Deposit
SVIZZERA
16.06.2019 - 11:160

Anche se insoddisfatti, molti svizzeri non cambiano lavoro

Un terzo di chi è scontento della propria occupazione resta dov'è. La consulente: «Alla lunga ciò ha della conseguenze»

ZURIGO - Il capo stressa, la mole di lavoro è eccessiva e la paga potrebbe essere meglio. Molti svizzeri sono insoddisfatti del proprio impiego. Quanti? 1 su 4: lo rivela un nuovo studio dell’agenzia di collocamento Robert Half.

Ciò che è sorprendente, tuttavia, è che un terzo di chi è scontento della propria occupazione resta dov’è e non cerca attivamente un nuovo lavoro. Il motivo più comune? Almeno per la metà di loro sono i vantaggi maturati, come modelli di lavoro flessibile o un buon salario. La seconda ragione per restare sono i buoni rapporti con i colleghi di lavoro, citata dal 29% di questi insoddisfatti a metà.

«Non esiste un lavoro perfetto al 100%», spiega Zerrin Azeri, Direttrice associata di Robert Half a Zurigo. I motivi per essere insoddisfatti quindi non mancano. «Se l’ambiente tra colleghi è buono, però, questo compensa molto», aggiunge Azeri.

L’insoddisfazione , tuttavia, non dovrebbe essere presa alla leggera: «È importante che i dipendenti non siano costantemente infelici del loro impiego», sottolinea la consulente. Ciò potrebbe infatti avere conseguenze sulla salute abbastanza rapidamente: «La frustrazione sul lavoro può sfociare in un burnout o in un boreout», afferma.

Secondo Azeri, il primo passo dovrebbe essere parlare con i propri superiori per tentare di trovare una soluzione. Se non cambia niente allora è tempo di cercare un nuovo lavoro. È il momento di agire anche in caso di sfruttamento, mobbing, continue ore supplementari o rapporti logorati con i colleghi.

Il sondaggio commissionato da Robert Half è stato condotto nel marzo scorso dall’istituto di ricerca sui mercati Yougov e ha coinvolto 250 dipendenti svizzeri.

Infelici al lavoro

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.
Commenti
 
Paolo Mac 4 mesi fa su fb
E certo perché cambiare lavoro è facile come cambiarsi le mutande🤔Sempre più perplesso sul senso di certi articoli🤔🤔🙄🙄
Alfredo Corradi 4 mesi fa su fb
I
Elena Rusconi 4 mesi fa su fb
Chissa forse perche un'altro non c'e!!! Che articolo altamente stupido!!!!
seo56 4 mesi fa su tio
Hahahaha.... spendono anche denaro per questi studi del .....
Matt Gorietti 4 mesi fa su fb
Volevo fare il lavoro di Ermotti, ma mi hanno detto che c’è solo un posto.. il suo..
Patty Cilindro 4 mesi fa su fb
Personalmente.. Sarebbe già tanto averlo.. Un lavoro. 😕.
Thomas Dandrea 4 mesi fa su fb
È vero,ma poi sul lavoro chi vale veramente si vede quando manca...!!!
Thomas Dandrea 4 mesi fa su fb
Molti si rendono poi conto che cambiare va bene ma la garanzia che vai a stare meglio non c'è.Si cambia solo quando si intravede qualcosa di sicuro e che piace
Rita Turrin 4 mesi fa su fb
Nella vita nulla è sicuro
Ellefson Ticino 4 mesi fa su fb
Per forza se no dove trovano ?
Carlo Calafa 4 mesi fa su fb
Chiamasi Resistenza al cambiamento
Francesco Bellopede 4 mesi fa su fb
Io la cosa che sento di più frequentemente e che si guadagna troppo poco ..lo dice poi gente che guadagna 3800 fr , io penso che se fai un lavoro comune non puoi pretendere di più anzi... Ho fatto lo chef pe vari anni ed ho guadagnato quella cifra...ed avevo molte responsabilita
Caterina Palleria Mastria 4 mesi fa su fb
Ormai tutte le aziende fanno mobbing...tendono a farlo al personale che hanno da 5anni almeno per strategia..dicono che creano posti di lavoro, così prendono ragazzini di qua o frontalieri al 20/40% per non pagare tasse alte ma lasciano a casa chi ha sempre lavorato.che vergogna
Giorgio Cerri 4 mesi fa su fb
Caterina Palleria Mastria le tasse non cambiano anche se si prendono ragazzini o frontalieri, dai non diciamo cavolate.
Caterina Palleria Mastria 4 mesi fa su fb
Giorgio Cerri per le multinazionali cambiano eccome.aggiornati
Christina Rosamilia 4 mesi fa su fb
Lo ripeto: in Svizzera la vita è acqua di rose. Viaggiate un po’ poi scoprirete cosa vuol dire la parola mobbing. Non vi piace la vita che fate? Cambiare, non siete alberi. Abbandonate la Svizzera. Ricordatevi che “mancare” fa bene. Almeno poi uno ha qualcosa da raccontare, da ricordare.
Rita Turrin 4 mesi fa su fb
Non concordo. Il mobbing è ovunque. E la discriminazione delle donne.
Christina Rosamilia 4 mesi fa su fb
Rita Turrin per 9 ore di lavoro? 10...no comment
Rita Turrin 4 mesi fa su fb
Christina Rosamilia ?????
Alfredo Corradi 4 mesi fa su fb
Quindi bisogna prenderlo in culo con piacere perché nel resto del mondo è peggio? Ma che ragionamento del Cazzo è?
Christina Rosamilia 4 mesi fa su fb
Alfredo Corradi no ma in Svizzera c’è la tendenza a lamentarsi troppo. Cosa ottieni lamentandoti. Se non stai più bene prendi e vai altrove. Altrimenti, o stai zitto o vai a manifestare. Io ammiro gli italiani. Per lo meno manifestano. Forse non ottengono nulla però si fanno sentire
Alex Aquino 4 mesi fa su fb
Meglio far silenzio sull’argomento!!!!
Mara Athena 4 mesi fa su fb
Mara Athena 4 mesi fa su fb
..... 🙄🙄🙄🙄🙄
Tamara Biaggi 4 mesi fa su fb
Il vero motivo è che non hanno le p****! In vita mia ho conosciuto solo uno svizzero abbastanza caparbio da fare carriera e cambiare lavoro quando qualcosa non gli andava bene.
Jessica Parisi 4 mesi fa su fb
Tamara Biaggi 🌷
Francesco Bellopede 4 mesi fa su fb
Tamara Biaggi non sono solo gli svizzeri...ho fatto quello che hai detto 6 Anni fa .. ad oggi sono soddisfatto della mia vita lavorativa...propongo a tante persone il cambio e nessuno ha voglia di lavorare o quanto meno di uscire dalla sua zona confort. E sinceramente tantissima gente non sa lavorare, lo dico proprio in generale.
Tamara Biaggi 4 mesi fa su fb
Francesco Bellopede i non-svizzeri che ho conosciuto erano + aperti al cambiamento però, per quello che ho scritto « solo uno svizzero »
Ivana Kohlbrenner 4 mesi fa su fb
Tamara Biaggi ..no no di gente che ha le palle x cambiare ne conosco ..x migliorarsi ovviamente ..ma..devi tener conto anche della età...dopo 45 ..e tutto sommato 45 anni sono pochi il rischio di trovarsi senza un lavoro è molto forte .......
Ivana Kohlbrenner 4 mesi fa su fb
Intanto xche costi ..intanto xché sei adulto e con carattere ..da un bel po nelle aziende troppi frontalieri e anche quello non ca molto bene ..noi siamo svizzeri con testa svizzera e sapete cosa vi dico ..parliamo la stessa lunga Ma siamo diversi ..e quindi ci si deve integrare . E provare x credere integrarsi in un team di stranieri che si proteggono a vicenda diventa impossibile
Esty Minion 4 mesi fa su fb
Che articolo...🤦🏻‍♀️ Non adeguata proprio ai tempi di oggi!! Non vado oltre che è meglio...
Alessandro Crippa 4 mesi fa su fb
Ovvio non ne trovi un altro e se ti licenzi ci sono anche sei mesi di penalizzazione
Carlo Aiele 4 mesi fa su fb
Nel 2000 quando non era presente una cosi massiccia e ridicola quamtità di persone frontaliere potevi uscire da una ditta entrare in un altra molto velocemente e facilemnete... ora ??? Ci si mette già media 5 anni a trovare lavoro...cosa volete che si faccia???? Ormai resti dove sei e basta.
Alessandro L Ale 4 mesi fa su fb
Carlo Aiele bisogna essere flessibili e aver voglia di rischiare,invece di lamentarsi sempre e dare colpe a frontalieri,ecc...
Ellefson Ticino 4 mesi fa su fb
Ma che colpa e colpa. In parte condivido il tuo pensiero ma in parte un operaio che costa meno in contributi e mano d'opera piace a tutti.
Carlo Aiele 4 mesi fa su fb
Alessandro L Ale io son scappato a zurigo...... qua è ancora cosi.. 100mila cantieri ecc..chissene del ticino.... la mia bara verrà sotterata qua....che si fxxx il ticino.
Laura Bernasconi 4 mesi fa su fb
È già bello averlo il posto di lavoro, quindi lo tieni bello stretto.
Angela Bruno 4 mesi fa su fb
Laura Bernasconi Infatti, anche se i lavoratori sono insoddisfatti, non diranno mai niente per paura di perdere il posto di lavoro!! Molti datori sono davvero delle iene (per non dire peggio)!!!
Valerio Castellani 4 mesi fa su fb
Comincino i politici a lasciare il suo lavoro così gli scontenti avranno opional in più il lavoratore deve adattarsi il politico ha la colla sulla sedia ⚓️⚓️👁
Rita Turrin 4 mesi fa su fb
Lei parla dell'Italia. Qui non è così.
Ornella Silla 4 mesi fa su fb
Per forza se no dove ne trovi un altro !!
Mary Toschi 4 mesi fa su fb
Ornella Silla appunto . Per me l’unica soluzione sarebbe la svizzera tedesca .
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-20 12:28:04 | 91.208.130.89