Keystone (archivio)
La bilancia commerciale trimestrale attesta un'eccedenza di 6,2 miliardi
SVIZZERA
18.04.2019 - 11:190

L'export svizzero resta su livelli elevati

Si registra però un breve rallentamento rispetto all'ultimo trimestre del 2018. Record per le importazioni, a 51,2 miliardi, nei primi tre mesi del 2019

BERNA - Nonostante una pausa in marzo, le esportazioni svizzere si sono mantenute su livelli elevati nel primo trimestre dell'anno, anche se in rallentamento rispetto all'ultima parte del 2018. Le importazioni hanno raggiunto il livello record di 51,2 miliardi di franchi, indica una nota odierna dell'Amministrazione federale delle dogane (AFD).

La bilancia commerciale trimestrale attesta un'eccedenza di 6,2 miliardi. Dopo l'impennata tra ottobre e la fine di dicembre 2018, le esportazioni sono diminuite dello 0,5% nel primo trimestre, precisa l'AFD. Tuttavia, con 57,4 miliardi di franchi si sono mantenute a un livello "molto elevato". In termini reali, ossia tenendo conto dell'inflazione, hanno registrato una contrazione dell'1%.

Le importazioni hanno continuato a crescere, aumentando dell'1% nel periodo in esame. Esse hanno raggiunto i 51,2 miliardi. In termini reali, l'incremento è stato dello 0,7%.

Il calo trimestrale delle esportazioni riflette la contrazione delle forniture di due dei pilastri dell'economia rivolta all'estero, vale a dire il settore dei macchinari e dell'elettronica e il settore dei prodotti chimici e farmaceutici.

Il primo ha subito un calo dell'1,6%, che dal secondo trimestre del 2018 è entrato in una fase di rallentamento. Il secondo, di gran lunga il primo esportatore svizzero, ha registrato una flessione dello 0,8%. Tuttavia, precisa l'AFD, le forniture estere delle industrie chimiche e farmaceutiche hanno continuato ad evolvere a livelli stratosferici.

Dopo il crollo dell'ultimo trimestre del 2018, le esportazioni di orologi hanno ripreso a crescere (+0,9%), registrando una nuova impennata in marzo. Secondo la Federazione dell'industria orologiera svizzera (FH), nell'ultimo mese sono aumentati del 4,4%, raggiungendo gli 1,74 miliardi di franchi.

Anche l'export riguardante gli strumenti di precisione è aumentato (+1,6%), confermando il percorso di crescita iniziato all'inizio del 2017, che ha consentito a questo settore di generare non meno di 552 milioni. Per quanto riguarda le altre merci, l'aumento di 236 milioni nella gioielleria ha contribuito ad attenuare il calo delle esportazioni complessive.

Dal punto di vista geografico, dall'inizio dell'anno i tre mercati principali per gli esportatori svizzeri hanno accusato un calo della domanda. In qualità di principale partner commerciale della Svizzera, l'Europa ha registrato la maggior contrazione dell'export "Swiss Made" (-1%, pari a 338 milioni), dopo una buona performance nel quarto trimestre 2018 (+7,1%).

La flessione osservata nel Vecchio Continente riflette principalmente la diminuzione delle esportazioni verso l'Irlanda (-44%), i Paesi Bassi, la Francia e l'Italia. Anche le spedizioni verso il Nord America sono diminuite (-88 milioni, pari a -1,8%), rimanendo pur sempre ad un livello elevato.

Le consegne in Asia hanno mostrato la tendenza opposta. Navigando sull'onda del successo da diversi trimestri, hanno raggiunto un nuovo massimo trimestrale di 13,2 miliardi. Le esportazioni verso Hong Kong sono cresciute di 115 milioni (+7,9%), mentre quelle verso il Giappone hanno superato per la seconda volta i 2 miliardi (+3%).

Sul fronte delle importazioni, tre dei cinque maggiori settori sono cresciuti tra gennaio e la fine di marzo, a cominciare da quello chimico e farmaceutico, seguito da quello dei macchinari ed elettronica, che ha raggiunto un livello record di 8,2 miliardi, e quello dei metalli.

Le importazioni del gruppo Il boom delle importazioni, ripartito per regione, ha preso piede in Asia (+4%) e in Europa (+3%), i due mercati dominanti. Dall'inizio del 2017, il partner asiatico ha dimostrato di essere due volte più vigoroso della sua controparte europea.

Commenti
 
falcodellarupe 1 mese fa su tio
Di quei 13,2 miliardi di esportazioni in Asia, che incidenza avranno le armi?? Qualcuno lo sa?
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-21 09:14:43 | 91.208.130.87