Keystone
SVIZZERA
15.04.2019 - 11:050

Le aziende svizzere aprono alla sostenibilità: «Ma sia volontaria»

Sono molte le imprese che hanno già adottato in maniera spontanea delle misure "verdi" dalle emissioni passando per la plastica e il risparmio energetico

BERNA - La ricerca di un comportamento sempre più sostenibile sembra non risparmiare le aziende svizzere. La maggioranza ha già adottato misure ecologiche e pianifica ulteriori passi, indica un sondaggio pubblicato oggi da UBS.

Da settimane studenti di tutto il mondo scioperano per rendere attenti sulle loro preoccupazioni ambientali. Questo tema sembra coinvolgere anche le imprese elvetiche. Circa il 77% delle 2'500 aziende sondate da UBS ritiene che una gestione ecologicamente sostenibile sia importante o molto importante.

Esse reputano che nella loro attività ad incidere principalmente è il consumo di corrente ed energia. Ma anche i rifiuti di plastica, l'inquinamento dell'aria e del terreno vengono citati frequentemente.

Poco più della metà dei partecipanti al sondaggio ha già contrastato questi impatti ambientali attraverso una riduzione dei rifiuti, del consumo di corrente e di risorse e pianifica ulteriori misure per il futuro.

Agire ecologico porta a risparmiare sui costi

Le aziende dichiarano che agendo in modo sostenibile a lungo termine raramente attraggono investitori e aumentano le vendite. D'altro canto però vengono ridotti i costi e la reputazione migliora.

A spingere verso una maggiore attenzione all'ambiente sono in particolare collaboratori (46%) e clienti (43%). «In un mercato altamente competitivo, le aziende puntano anche a questi vantaggi concorrenziali per conquistare talenti e clienti», affermano gli autori dello studio.

Misure volontarie anziché regolamentazioni

Quando si tratta di raggiungere obiettivi ambientali, le aziende preferiscono strumenti come la formazione, l'informazione e la comunicazione, come ad esempio avvenuto con successo in Svizzera con il riciclaggio dell'alluminio. Maggiore favore ricevono anche le collaborazioni e gli accordi volontari tra aziende.

Al contrario, le imprese sono piuttosto scettiche nei confronti di interventi statali in forma di divieti e obblighi. Quest'ultimi vengono però accettati con favore se realizzati con strumenti conformi al mercato, come ad esempio tasse di incentivazione.

«La sostenibilità ambientale è un tema centrale per le aziende svizzere e non in ragione delle regolamentazioni, ma perché sta a cuore ai clienti, ai collaboratori e ai direttori», dichiara il responsabile di UBS Svizzera Axel Lehmann, citato nella nota. 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-21 13:21:12 | 91.208.130.87