Keystone (archivio)
SVIZZERA
23.07.2019 - 12:200

«Interessi negativi sui conti? Non escludo nulla»

Il presidente della direzione di UBS Sergio Ermotti ritiene comunque difficile imporre una misura del genere ai piccoli clienti

ZURIGO - Interessi negativi per i conti dei piccoli risparmiatori presso UBS? Il presidente della direzione Sergio Ermotti non si sente di «escludere nulla», pur considerando difficile imporre una misura del genere ai piccoli clienti. «Non può però essere che solo gli azionisti siano chiamati a pagare per la politica delle banche centrali», ha detto.

Il manager ticinese ha parlato in tal modo durante una conferenza telefonica a margine della presentazione dei conti del primo trimestre, chiusisi con un utile di 1,4 miliardi (+1% su base annua), sopra le attese degli esperti.

In generale UBS ritiene di essere ben posizionata per il futuro, nonostante l'attuale contesto difficile. «Le tendenze a lungo termine per le nostra attività di amministrazione patrimoniale rimangono buone», ha sostenuto Ermotti. Non vi sono comunque piani per cambiare strategia e i potenziali adeguamenti del modello di affari saranno certamente evolutivi piuttosto che rivoluzionari.

Nel breve periodo è tuttavia probabile che UBS continui a navigare anche con il vento contrario: il gruppo - ha spiegato il responsabile delle finanze Kirt Gardner - prevede un calo dei tassi d'interesse. Tuttavia, il CFO non si aspetta che ciò eserciti un'ulteriore pressione sui margini netti, già molto bassi, della banca.

UBS non ha ancora deciso come reagirà se la Banca nazionale svizzera (BNS) renderà ancora più negativo il suo tasso di riferimento, oggi al -0,75%: «Ma valutiamo naturalmente tutte le misure per difendere i nostri margini», ha assicurato Ermotti nei confronti degli investitori. A suo avviso è comunque ancora troppo presto per discutere della cosa, tanto più che non si sa ancora esattamente cosa faranno le banche centrali, compresa la BNS.

Il CEO non ha voluto nemmeno esprimersi sulla decisione che venerdì sarà chiamato a prendere il Tribunale federale sulla consegna di dati bancari alla Francia. Come noto l'Amministrazione federale delle contribuzioni ha ricorso contro la sentenza del Tribunale amministrativo federale, secondo cui UBS non può fornire le informazioni richieste dalla Francia.

Prima della decisione non è sicuramente il caso di esprimersi e dopo ci sarà poco da dire, ha affermato il 59enne. Fondamentalmente, tuttavia, si tratta di un dossier importante per l'intera piazza finanziaria svizzera.

Nella conferenza telefonica Ermotti ha fornito anche dettagli sul prossimo programma di riacquisto di azioni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Iron 883 1 anno fa su tio
Per coprire le multe delle loro malefatte!!!!!
Blobloblo 1 anno fa su tio
Ma stiamo scherzando???? Sotto il materasso allora renderanno di più! Per me possono chiudere tutte le banche
MIM 1 anno fa su tio
@Blobloblo Chiudere forse no, ma tenere i soldi sotto il materasso si :-) Ora puoi capire anche perché il "nuovo ordine mondiale" sta tentando di utilizzare sempre meno il denaro contante.
francox 1 anno fa su tio
Interessi negativi! Ha ha ha.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-01 15:58:51 | 91.208.130.85