Deposit
SVIZZERA
06.08.2019 - 11:120

La Società degli impiegati di commercio chiede un aumento dei salari

Per far fronte alla perdita del potere d'acquisto e all'incertezza congiunturale in un settore con un altissimo tasso di stipendi a basso tenore

ZURIGO - La Società degli impiegati del commercio per il prossimo anno richiede aumenti salariali che oscillano tra lo 0,75% e il 2% in funzione del settore specifico, sottolineando che è necessario contrastare attivamente la perdita di potere d'acquisto.

L'associazione evidenzia in un comunicato odierno che, a causa dei conflitti commerciali internazionali e delle incertezze nei confronti delle controparti europee, l'economia svizzera vive attualmente una situazione di crescita stabile ma tuttavia indebolita rispetto allo scorso anno.

La quota di salari a basso tenore è nettamente sopra la media soprattutto nel segmento del commercio al dettaglio, che con circa 77'000 dipendenti costituisce uno dei principali settori economici della Svizzera.

Per questo la Società degli impiegati del commercio guarda con grande attenzione all'evoluzione salariale di questo segmento, in particolare alla situazione delle donne, che rappresentano nel complesso due terzi dei lavoratori con basso tenore salariale.

Lo scorso anno i salari nominali hanno segnato un incremento medio dello 0,5% rispetto al precedente anno. Tenuto conto di un tasso d'inflazione annuo medio dello 0,9%, i salari reali e, con essi, il potere d'acquisto sono diminuiti nel 2018 dello 0,4%.

Qualora si riconfermasse la tendenza ormai costante dal 2010, che vede aumenti solo moderati nei salari nominali (pari al massimo al +1% l'anno), a fronte di una parallela inflazione dello 0,6% anche nel 2019 i salari reali non cresceranno o aumenteranno solo in misura limitata. A parere dell'organizzazione, uno scenario di questo tipo giustifica già di per sé un aumento salariale. L'obiettivo è il potenziamento generale del potere d'acquisto.

Commenti
 
Mag 2 sett fa su tio
Che panzana usata solo per far politica (falsa) pro-popolo: gli impiegati di commercio non godono a livello federale di CCL o di un CNL in tutti i Cantoni, i quali garantirebbero salari minimi, proprio come accade nella ristorazione e nell'edilizia.
Valerio Castellani 2 sett fa su fb
Hanno ragione dovrebbero avere già un surplus solo per sopportare certi clienti 🤫🤫🌹🌹😘👍👍
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-26 11:45:36 | 91.208.130.85