Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VIDEO
SVIZZERA
6 ore
Quella montagna verde che fa storcere il naso ai puristi del rossocrociato
Presentata oggi dalla Federazione Svizzera di Calcio, la nuova maglia da trasferta della Nazionale non sembra fare l’unanimità tra i tifosi
SVIZZERA
7 ore
Berna, la città migliore in Europa in cui stare al volante
Secondo "l'indice di guida nelle città 2019" di Mister Auto, la capitale svizzera si piazza al quarto posto a livello globale
SVIZZERA
7 ore
Milestone 2019, premiata una start-up di Zermatt
La "Bonfire", attiva nell'ambito della comunicazione digitale, appartiene all'ente turistico e alle Ferrovie di montagna della località vallesana
SVIZZERA
10 ore
Miliardo di coesione, accordo in vista fra le Camere
La commissione di politica estera del Nazionale raccomanda al plenum di allinearsi alla posizione degli Stati e del governo
SVIZZERA
10 ore
Schengen/Dublino, un centinaio di milioni per le banche dati
La commissione di politica estera del Nazionale ha approvato il versamento
GRIGIONI
10 ore
Niente cittadinanza onoraria per il fondatore del WEF
Il Canton Grigioni rivela che non esiste la base legale per compiere questo passo: «Stiamo vagliando ulteriori possibilità per onorare i meriti di Schwab»
SVIZZERA
11 ore
Collaboratori esterni a Berna, ci sono margini di miglioramento
Lo rileva la Commissione della gestione degli Stati, che ha espresso soddisfazione per l'intervento del governo
SVIZZERA
11 ore
Una donna raccoglierà il testimone di Levrat?
L'ipotesi prende forma in vista del prossimo Congresso del partito, che si terrà a Basilea il 4 e 5 aprile
BERNA
12 ore
Grave incidente nucleare, siamo pronti?
Da domani a venerdì la centrale atomica di Beznau sarà teatro di un'esercitazione generale
SVITTO
12 ore
Travestito da Ku Klux Klan, il politico lascia l'UDC
Il giovane attaccò con dello spray al peperoncino il partecipante a una manifestazione antirazzista post Carnevale
SVIZZERA
13 ore
«Il 9 febbraio è la sconfitta che brucia di più»
È l'iniziativa contro l'immigrazione di massa il cruccio più grande di Christian Levrat. Secondo il 49enne è stata sottovalutata dal suo partito
GRIGIONI
15 ore
Sbanda sulla neve e si ribalta
L'incidente è avvenuto questa mattina ad Andeer sull'A13. Illesi il conducente e il suo cane
FRIBURGO
15 ore
Il PPD rinuncia al ricorso: Gapany è (definitivamente) eletta
Il partito popolare democratico è comunque molto critico con la cancelleria: «La confusione da loro creata scredita queste elezioni e danneggia gravemente l'immagine del nostro cantone»
SVIZZERA
02.09.2019 - 16:210

Il potenziale di sviluppo dell'energia idroelettrica è più basso del previsto

In forse il raggiungimento del valore di riferimento definito per lo sviluppo fino al 2050 dalla Strategia energetica 2050

BERNA - Il mantenimento e l'ulteriore sviluppo della forza idrica quale fonte energetica rinnovabile è un obiettivo dichiarato della Strategia energetica 2050. Ma il potenziale è inferiore alle stime effettuate finora, secondo un nuovo studio dell'Ufficio federale dell'energia (UFE).

Rispetto allo studio del 2012, il potenziale di sviluppo stimato fino al 2050 è inferiore di circa 1600 GWh/anno, in condizioni di utilizzo ottimizzate. Al netto dell'incremento annuale di 640 gigawattore (GWh/anno) realizzato tra il 2012 e il 2019, la differenza effettiva è di 960 GWh/anno, indica l'UFE.

Il valore di riferimento fissato dalla legge sull'energia per il 2035 per lo sviluppo dell'idroelettrico è raggiungibile. Tuttavia, quasi tutto il potenziale individuato fino al 2050 deve essere realizzato entro il 2035. Nei prossimi anni, ciò richiederà un incremento netto pari mediamente a 85 GWh/anno.

Il nuovo studio non permette di determinare se il valore di riferimento definito per lo sviluppo fino al 2050 indicato nel messaggio sulla Strategia energetica 2050 possa essere raggiunto.

Il potenziale stimato fino al 2050 potrebbe aumentare di diverse centinaia di gigawattora all'anno con lo sfruttamento del potenziale dei laghi glaciali e la realizzazione di progetti di nuove centrali non ancora noti. Lo sviluppo di tale potenziale da parte del settore elettrico dipende tuttavia in misura determinante dall'evoluzione delle condizioni quadro economiche per la produzione idroelettrica nazionale, precisa l'UFE.

La produzione media attesa secondo la statistica degli impianti idroelettrici svizzeri più quella delle microcentrali idroelettriche meno il fabbisogno medio di energia elettrica delle pompe di alimentazione era di 35 350 GWh/anno nel 2012 e di 35 990 GWh/anno al 1° gennaio 2019. La produzione media annua dovuta a nuove costruzioni, rinnovi e ampliamenti è quindi aumentata di 640 GWh/anno.

Il potenziale delle nuove grandi centrali idroelettriche (potenza maggiore di 10 MW) è rimasto pressoché invariato, mentre quello derivante dall'ampliamento e dal rinnovo delle grandi centrali idroelettriche esistenti è di 970 - 1530 GWh/anno (2012: 870-1530 GWh/anno).

Piccole centrali - Il potenziale delle nuove piccole centrali idroelettriche (potenza inferiore a 10 MW), è considerevolmente minore di quello stimato nel 2012. Una delle ragioni è che dal 2018 le piccole centrali idroelettriche con una potenza inferiore a 1 MW lordi non vengono più inserite nel sistema di rimunerazione per l'immissione di elettricità.

Inoltre, si deve ipotizzare che verranno a mancare le piccole centrali idroelettriche, esistenti o in progetto, che non sono redditizie senza sostegni finanziari o che vengono disattivate non appena diventa necessario effettuare un importante investimento per il rinnovo.

In totale il potenziale delle piccole centrali idroelettriche si situa tra 110-550 GWh/anno fino al 2050, un valore significativamente inferiore a quello previsto nel 2012 (1290-1600 GWh/anno). Inoltre le perdite di produzione sono significativamente maggiori a causa delle disposizioni sui deflussi residuali che servono per proteggere le acque.

Laghi glaciali e nuovi progetti - L'analisi non ha tenuto conto del potenziale dei nuovi laghi glaciali, stimato a circa 700 GWh/anno, né di quello dei progetti non divulgati dal settore elettrico per motivi di riservatezza. Il potenziale stimato fino al 2050 potrebbe quindi risultare maggiore di diverse centinaia di gigawattora all'anno.

L'attuale legge sull'energia stabilisce per il 2035, come valore di riferimento, una produzione media annua di almeno 37'400 gigawattora. Secondo il messaggio sulla Strategia energetica 2050, questo valore salirà a 38'600 GWh entro il 2050.

Dati aggiornati - I valori di riferimento contenuti nella legge sull'energia e nel messaggio si basano su un'analisi del potenziale idroelettrico elaborata dall'UFE nel 2012. Tale studio è stato aggiornato in quanto sono cambiate sia le condizioni economiche che alcune condizioni quadro giuridiche. L'obiettivo era quello di verificare la raggiungibilità dei valori di riferimento fissati per lo sviluppo.

Sono attualmente in corso i lavori sulle prospettive energetiche per il 2050+, che dovrebbero essere disponibili nella seconda metà del 2020. I risultati di questa analisi del potenziale, insieme a molte altre analisi dello sviluppo del consumo e della produzione di energia, dell'economia, della mobilità e delle tecnologie, saranno integrati nelle prospettive energetiche 2050+.
 
 

Commenti
 
fcvikings 2 mesi fa su tio
Sono 20 anni che lavoro in un'azienda idroelettrica...e con il tempo si riscontrano molto problemi alla base di tutto...un ufficio, che sia cantone o confederazione dà incentivi per migliorare l'efficenza degli impianti... l'altro ufficio di obbliga a mettere in atto misure di compensazione (rivitalizzazione di corsi d'acqua) che pesano circa il 35-40% dell'investimento totale. Inoltre tra tasse comunali, cantonali e canoni d'acqua ci sono molti periodi durante l'estate che costa meno lasciare ferma una centrale piuttosto che produrre energia! Come la mettiamo?
ugobos 2 mesi fa su tio
in forse ma se non si fa niente anzi. solo leggi tasse e rotture per chi vuole far qualcosa
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-13 04:30:26 | 91.208.130.86