Keystone
A rischio gli impieghi meno qualificati
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
SVIZZERA
1 ora
Prima di Rytz, le altre candidature "verdi" al Consiglio federale
La prima presentata ufficialmente fu quella di Cécile Bühlmann nel 2000 per subentrare ad Adolf Ogi
SONDAGGIO
BERNA
3 ore
Regula Rytz: «Pronta al Consiglio federale» e "punta" al posto di Cassis
La presidente dei Verdi svizzeri: «Plr? Un partito ampiamente sovrarappresentato» e propone una nuova "formula magica"
SVIZZERA
4 ore
Quel pedofilo recidivo «deve essere internato»
Il Tribunale federale ha accolto un ricorso del Ministero pubblico sangallese: il 60enne resterà internato fino alla fine di maggio del 2020
SVIZZERA
4 ore
Coppie sposate: «No a una soluzione transitoria»
È il parere espresso dal Consiglio federale in risposta a una mozione volta a eliminare la penalizzazione del matrimonio
VAUD
5 ore
Assalti ai furgoni blindati: «Finché sulle strade gireranno certe somme...»
Canton Vaud nel mirino delle bande francesi: Un criminale di Lione fornisce l'identikit del rapinatore tipo: «Ha tra i 28 e i 42 ed ha un passato migratorio e spesso proviene dal Maghreb»
SVIZZERA
6 ore
Lo "Jass del vescovo" va al Governo solettese
Nel tradizionale torneo di carte, i membri dell'esecutivo si sono imposti «al fotofinish» su i rappresentanti della diocesi di Basilea
SVIZZERA
7 ore
Frontalieri, «no» ad una moratoria di 2 anni sulle assunzioni
La misura contrasta con l'Accordo di libera circolazione e il Consiglio federale invita a respingere quanto chiesto dalla mozione di Roger Golay
SVIZZERA
8 ore
Japan Tobacco: accordo tra direzione e personale sugli impieghi a Ginevra
Il produttore di sigarette ha reso noto di aver siglato un'intesa su un nuovo piano sociale per i 268 collaboratori in esubero previsti
SVIZZERA
8 ore
Ruag International: ingresso in Borsa «probabilmente» nel 2023
Le attività di cyber-sicurezza del gruppo detenuto dalla Confederazione si trovano invece già in piena fase di cessione
FOTO
BASILEA CAMPAGNA
8 ore
Si accorge tardi del bimbo sulle strisce, bus provoca 4 feriti
L’incidente è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri a Bottmingen. Due persone sono state portate in ospedale
GINEVRA
9 ore
Il futuro dell'aeroporto di Ginevra passa dalle urne
Domenica carica di votazioni nel cantone, chiamato a decidere su un'iniziativa e un controprogetto relativi alla gestione e allo sviluppo dello scalo
SVIZZERA
10 ore
Leuthard nel Cda del produttore di treni Stadler
L'ex Consigliera federale sarà eletta all'assemblea generale del 30 aprile prossimo: «Grazie alle sue competenze in materia di traffico e la sua esperienza politica rappresenta una risorsa importante»
SVIZZERA
08.09.2019 - 10:550
Aggiornamento : 11:13

FFS: la digitalizzazione potrebbe portarsi via 3’400 posti di lavoro

È lo scenario più pessimistico. Con una digitalizzazione "integrata" si conterebbero invece 200 posti di lavoro in più

BERNA - Benché, dopo l’annuncio della partenza del ceo Andreas Meyer, la presidente del consiglio di amministrazione delle FFS, Monika Ribar, abbia promesso una fase di consolidamento dell’azienda, grandi cambiamenti interessano comunque le ferrovie negli anni a venire. 

A ipotizzarli è uno studio commissionato proprio dall'ex regia federale ed eseguito dalla società di revisione e consulenza PWC in collaborazione con una professoressa del Politecnico di Zurigo. Il tema è la digitalizzazione e come influirà sul numero di occupati dell’azienda. Il risultato? Lo sfruttamento delle nuove tecnologie potrebbe determinare la soppressione anche di 3’400 posti di lavoro entro il 2035.

Come riporta la SonntagsZeitung, i ricercatori hanno ipotizzato due scenari. Uno in cui la digitalizzazione e l’automazione siano integrate nello sviluppo delle FFS a completamento del lavoro umano e in un contesto di forte regolamentazione. E un secondo in cui le nuove tecnologie siano impiegate in maniera più spinta. 

Nel primo caso, si ipotizza la perdita di 5'500 posti di lavoro poco o mediamente qualificati e la creazione di 5'700 posti di lavoro nel settore IT, con un saldo positivo di 200 collaboratori e collaboratrici in più. Nel secondo, invece, si direbbe addio a 10'000 vecchi posti di lavoro mentre se ne creerebbero solo 6'600 di nuovi: un saldo negativo di 3'400 unità. 

Tale cifra corrisponderebbe al 13% degli attuali 27mila collaboratori delle FFS (FFS cargo compresa). La soppressione di impieghi, tuttavia, potrebbe virtualmente avvenire senza licenziamenti. Da qui al 2035 si prevede infatti che vadano in pensione 11'300 dipendenti delle FFS. 

Il dopo Andreas Meyer visto dagli altri domenicali - La situazione delle FFS, in particolare dopo le annunciate dimissioni del CEO Andreas Meyer, continua ad essere al centro dell'attenzione anche di altri domenicali. Se alcune testate danno voce a critiche mosse alla presidente del consiglio di amministrazione (cda), Monika Ribar, altre si concentrano sui costi di immagine dell'azienda.

«Quando le opzioni strategiche sono in discussione, mi dispiace che il cda non sia più visibile», afferma il consigliere nazionale Manfred Bühler (UDC/BE) sulle colonne di Le Matin Dimanche, evocando i problemi ai quali deve far fronte la società, dai ritardi nelle consegne dei treni Bombardier, alla sicurezza e alla puntualità. «È sempre Andreas Meyer che è al fronte», aggiunge ancora. Per il capo del gruppo socialista alle Camere federali, Roger Nordmann (VD), «il cda è diventato debole» dopo l'arrivo di Ribar.

Il SonntagsBlick si concentra dal canto suo sui costi di marketing e comunicazione dell'azienda. Stando a un rapporto confidenziale, visionato dal settimanale, la compagnia ferroviaria spenderebbe a questo scopo 100 milioni di franchi all'anno. L'importo - sempre secondo il domenicale zurighese - è al vaglio dell'Ufficio federale dei trasporti (UFT). Il giornale riporta anche una presa di posizione delle FFS, secondo cui si tratta di «formulazioni tendenziose» che «lasciano pensare che la comunicazione sia sovradimensionata».

Commenti
 
Illya Lis 2 mesi fa su fb
Non vedo l'ora che si porti via tutto il lavoro, basta con sti ritardi 😂
Andrea Weber 2 mesi fa su fb
Stessa cosa che succede nel settore bancario.
Arminda Armi 2 mesi fa su fb
Scenari divulgati, a scopo preventivo, per evitare allarmismo ,o per scongiurare nuove critiche ai vertici F:F:S: ? Certo è ,che ultimamente l azienda non gode della reputazione e gradimento che erano propri della regia federale.
Cristina Botta 2 mesi fa su fb
Ben svegliati
Moreno Grazia 2 mesi fa su fb
fanculo
Maurizio Roggero 2 mesi fa su fb
Quindi tutti allarmismi per nulla...
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 18:21:33 | 91.208.130.89