Keystone
A rischio gli impieghi meno qualificati
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Giallo sulle cellule staminali sparite a Ginevra
BERNA
1 ora
Con la parrucca bionda e una pistola assalta una Migros
FRIBURGO
2 ore
Si addormenta al volante provocando una carambola e due feriti
SVIZZERA
3 ore
Cassis e Maurer a New York
SVIZZERA
3 ore
Viaggiare all'estero senza pensieri? Ecco l'app del DFAE
GINEVRA
5 ore
Maudet respinge il bilancio: «Inopportuno nella sostanza e nella forma»
GRIGIONI
5 ore
Tre escursioniste attaccate da una mucca (di nuovo)
SVIZZERA
5 ore
Il direttore della SEM critica la politica d'asilo europea
FRIBURGO / APPENZELLO ESTERNO
22 ore
Liquami nei torrenti, maxi moria di pesci
FRIBURGO / VAUD
23 ore
La barca si capovolge, nuotano oltre un'ora per raggiungere la riva
VAUD
1 gior
La polizia passa all'azione e sloggia i manifestanti
GRIGIONI
1 gior
Violento scontro, conducenti feriti e furgoni distrutti
BERNA
1 gior
L'impresa estrema di 4 ricercatori in spedizione nell'Artico
SVIZZERA
1 gior
UBS e Credit Suisse, un topmanager sarebbe stato pedinato
SVIZZERA / STATI UNITI
1 gior
In vigore la convenzione contro le doppie imposizioni
SVIZZERA
08.09.2019 - 10:550
Aggiornamento : 11:13

FFS: la digitalizzazione potrebbe portarsi via 3’400 posti di lavoro

È lo scenario più pessimistico. Con una digitalizzazione "integrata" si conterebbero invece 200 posti di lavoro in più

BERNA - Benché, dopo l’annuncio della partenza del ceo Andreas Meyer, la presidente del consiglio di amministrazione delle FFS, Monika Ribar, abbia promesso una fase di consolidamento dell’azienda, grandi cambiamenti interessano comunque le ferrovie negli anni a venire. 

A ipotizzarli è uno studio commissionato proprio dall'ex regia federale ed eseguito dalla società di revisione e consulenza PWC in collaborazione con una professoressa del Politecnico di Zurigo. Il tema è la digitalizzazione e come influirà sul numero di occupati dell’azienda. Il risultato? Lo sfruttamento delle nuove tecnologie potrebbe determinare la soppressione anche di 3’400 posti di lavoro entro il 2035.

Come riporta la SonntagsZeitung, i ricercatori hanno ipotizzato due scenari. Uno in cui la digitalizzazione e l’automazione siano integrate nello sviluppo delle FFS a completamento del lavoro umano e in un contesto di forte regolamentazione. E un secondo in cui le nuove tecnologie siano impiegate in maniera più spinta. 

Nel primo caso, si ipotizza la perdita di 5'500 posti di lavoro poco o mediamente qualificati e la creazione di 5'700 posti di lavoro nel settore IT, con un saldo positivo di 200 collaboratori e collaboratrici in più. Nel secondo, invece, si direbbe addio a 10'000 vecchi posti di lavoro mentre se ne creerebbero solo 6'600 di nuovi: un saldo negativo di 3'400 unità. 

Tale cifra corrisponderebbe al 13% degli attuali 27mila collaboratori delle FFS (FFS cargo compresa). La soppressione di impieghi, tuttavia, potrebbe virtualmente avvenire senza licenziamenti. Da qui al 2035 si prevede infatti che vadano in pensione 11'300 dipendenti delle FFS. 

Il dopo Andreas Meyer visto dagli altri domenicali - La situazione delle FFS, in particolare dopo le annunciate dimissioni del CEO Andreas Meyer, continua ad essere al centro dell'attenzione anche di altri domenicali. Se alcune testate danno voce a critiche mosse alla presidente del consiglio di amministrazione (cda), Monika Ribar, altre si concentrano sui costi di immagine dell'azienda.

«Quando le opzioni strategiche sono in discussione, mi dispiace che il cda non sia più visibile», afferma il consigliere nazionale Manfred Bühler (UDC/BE) sulle colonne di Le Matin Dimanche, evocando i problemi ai quali deve far fronte la società, dai ritardi nelle consegne dei treni Bombardier, alla sicurezza e alla puntualità. «È sempre Andreas Meyer che è al fronte», aggiunge ancora. Per il capo del gruppo socialista alle Camere federali, Roger Nordmann (VD), «il cda è diventato debole» dopo l'arrivo di Ribar.

Il SonntagsBlick si concentra dal canto suo sui costi di marketing e comunicazione dell'azienda. Stando a un rapporto confidenziale, visionato dal settimanale, la compagnia ferroviaria spenderebbe a questo scopo 100 milioni di franchi all'anno. L'importo - sempre secondo il domenicale zurighese - è al vaglio dell'Ufficio federale dei trasporti (UFT). Il giornale riporta anche una presa di posizione delle FFS, secondo cui si tratta di «formulazioni tendenziose» che «lasciano pensare che la comunicazione sia sovradimensionata».

Commenti
 
Illya Lis 1 sett fa su fb
Non vedo l'ora che si porti via tutto il lavoro, basta con sti ritardi 😂
Andrea Weber 1 sett fa su fb
Stessa cosa che succede nel settore bancario.
Arminda Armi 1 sett fa su fb
Scenari divulgati, a scopo preventivo, per evitare allarmismo ,o per scongiurare nuove critiche ai vertici F:F:S: ? Certo è ,che ultimamente l azienda non gode della reputazione e gradimento che erano propri della regia federale.
Cristina Botta 1 sett fa su fb
Ben svegliati
Moreno Grazia 1 sett fa su fb
fanculo
Maurizio Roggero 1 sett fa su fb
Quindi tutti allarmismi per nulla...
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-21 16:02:15 | 91.208.130.89