Keystone
A rischio gli impieghi meno qualificati
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
47 min
Il Canton Berna smentisce tutto: «Nessun giovane morto»
«Si tratta di un'informazione sbagliata» hanno comunicato le autorità bernesi all'UFSP.
SVIZZERA / BELGIO
1 ora
Per il Belgio i cantoni a rischio ora sono nove
Della lista non fanno però più parte i Grigioni.
SVIZZERA
2 ore
Sostegno ai media: «Il pacchetto va migliorato»
Secondo la Commissione parlamentare, le misure «non devono frenare la trasformazione digitale»
SVIZZERA
4 ore
Incetta di banconote da 1'000 franchi a causa della pandemia
Boom di pagamenti elettronici e contactless, ma anche di prelievi di contanti
ZUGO
4 ore
Padre e figlio scomparsi: «Sono in Iraq e stanno bene»
La polizia cantonale di Zugo è stata contattata dal 36enne che era sparito nel nulla lo scorso 27 giugno.
SVIZZERA / BIELORUSSIA
4 ore
Liberato lo svizzero arrestato a Minsk
Il 21enne vallesano era in prigione da domenica dopo aver partecipato alle proteste contro i brogli.
SVIZZERA
4 ore
«Era un giovane che godeva di buona salute»
Stefan Kuster ha parlato del primo giovane svizzero morto a causa del coronavirus.
FOTO
SVIZZERA
5 ore
Alberi caduti e strade inondate: un nubifragio si è abbattuto su Ginevra
Più di cento militi del servizio d'incendio e soccorso sono stati mobilitati nella serata di ieri.
SVIZZERA
6 ore
Un giovane adulto muore col coronavirus
In Svizzera si registra il primo decesso di una persona under 30
SVIZZERA
7 ore
Ousman Sonko resta in carcere
Il Tribunale federale ha negato per l'ennesima volta la scarcerazione dell'ex ministro degli interni gambiano.
SVIZZERA
7 ore
Terzo giorno sopra ai 200 casi
Sono 15'928 gli svizzeri in quarantena poiché di rientro da uno dei Paesi a rischio
ZURIGO
7 ore
«La sifilide? Non è stato Cristoforo Colombo a portarla in Europa»
Uno studio dell'Università di Zurigo "scagiona" il navigatore: «I batteri erano già presenti prima».
SVIZZERA
08.09.2019 - 10:550
Aggiornamento : 11:13

FFS: la digitalizzazione potrebbe portarsi via 3’400 posti di lavoro

È lo scenario più pessimistico. Con una digitalizzazione "integrata" si conterebbero invece 200 posti di lavoro in più

BERNA - Benché, dopo l’annuncio della partenza del ceo Andreas Meyer, la presidente del consiglio di amministrazione delle FFS, Monika Ribar, abbia promesso una fase di consolidamento dell’azienda, grandi cambiamenti interessano comunque le ferrovie negli anni a venire. 

A ipotizzarli è uno studio commissionato proprio dall'ex regia federale ed eseguito dalla società di revisione e consulenza PWC in collaborazione con una professoressa del Politecnico di Zurigo. Il tema è la digitalizzazione e come influirà sul numero di occupati dell’azienda. Il risultato? Lo sfruttamento delle nuove tecnologie potrebbe determinare la soppressione anche di 3’400 posti di lavoro entro il 2035.

Come riporta la SonntagsZeitung, i ricercatori hanno ipotizzato due scenari. Uno in cui la digitalizzazione e l’automazione siano integrate nello sviluppo delle FFS a completamento del lavoro umano e in un contesto di forte regolamentazione. E un secondo in cui le nuove tecnologie siano impiegate in maniera più spinta. 

Nel primo caso, si ipotizza la perdita di 5'500 posti di lavoro poco o mediamente qualificati e la creazione di 5'700 posti di lavoro nel settore IT, con un saldo positivo di 200 collaboratori e collaboratrici in più. Nel secondo, invece, si direbbe addio a 10'000 vecchi posti di lavoro mentre se ne creerebbero solo 6'600 di nuovi: un saldo negativo di 3'400 unità. 

Tale cifra corrisponderebbe al 13% degli attuali 27mila collaboratori delle FFS (FFS cargo compresa). La soppressione di impieghi, tuttavia, potrebbe virtualmente avvenire senza licenziamenti. Da qui al 2035 si prevede infatti che vadano in pensione 11'300 dipendenti delle FFS. 

Il dopo Andreas Meyer visto dagli altri domenicali - La situazione delle FFS, in particolare dopo le annunciate dimissioni del CEO Andreas Meyer, continua ad essere al centro dell'attenzione anche di altri domenicali. Se alcune testate danno voce a critiche mosse alla presidente del consiglio di amministrazione (cda), Monika Ribar, altre si concentrano sui costi di immagine dell'azienda.

«Quando le opzioni strategiche sono in discussione, mi dispiace che il cda non sia più visibile», afferma il consigliere nazionale Manfred Bühler (UDC/BE) sulle colonne di Le Matin Dimanche, evocando i problemi ai quali deve far fronte la società, dai ritardi nelle consegne dei treni Bombardier, alla sicurezza e alla puntualità. «È sempre Andreas Meyer che è al fronte», aggiunge ancora. Per il capo del gruppo socialista alle Camere federali, Roger Nordmann (VD), «il cda è diventato debole» dopo l'arrivo di Ribar.

Il SonntagsBlick si concentra dal canto suo sui costi di marketing e comunicazione dell'azienda. Stando a un rapporto confidenziale, visionato dal settimanale, la compagnia ferroviaria spenderebbe a questo scopo 100 milioni di franchi all'anno. L'importo - sempre secondo il domenicale zurighese - è al vaglio dell'Ufficio federale dei trasporti (UFT). Il giornale riporta anche una presa di posizione delle FFS, secondo cui si tratta di «formulazioni tendenziose» che «lasciano pensare che la comunicazione sia sovradimensionata».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Illya Lis 11 mesi fa su fb
Non vedo l'ora che si porti via tutto il lavoro, basta con sti ritardi 😂
Andrea Weber 11 mesi fa su fb
Stessa cosa che succede nel settore bancario.
Arminda Armi 11 mesi fa su fb
Scenari divulgati, a scopo preventivo, per evitare allarmismo ,o per scongiurare nuove critiche ai vertici F:F:S: ? Certo è ,che ultimamente l azienda non gode della reputazione e gradimento che erano propri della regia federale.
Cristina Botta 11 mesi fa su fb
Ben svegliati
Maurizio Roggero 11 mesi fa su fb
Quindi tutti allarmismi per nulla...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-14 19:36:41 | 91.208.130.89