Keystone
SVIZZERA
31.07.2019 - 11:410

Industria MEM, chiesti aumenti salariali fino all'1,9% nel 2020

La richiesta si giustifica, secondo l'organizzazione di categoria, in ragione dei guadagni in produttività, che vanno condivisi con i lavoratori

OLTEN - Impiegati svizzeri, l'associazione che riunisce i collaboratori attivi nell'industria metalmeccanica ed elettrica (MEM), chiede per l'anno prossimo un aumento in busta paga fino all'1,9%. Il motivo di questa richiesta, si legge in una nota odierna dell'organizzazione di categoria, si giustifica in ragione dei guadagni in produttività, che vanno condivisi con i lavoratori.

Oltre a ciò, Impiegati svizzeri giustifica simile richiesta anche con le previsioni dell'istituto BAK Economics che prevede per i rami contemplati una crescita superiore a quella dell'economia nel suo insieme.

Negli anni scorsi, a causa anche di ristrutturazioni andate a scapito della manodopera, il settore MEM ha registrato un forte balzo della produttività. Per gli impiegati del settore farmaceutico e chimico, l'associazione domanda un aumento generale dei salari dell'1,9%, in ragione anche della buona salute di questi due settori, le cui esportazioni sono in crescita.

Tenuto conto del fatto che non tutti i settori registrano la stessa performance, Impiegati svizzeri domanda aumenti di stipendio oscillanti tra l'1,1% e l'1,9%.

L'associazione di categoria, si legge nella nota, si attende inoltre che l'accordo istituzionale tra la Svizzera e l'Unione europea venga firmato in tempi brevi. Questa intesa è infatti importante per l'industria di esportazione.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-23 01:17:44 | 91.208.130.85