Depositbox
SVIZZERA
13.05.2019 - 09:260

Mercato immobiliare alle stelle: boom di annunci (e di prezzi) ma anche di sfitti

Colpa della congiuntura, ma anche della crescita demografica sotto la media. Le più ambite dagli svizzeri restano le case unifamiliari

SAN GALLO - Il mercato immobiliare svizzero continua a segnare nuovi record: alla fine del primo trimestre i prezzi delle case unifamiliari hanno toccato un nuovo massimo storico. Nuovo primato anche per gli annunci di vendita degli appartamenti. Parallelamente aumentano però anche i locali sfitti. Lo indica uno studio pubblicato oggi dalla banca Raiffeisen.

Rispetto alla media degli ultimi tre anni, precisa Raiffeisen in una nota, nei primi tre mesi del 2019 è stato pubblicato quasi il 25% in più di annunci di vendita di appartamenti in proprietà.

L'offerta di case unifamiliari rimane invece limitata: nei centri densamente popolati della Svizzera, a causa della scarsità di terreni edificabili a prezzi abbordabili, da anni non si costruiscono quasi più case unifamiliari.

Negli ultimi due anni le concessioni edilizie per questo tipo di abitazioni sono calate del 25%, spiega Martin Neff, economista capo di Raiffeisen, citato nella nota. Conseguenza: un ulteriore aumento dei prezzi.

A causa del rallentamento della congiuntura e a una crescita demografica che continua a rimanere al di sotto della media di lungo periodo sono risultati in calo anche l'edilizia residenziale e i relativi fatturati nel settore edile. Per questo motivo anche quest'anno - per la nona volta consecutiva - dovrebbero aumentare ulteriormente i locali sfitti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Danny50 1 anno fa su tio
In realtà sono gli istituzionali (assicurazioni, fondi immobiliari e casse pensioni) che hanno e stanno costruendo a dismisura, creando uno sfitto da record. A Lugano e a Locarno un “baustop” sarebbe più che auspicabile, anche se i danni sono lì davedere (Massagno che perde abitanti , rimpiazzati da mega palazzine che resteranno semi vuote).
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-07 16:01:22 | 91.208.130.85