Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
4 ore
Elettrodomestici: boom di climatizzatori
SVIZZERA
5 ore
«La campagna del PPD è come un'azione di mobbing»
SVIZZERA
5 ore
«Siamo i lobbisti del popolo, difendiamo il nostro futuro»
BERNA
6 ore
Migros richiama la sedia pieghevole "Foldy"
GRIGIONI
6 ore
Terribile scontro fra auto, morta una 49enne
SVIZZERA
6 ore
Zio Paperone torna negli Usa: gli svizzeri non sono i più ricchi
BERNA
8 ore
"Sì" al contrassegno autostradale elettronico?
SVIZZERA
8 ore
La pianificazione ospedaliera è a livello cantonale
SVIZZERA
8 ore
La Svizzera può contare su 140'304 militari
SVIZZERA
9 ore
In Svizzera c'è una sovraproporzione di robot industriali
SAN GALLO
9 ore
Condannato il pedofilo che abusava di bambine dell'Est
BASILEA CITTÀ
9 ore
Allo zoo di Basilea è nato un piccolo gorilla
ZURIGO
9 ore
UBS, cause in vista da parte dei creditori delle obbligazioni Folli Follie
ZURIGO
9 ore
L'autorità avverte Swiss: «C'è il rischio di incendio ai motori»
SVIZZERA
9 ore
Una commessa in Austria da 100 milioni per Abb
SVIZZERA
13.06.2019 - 17:580
Aggiornamento : 18:14

Meno manzo e maiale ma più pollo: gli svizzeri non rinunciano alla carne

Le economie domestiche, nel 2016, hanno versato 1200 franchi mensili per mangiare e bere. La carne resta la spesa più importante

BERNA - La carne resta la spesa più importante, tra quelle destinate al cibo, per le economie domestiche elvetiche, che per comprarla sborsano 133 franchi al mese. In totale, nel 2016 le famiglie svizzere hanno versato 1200 franchi mensili per mangiare e bere.

Secondo l'ultima pubblicazione dell'Ufficio federale di statistica (UST), divulgata oggi, i soldi dedicati all'alimentazione rappresentano il 12% del budget totale. Tale percentuale tiene conto anche dei pasti al ristorante. La seconda spesa più elevata, dopo la carne, è quella per pane e cereali.

La produzione di carne bovina e di maiale, si legge nel rapporto "Agricoltura e alimentazione", è scesa di circa 5000 tonnellate ciascuna dal 2012. Il calo è stato però più che compensato dalle 15'000 tonnellate supplementari di pollame.

In forte aumento pure la produzione di uova di gallina: nel 2017 erano 54'000 tonnellate, 9000 in più rispetto a cinque anni prima. La domanda di uova bio è quadruplicata in confronto al 1990 e raggiunge attualmente la quota del 14% del mercato totale.

Per quanto riguarda le esportazioni, in cima alla lista non ci sono come ci si potrebbe aspettare formaggio o cioccolato, bensì le bevande contenti acqua e il caffè (soprattutto in capsule). Le principali importazioni riguardano invece frutta, verdura e relativi preparati.

In media, ogni abitante all'anno ha consumato quasi 250 chili di latte e prodotti derivati (burro escluso), poco più di 100 chili sia di frutta sia di ortaggi e 50 chili di carne.
 
 

Commenti
 
BillieJoe 3 mesi fa su tio
Non che ci rinunciano, la sì prende in Italia, Francia e Germania che costa 1/3...
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-18 20:38:21 | 91.208.130.85