keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
LIECHTENSTEIN
6 ore
Una Ferrari rubata rispunta dopo dieci anni
La vettura, sparita nel 2009 nel principato, è stata ritrovata a Londra
ITALIA / LUCERNA
8 ore
Cristiano Ronaldo? No, un 25enne lucernese
Il video che ritrae il "giocatore" a Torino ha totalizzato quasi quattro milioni di visualizzazioni. «L'idea mi è venuta questa estate, quando due ragazze mi hanno scambiato per CR7»
FRIBORGO
10 ore
La fattura (milionaria) che Migros contesta
Il colosso della distribuzione ha pagato 1,7 milioni di franchi all'imprenditore Damien Piller. Ma ora vuole indietro i soldi
FOTO
VALLESE
11 ore
Il San Bernardo con una madrina molto speciale
Karin Keller-Sutter quando ha visto Zeus, 70 centimetri per 45 chili, ha detto «è il mio cane»
SVIZZERA / ITALIA
11 ore
Turista svizzera scomparsa e ritrovata «in stato confusionale»
La giovane aveva mandato un messaggio vocale in cui chiedeva aiuto a un'amica. Qualche ora dopo è stata ritrovata in stato di shock. Non si esclude che abbia subito violenze
GRIGIONI
12 ore
Il Gran Consiglio retico tra ambulanze e poliziotti
Una delegazione parlamentare ha visitato oggi le centrali operative della Polizia cantonale e del 144
BERNA
12 ore
Moutier, nuovo voto in tempi "brevi"?
L'assenza di modifiche legislative di rilievi rende plausibile una nuova consultazione in tempi relativamente rapidi
SVIZZERA
12 ore
L'e-commerce elvetico sente la pressione della concorrenza estera
I commercianti online svizzeri devono offrire sempre più servizi complementari
VIDEO
ZURIGO
13 ore
Dimissioni per l'agente che aveva dato in escandescenze
Il poliziotto che aveva insultato un conducente davanti alla figlia era stato sospeso. Ma ora ha deciso di lasciare le forze dell'ordine
GRIGIONI
14 ore
Appaltopoli, i costi della Commissione lievitano a un milione
Il Gran Consiglio ha infatti accordato oggi ulteriori 350'000 franchi, che si aggiungo ai 600'000 già in dotazione al momento della sua costituzione
SVIZZERA
15 ore
Swatch-Calvin Klein, fine della collaborazione
La decisione è stata presa dal gruppo orologiero in seguito alle recenti incertezze a livello di management presso il marchio di alta moda americano
SVITTO
15 ore
Cabina precipitata nel vuoto, colpa del vento
Riapertura prevista per venerdì
SVIZZERA
16 ore
Assegnazione Mondiali 2006, perizia medica su Beckenbauer
Visto lo stato di salute, non è chiaro se e quando sarà in grado di prendere parte a un procedimento penale. I fatti saranno prescritti nell'aprile 2020 e il tempo stringe
SVIZZERA
17 ore
Condanne penali, gli ex jugoslavi sono al primo posto
Per le infrazioni alla Legge sugli stupefacenti, 900 condanne sono state emesse a cittadini dell'Africa orientale, quasi 500 ad albanesi tra 18 e 29 anni
VIDEO
BERNA
18 ore
Pirata della strada sull'A1, sfiorato il frontale
Scena da brivido immortalata dalla dashcam di un automobilista che ha evitato per un soffio lo scontro con un SUV con rimorchio per cavalli
ZURIGO
15.09.2019 - 15:200

Kühne: «Un bene spostarci in Svizzera, ma non so se lo rifaremmo»

Secondo il grande azionista e presidente onorario di Kühne+Nagel, il modello basato sulla libera circolazione potrebbe avere vita breve

ZURIGO - Abbiamo fatto bene a spostarci in Svizzera oltre quarant'anni fa, ma non so se lo rifaremmo ancora: lo afferma Klaus-Michael Kühne, grande azionista e presidente onorario di Kühne+Nagel, gigante della logistica a livello mondiale, che teme la fine del modello basato sulla libera circolazione.

«Sono un convinto europeista e deploro il fatto che la Svizzera, al centro del continente, non faccia parte dell'Ue», afferma l'imprenditore 81enne tedesco in un'intervista pubblicata oggi dalla SonntagsZeitung. «Il paese è però finora sempre riuscito da una parte a rimanere indipendente e dall'altra ad approfittare del mercato interno. La Svizzera deve continuare a perseguire la via della ragione», prosegue Kühne. «A mio avviso deve firmare l'accordo quadro».

Oggi un gigante con 82'000 dipendenti e un fatturato di quasi 21 miliardi di franchi (2018), Kühne+Nagel ha origini tedesche: la società venne infatti fondata a Brema nel 1890, sotto forma di impresa di spedizioni, da August Kühne e Friedrich Gottlieb Nagel. Una personalità importante è stata fino al 1933 anche l'imprenditore ebreo Adolf Maass, poi estromesso dall'azienda: morirà ad Auschwitz nel 1945. Kühne+Nagel ha avuto anche un ruolo decisivo nel trasporto di mobili provenienti da decine di migliaia di alloggi di ebrei deportati, nei paesi occupati dai nazisti. Nel dopoguerra la società si è ulteriormente espansa. La sede del gruppo è stata spostata in Svizzera nel 1976.

Questa è stata allora «la decisione giusta», sostiene Kühne. «Poiché abbiamo potuto sviluppare i nostri affari internazionali con grande successo, grazie all'ordine liberale, ai bassi oneri fiscali e alla posizione centrale».

Oggi però il gruppo - numero uno al mondo nel trasporto navale globale e numero due nel comparto aereo - ci penserebbe bene a compiere un passo del genere. Secondo il presidente onorario ha un impatto negativo la legislazione Minder sui salari abusivi, «che limita troppo la libertà contrattuale, per esempio per i top manager». Poi Kühne teme che la Svizzera voglia isolarsi troppo dagli stranieri: «Reclutiamo i nostri specialisti e dirigenti in ogni parte del mondo».

«Se si dovesse arrivare a limitazioni della libera circolazione delle persone dovremmo pensare a spostare alcune determinate funzioni all'estero», mette in guardia l'imprenditore con residenza in Svizzera (ma senza nazionalità elvetica). «Al momento questo non è però in discussione, visto che l'iniziativa sull'immigrazione di massa è stata applicata in modo moderato».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 05:36:07 | 91.208.130.85