Keystone
La Seco: «Anche la Svizzera si assume la sua responsabilità».
SVIZZERA
28.03.2019 - 11:170

Materie prime: «Più trasparenze per meno disuguaglianze»

È l'obiettivo dell'Iniziativa per la trasparenza delle materie estrattive che a Losanna auspica a una remunerazione "fair" nei paesi produttori

LOSANNA - Nonostante la loro potenziale ricchezza, i Paesi produttori di materie prime presentano spesso un tenore di vita medio molto basso. Per trovare una soluzione una possibile via è l'aumento della trasparenza. Questo è l'obiettivo dell'Iniziativa per la trasparenza delle industrie estrattive (EITI), che oggi ha presentato i suoi risultati a Losanna.

I benefici che i Paesi produttori di materie prime potrebbero avere sono spesso vanificati dalla corruzione e dall'utilizzo inadeguato dei ricavi provenienti da questo settore, viene spiegato in un comunicato odierno della Segreteria di Stato dell'economia (SECO). Attraverso la trasparenza, è possibile sollecitare i governi interessati a rendere conto del loro operato.

L'EITI lavora dal 2002 per raggiungere questo obiettivo e il suo quadro normativo di riferimento viene oggi implementato da 52 Paesi, da oltre 60 società di estrazione e commercializzazione e viene sostenuto da 400 organizzazioni della società civile. Grazie all'iniziativa sono stati dichiarati 2500 miliardi di dollari versati ai governi dei Paesi estrattori da parte delle imprese di materie prime.

Per quanto riguarda la pubblicazione dei flussi finanziari sono stati compiuti progressi tangibili, continua la nota. I volumi di vendita e gli introiti devono ora essere pubblicati in modo da permettere di risalire agli acquirenti. I governi devono inoltre dichiarare quali criteri applicano per la scelta di questi ultimi. Queste novità entreranno in vigore in giugno.

La Svizzera, spiega ancora la SECO, «si assume la propria responsabilità» attraverso contributi finanziari a favore dell'EITI e con una sua rappresentanza attiva nel consiglio di vigilanza.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-23 16:04:54 | 91.208.130.87