Keystone
Lo stabilimento produttivo di Bussnang
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
51 min
Eccesso di velocità in servizio: «I poliziotti non vanno puniti»
La Commissione dei Trasporti del Consiglio Nazionale ha approvato un'iniziativa parlamentare di Christian Lüscher che chiedeva una valutazione diversa in situazioni d'emergenza
BERNA
59 min
Il sole di gennaio sconfigge la nebbia
Questo mese è già entrato nella storia del canton Berna: è stato il più soleggiato dall'inizio delle misurazioni, nel 1886
GRIGIONI
1 ora
«La nostra casa è in fiamme. Agite per i vostri figli»
Greta Thunberg ha lanciato l'ennesimo monito sul cambiamento climatico dal palco del WEF
SVIZZERA
2 ore
I migranti vulnerabili non vanno in Italia, Quadri non ci sta
«Il Tribunale amministrativo federale sabota l'accordo di Dublino» secondo il consigliere nazionale leghista
SAN GALLO
2 ore
Carcere, multa e terapia stazionaria per l'ex dipendente dell'asilo
L'uomo è stato riconosciuto colpevole di abusi sessuali e di aver diffuso materiale pedopornografico su internet
FOTO E VIDEO
BERNA
2 ore
Rogo alla Vigilia di Natale: «Difetto tecnico o candela accesa?»
Le cause dell'incendio che a dicembre ha devastato la chiesa di Herzogenbuchsee non sono ancora state chiarite. I danni ammontano a diversi milioni di franchi
BERNA
2 ore
Globus chiude due negozi, persi 85 posti di lavoro
La catena di grandi magazzini, per la quale Migros è alla ricerca di un acquirente, chiuderà due punti vendita nel Canton Berna
VAUD
2 ore
Losanna supera i 146'000 abitanti: «È record»
Il capoluogo vodese ha fatto registrare un aumento di 544 persone nel 2019
SVIZZERA
2 ore
Il Consiglio federale vuole diventare più social
Un rapporto ha ravvisato una mancanza di uniformità tra i vari dipartimenti. Per questo Berna ha incaricato la Cancelleria di elaborare una strategia per l'utilizzo dei social network
FRIBURGO
4 ore
21enne travolto e ucciso da una pianta
Il giovane forestale ha perso la vita mentre stava lavorando in un bosco di Tour-de-Trême
SVIZZERA
5 ore
«L'America sta vincendo di nuovo, come mai prima»
Donald Trump, intervenuto al WEF di Davos, ha sottolineato come fra i meriti della sua amministrazione ci sia il più basso tasso di disoccupazione di sempre
SVIZZERA
12.04.2019 - 18:060

Stadler sbarca (e sbanca) in Borsa

Emmesso con un prezzo di 38 franchi, dopo un solo giorno di contrattazioni il titolo ha guadagnato il 13,42%

ZURIGO - Stadler Rail, entrato oggi alla borsa svizzera, come da previsioni ha sbancato: rispetto al prezzo di emissione, fissato a 38 franchi, il titolo nel primo giorno di contrattazioni ha guadagnato il 13,42% a 43,10 franchi, mentre l'indice allargato SPI è risultato in calo dello 0,49%. La capitalizzazione del gruppo ha così raggiunto circa 4,2 miliardi di franchi.

Con 38 franchi, il prezzo di emissione è stato collocato nella fascia alta della proposta iniziale, che era compresa tra 33 e 41 franchi. L'offerta è infatti stata sostenuta dalla forte domanda da parte di investitori istituzionali e privati.

Il prezzo elevato si spiega anche con la recentissima commessa di 600 milioni di dollari (grossomodo la medesima somma in franchi) negli Stati Uniti per la fornitura di 127 convogli destinanti alla metropolitana di Atlanta. Mai prima nella sua storia il produttore turgoviese di materiale rotabile si era aggiudicato un ordinativo tanto consistente.

Prima dell'avvio dell'offerta pubblica iniziale (IPO), il presidente dell'azienda Peter Spuhler, già consigliere nazionale (UDC/TG), ha sottolineato il suo desiderio di fare del titolo della sua impresa un'"azione popolare", rallegrandosi del fatto che al capitale accedessero anche piccoli azionisti.

Oggi il titolo, denominato SRAIL, come avviene generalmente in occasione di IPO, è però finito essenzialmente nelle tasche di casse pensioni e fondi d'investimento. Una portavoce del gruppo aveva comunque precisato la nozione di "azione popolare": cosciente delle dinamiche in atto in occasione dell'entrata in borsa, aveva indicato che il passaggio di titoli in mano a piccoli investitori era previsto in un secondo tempo.

Per il 2019 gli azionisti dovrebbero poter contare su un dividendo di almeno 120 milioni di franchi, poi di circa il 60% dell'utile netto negli esercizi seguenti.

L'operazione consente a Spuhler che detiene direttamente e indirettamente l'80% del capitale, di disimpegnarsi parzialmente investendo la metà delle sue azioni. La sua partecipazione al termine dell'operazione scenderà a circa il 40%. Il presidente intende continuare a occupare la sua funzione e rimanere l'azionista di riferimento.

Con questa IPO, il gruppo, che produce treni regionali, convogli ad alta velocità, metropolitane e tram, intende acquisire visibilità e consolidare la propria presenza in Europa continuando a conquistare nuovi mercati.

Fondata nel 1942, la società con sede a Bussnang (TG), lo scorso anno ha realizzato un fatturato di 2 miliardi di franchi. Grazie a un portafoglio di commesse ben riempito, spera di portarlo a quattro miliardi l'anno prossimo (senza acquisizioni). Quest'anno le vendite dovrebbero raggiungere quota 3,5 miliardi.

Stando a informazioni del gruppo stesso, Stadler Rail è la terza azienda del settore in Europa. Attualmente ha un organico di 8500 persone (di cui circa 3000 in Svizzera). Trent'anni or sono, quando Spuhler rilevò l'azienda, i collaboratori erano 18 e il fatturato raggiungeva i 4,5 milioni.

Stando alla Borsa svizzera, quella di Stadler Rail è la maggiore IPO in Europa dall'inizio dell'anno. Paragonato ai concorrenti, il gruppo turgoviese rimane un attore modesto. Ad esempio il valore di mercato della società francese Alstom è di quasi nove miliardi di euro (circa 10 miliardi di franchi al cambio attuale).

Quella di Stadler Rail è la terza IPO dell'anno in Svizzera, dopo quelle all'inizio di aprile della società ticinese Medacta e martedì di Alcon, la divisione scorporata dal colosso farmaceutico Novartis e attiva nel settore oftalmico.

«Il primo trimestre 2019 è stato particolarmente calmo (in termini di IPO) a causa delle incertezze che circondano la Brexit, della vertenza commerciale tra Stati Uniti e Cina nonché di altri rischi geopolitici», ha indicato all'agenzia finanziaria AWP Tobias Meyer della società di consulenza e revisione EY. La crescita dell'indice SMI dei titoli guida della borsa svizzera - circa il 13% da gennaio - ora sta infondendo fiducia negli investitori.

Commenti
 
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-21 17:39:51 | 91.208.130.86