Keystone (archivio)
In Germania il produttore è già corso ai ripari, correggendo le informazioni pubblicate
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
39 min
Stop alla triturazione di pulcini vivi
SVIZZERA
42 min
La rendita per figli alle persone in AI non diminuirà
SVIZZERA
1 ora
Bns: il franco si rafforza, i titoli delle banche salgono e gli analisti... analizzano
BASILEA CAMPAGNA
1 ora
25'000 franchi di ricompensa e il delinquente finisce in prigione
ZURIGO
1 ora
Donna morta in appartamento, arrestata una 36enne
SVIZZERA
2 ore
Pilatus, effetto sospensivo per il ritiro del personale dagli Emirati Arabi
SVIZZERA
2 ore
BKW rileva Swisspro
SVIZZERA
3 ore
Caccia, la legge incassa il favore delle Camere federali
APPENZELLO INTERNO
3 ore
Precipita per 120 metri, muore un escursionista 85enne
SVIZZERA
3 ore
La Bns ha deciso: il tasso guida resta invariato al -0,75%
SVIZZERA
3 ore
Assegni familiari alle madri disoccupate in maternità
BERNA
3 ore
Il video di "Bella Ciao" e s'interrompe il Consiglio Nazionale
SVIZZERA
4 ore
Ad agosto l'export svizzero è calato ancora (ma non per gli orologi)
BERNA
4 ore
Circonvallazione di Oberburg, si va in conciliazione
SVIZZERA
4 ore
Prodotti farmaceutici, fornitori nel mirino della COMCO
SVIZZERA
15.03.2019 - 11:030

Sconti «ingannevoli» sulla pagina svizzera di Tesla

I ribassi indicati, rileva la Seco, sono puramente ipotetici e non incidono sul prezzo effettivo d'acquisto

ZURIGO - Il produttore di auto elettriche americano Tesla - che pubblicizza online i propri veicoli menzionando prezzi concorrenziali grazie a forti risparmi sulla benzina - è corso ai ripari in Germania ed ha corretto le informazioni pubblicate sul suo sito. Si tratta infatti di ribassi puramente ipotetici che non incidono in alcun modo sul prezzo d'acquisto effettivo. Sulla pagina svizzera dell'azienda questi sconti ingannevoli continuano invece a figurare: una scelta piuttosto discutibile, secondo la Seco.

Nel calcolare il cosiddetto "prezzo dopo il risparmio" menzionato sul sito, Tesla deduce i costi aggiuntivi ipotetici che un consumatore si vedrebbe costretto a spendere per il carburante se acquistasse un veicolo a benzina invece di uno elettrico. Ciò non ha mancato di stuzzicare l'interesse delle autorità tedesche della concorrenza.

Secondo l'organo di controllo tedesco, l'indicazione dei prezzi "dopo il risparmio" è arbitraria e poco trasparente: Tesla contraddice i principi di verità e chiarezza. Inoltre - precisa l'autorità garante della concorrenza - si tratta di risparmi puramente ipotetici, visto che i clienti al momento dell'acquisto si trovano a pagare l'intero prezzo dell'auto, senza alcuno sconto. In seguito all'intervento dell'organo di controllo, Tesla si è impegnata in via extragiudiziale a non riproporre tale pubblicità in Germania.

L'indicazione ingannevole dei prezzi è scomparsa tuttavia solo dal sito tedesco del produttore americano: sul sito online di Swiss Tesla i vari modelli di auto elettriche sono pubblicizzati tuttora con un "prezzo dopo il risparmio". La Segreteria di Stato dell'economia (Seco), interpellata dall'agenzia Awp, definisce ciò un «prezzo più basso solo fittizio». Sebbene un tale risparmio esista davvero per l'automobilista che preferisce l'elettricità alla benzina, non si tratta di un'indicazione ammissibile ai fini pubblicitari, precisa un portavoce della Seco.

I risparmi ottenuti optando per un'auto elettrica sono del tutto individuali. Vi è poi il rischio che un acquirente confonda questo prezzo ipotetico menzionato sul sito internet con il costo effettivo della vettura, sottolinea la Seco. Ciò è fuorviante per i clienti e quindi scorretto ai sensi della Legge federale contro la concorrenza sleale (LCSI). Solo un tribunale può però stabilire se ci si trovi davvero di fronte ad un caso di violazione della legge.

Finché nessuno intraprende un'azione legale, Tesla può continuare a usare questa discutibile indicazione di prezzo. La Seco stessa non dispone delle competenze decisionali necessarie e può intervenire in materia solo in caso di minaccia per "interessi collettivi", cioè se un gran numero di persone si lamentano di una pratica commerciale ritenuta scorretta. In questo caso alla Segreteria di Stato non sono ancora pervenute segnalazioni ufficiali riguardanti la pubblicità della Tesla.

Commenti
 
Simone Canepa 6 mesi fa su fb
Per loro è il black Friday tutto l'anno 😅
Dario Mazzarelli 6 mesi fa su fb
Speriamo non se ne incendi mai una all' interno di garage.nessuno sa come spegnere un incendio....
KilBill65 6 mesi fa su tio
Queste macchine elettriche…..Siete sicuri che non inquinano come pensiamo?......Perche' non e' cosi…...
Verbania 6 mesi fa su tio
Sì, mi è capitato. Ho provato a vedere il prezzo dell’auto dei miei sogni... finivo sui 65’000 ma poi dicevano che con i risparmi mi costava 55’000 (cioè deducevano i costi della benzina che non avrei dovuto pagare). Mi pare però che dall’ultima volta abbiano aggiunto un’osservazione in merito.
Sono Bravo 6 mesi fa su fb
Brutta a vederla...che schifo !!! E poi elettrica? E chi pensa alle batterie scoppiano o non sono più buone? Ce le mangiamo? Poveri noi come stiamo combinati! :(
Andrea Pallu 6 mesi fa su fb
Quali sconti?
Francesco Sganga 6 mesi fa su fb
😂😂
Francesco Sganga 6 mesi fa su fb
Andrea
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 13:17:25 | 91.208.130.89