Keystone
SVIZZERA
07.06.2019 - 12:200

Ancora nessun piano sociale a "Le Matin"

A un anno dalla scomparsa del cartaceo romando, i 41 dipendenti licenziati aspettano ancora proposte concrete da Tamedia

LOSANNA - A un anno dalla scomparsa dell'edizione cartacea de Le Matin, i 41 dipendenti licenziati non hanno ancora ottenuto un piano sociale «degno di questo nome». Lo rileva stamane il sindacato svizzero dei mass media Impressum, chiedendo inoltre all'editore Tamedia di impegnarsi concretamente nella qualità del giornalismo.

«Siamo profondamente delusi dalla durezza di Tamedia nei confronti dei dipendenti licenziati di Le Matin», dichiara Edgar Bloch, vicepresidente di Impressum, citato in una nota. Unica consolazione: il piano sociale sarà deciso «prossimamente» da arbitri «imparziali». La presidente del sindacato, Franca Siegfried, critica da parte sua «il disinvestimento di Tamedia dal giornalismo in tutta la Svizzera».

A inizio anno Tamedia e i sindacati Syndicom e Impressum avevano trovato un'intesa sulle modalità di arbitrato del contenzioso. Secondo l'avvocato dei dipendenti, le proposte di Tamedia erano «totalmente insufficienti». Per il legale dell'editore, il piano sociale proposto era invece «superiore a quelli usuali del settore».

Commenti
 
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-18 16:23:28 | 91.208.130.89