la direzione dell'UFSP
Berset è ora alla ricerca di un nuovo capoufficio. Il posto sarà messo a concorso
SVIZZERA
5 ore
Vendemmia, poca uva in Romandia
Le quote di produzione fissate - inferiori a quelle dell'anno scorso, una misura volta a evitare un calo dei prezzi - non sono state raggiunte. La qualità però dovrebbe essere buona
VAUD / ZURIGO
6 ore
Aggredì un'operatrice con una roncola: pena confermata
La 38enne ivoriana dovrà scontrare 18 anni. Il fatto avvenne in un centro per richiedenti asilo di Embrach nel 2015
GINEVRA
6 ore
Curdo si cosparge di benzina e si dà fuoco
È successo davanti all'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. L'uomo è stato ricoverato al CHUV di Losanna
SVIZZERA
7 ore
Stop alla triturazione dei pulcini vivi
La decisione è stata presa oggi dal Consiglio federale. La procedura sarà vietata a partire dal prossimo 1° gennaio
SVIZZERA
7 ore
San Gallo ristruttura i suoi ospedali
Cinque dei nove nosocomi a vocazione locale saranno ridotti a centri per urgenze con alcuni letti. 60-70 posti saranno cancellati, ma il taglio dovrebbe avvenire tramite fluttuazioni naturali
SVIZZERA
8 ore
È così che l'assassino Zoran P. ha ingannato le autorità svizzere
Fuggito dal carcere in Bosnia, si era rifatto una vita in terra confederata. I vicini sono scioccati
SVIZZERA
19.09.2019 - 15:090

Tassi e franchigie: i sindacati accusano, casse pensioni preoccupate, banche soddisfatte

Molte e variegate le reazioni alle decisioni odierne della Banca nazionale svizzera. Jordan difende le sue scelte

BERNA - La Banca nazionale svizzera (BNS) si mostra debole e piegata al volere delle banche: lo sostiene l'Unione sindacale svizzera (USS), che critica le decisioni odierne dell'istituto guidato da Thomas Jordan e auspica misure risolute contro il franco forte.

«Il franco è tuttora fortemente sopravvalutato», afferma la centrale sindacale in un comunicato. Considerato che si stanno offuscando le prospettive congiunturali per l'industria d'esportazione è ancora più necessario intervenire contro il rafforzamento della valuta elvetica. «La BNS deve impegnarsi in modo offensivo per un corso del franco adeguato», sostiene l'USS.

Secondo la federazione sindacale la decisione odierna di allentare gli interessi negativi per le banche - aumentando la soglia sotto la quale non vanno pagati, nei conti giro che esse detengono presso la BNS - «è un ulteriore segnale di debolezza». Così facendo infatti l'istituto «segnala che è pronto a cambiare la sua politica monetaria se aumenta la pressione da parte della piazza finanziaria».

In tal modo però secondo l'USS viene indebolita l'efficacia dei tassi negativi. A differenza dell'AVS e delle casse pensione, le banche e gli investitori privati sono più flessibili per quanto riguarda gli investimenti in valuta: il tasso negativo dovrebbe essere applicato soprattutto nei loro confronti.

L'AVS e le casse pensioni dovrebbero invece beneficiare di eccezioni più ampie: essendo obbligate a pagare le loro prestazioni in franchi devono investire gran parte del loro denaro nella valuta elvetica. Per l'USS il fondo AVS va completamente esentato dal pagamento di interessi negativi: gli introiti di questo «balzellox devono inoltre essere versati alle casse pensioni, per compensare il calo delle rendite.

Jordan: «Non abbiamo reagito alla pressione delle banche» - La Banca nazionale svizzera (BNS) ha reagito alle pressione delle banche, aumentando la soglia degli importi sotto la quale esse non devono pagare interessi negativi? «No, assolutamente no», ha risposto dal canto suo il presidente Thomas Jordan.

«Per principio non agiamo mai sotto pressione», ha sostenuto il 56enne in dichiarazioni rilasciate alla radio SRF. L'istituto centrale si preoccupa solo dell'interesse generale del paese, ha aggiunto.

«Abbiamo adattato il sistema affinché possa esser applicato in maniera sostenibile nel tempo», ha proseguito Jordan. A suo avviso infatti il quadro generale caratterizzato da bassi tassi durerà ancora a lungo. «Vogliamo incassare con i tassi negativi esattamente quanto serve per avere un effetto sul mercato, non di più», ha concluso.

Aumento delle franchigie sui tassi negativi: banche soddisfatte - Come era prevedibile la decisione della BNS di aumentare la soglia sotto la quale le banche non devono pagare interessi negativi viene tuttavia accolta favorevolmente dagli istituti.

L'adeguamento va «nella giusta direzione» e mostra che la BNS tiene conto della situazione, ha indicato all'agenzia Awp l'Associazione svizzera dei banchieri (ASB).

«I tassi di interesse negativi continuano ad essere un pesante onere per le banche e hanno conseguenze negative per l'economia elvetica e i cittadini», sostiene l'ASB. Al momento non è possibile dire se gli istituti rinunceranno a ripercuotere gli interessi negativi sui piccoli risparmiatori. «Spetta in linea di principio a ciascuna banca decidere in materia».

Anche l'Unione delle banche cantonali svizzere ha accolto positivamente l'aumento delle franchigie.

Casse pensioni preoccupate: «La politica intervenga» - Le casse pensioni e i fondi svizzeri guardano infine con preoccupazione al perdurare degli interessi negativi e invitano il mondo politico a intervenire con correttivi per assicurare la stabilità del sistema.

«L'impasse delle riforme nel primo e secondo pilastro, correlata con la crescente aspettativa di vita, mette sotto pressione il sistema pensionistico elvetico», affermano in un comunicato congiunto odierno l'Associazione svizzera degli istituti di previdenza (ASIP), la Conferenza degli amministratori di fondi di investimento (KGAST) e l'Associazione di previdenza Svizzera (APS).

Dal 2015 si è inoltre aggiunto il problema degli interessi negativi. Con la decisione odierna della BNS - che ha lasciato al -0,75% il tasso guida - la pressione continua ad essere elevata, viene rilevato.

«Invece che garantire il livello delle rendite attraverso riforme, il mondo politico rimane a guardare come gli interessi negativi riducano ulteriormente gli averi di vecchiaia tenuti sotto forma di mezzi liquidi», osservano ASIP, KGAST e APS. Gli interessi negativi - ricordano le associazioni - hanno un influsso diretto sulla performance. Pesano anche, per le fondazioni di previdenza e investimento, balzelli quali la tassa di bollo e l'imposta sul valore aggiunto.

«Le organizzazioni guardano a questi sviluppi con preoccupazione e si appellano alla politica e alle autorità affinché pensino all'impatto degli interessi negativi e delle fiscalità sul sistema di previdenza, di modo che possano avviare riforme».


 
 

1 mese fa Bns: il franco si rafforza, i titoli delle banche salgono e gli analisti... analizzano
1 mese fa La Bns ha deciso: il tasso guida resta invariato al -0,75%
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 18:32:10 | 91.208.130.85