Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Giallo sulle cellule staminali sparite a Ginevra
BERNA
1 ora
Con la parrucca bionda e una pistola assalta una Migros
FRIBURGO
2 ore
Si addormenta al volante provocando una carambola e due feriti
SVIZZERA
3 ore
Cassis e Maurer a New York
SVIZZERA
3 ore
Viaggiare all'estero senza pensieri? Ecco l'app del DFAE
GINEVRA
5 ore
Maudet respinge il bilancio: «Inopportuno nella sostanza e nella forma»
GRIGIONI
5 ore
Tre escursioniste attaccate da una mucca (di nuovo)
SVIZZERA
6 ore
Il direttore della SEM critica la politica d'asilo europea
FRIBURGO / APPENZELLO ESTERNO
23 ore
Liquami nei torrenti, maxi moria di pesci
FRIBURGO / VAUD
23 ore
La barca si capovolge, nuotano oltre un'ora per raggiungere la riva
VAUD
1 gior
La polizia passa all'azione e sloggia i manifestanti
GRIGIONI
1 gior
Violento scontro, conducenti feriti e furgoni distrutti
BERNA
1 gior
L'impresa estrema di 4 ricercatori in spedizione nell'Artico
SVIZZERA
1 gior
UBS e Credit Suisse, un topmanager sarebbe stato pedinato
SVIZZERA / STATI UNITI
1 gior
In vigore la convenzione contro le doppie imposizioni
SVIZZERA
11.09.2019 - 10:380

Sicurezza informatica: per il ceo di Credit Suisse, serve un'azione comune

«La sicurezza informatica rappresenta il rischio più grande per il sistema finanziario e bancario»

ZURIGO - Per garantire che la piazza finanziaria svizzera sia ben attrezzata contro i pericoli della criminalità informatica serve un'azione concertata tra attori pubblici e privati: ne è convinto il presidente del consiglio di amministrazione (Cda) di Credit Suisse Urs Rohner.

«La sicurezza informatica rappresenta il rischio più grande per il sistema finanziario e bancario», ha avvertito Rohner durante un dibattito organizzato ieri sera a Zurigo dall'Efficiency Club, associazione che promuove lo scambio di idee fra personalità del mondo dell'economia, della politica e della cultura.

La protezione dell'infrastruttura dati delle banche è «una sfida quotidiana che richiede un'azione comune di attori pubblici e privati», ha aggiunto il manager. Se un hacker fosse in grado di penetrare il nucleo dell'infrastruttura informatica e bloccare il sistema bancario per 48 ore rischierebbe di "causare il caos", ha aggiunto. «Dobbiamo garantire con risorse significative che questo non possa accadere», ha insistito.

Rohner ha ricordato che a tentare di penetrare nelle reti informatiche delle banche non sono solo i criminali, bensì anche organismi statali o parastatali. «Ci sono stati ripetuti tentativi di penetrare nei sistemi», ha rivelato il 59enne che dal 2011 guida il Cda di Credit Suisse.

Anche se vengono prese tutte le precauzioni rimane un rischio residuo, ha proseguito il dirigente con formazione giuridica. «Per questo motivo abbiamo bisogno della collaborazione di tutti gli attori del settore in Svizzera, compresi gli enti pubblici e i gestori di infrastrutture come SIX, per garantire che non emergano problemi sistemici».
 
 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-21 16:11:48 | 91.208.130.89