Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
7 ore
Limitare immigrazione, l'iniziativa UDC non fa breccia
ZURIGO
11 ore
Lui pubblica le foto porno. Lei si suicida. Pena ridotta per lui
SVIZZERA
12 ore
La legge sul diritto d'autore «è pronta per il voto finale»
SVIZZERA
12 ore
Avaloq ristruttura: minacciata una trentina di posti di lavoro
BASILEA CITTÀ
13 ore
Deragliamento causato dall'azionamento di uno scambio
GINEVRA
13 ore
«Solo insieme l'umanità riuscirà ad affrontare le sfide del futuro»
SVIZZERIA
14 ore
Gli automobilisti svizzeri sono molto restii a cambiare assicurazione
SVIZZERA
14 ore
Donazione di sperma: «Ora si può sapere chi è il padre»
SVIZZERA
15 ore
Raccolte in meno di 5 mesi le firme per i ghiacciai
SVIZZERA
16 ore
Più soldi per promuovere lo sport
SVIZZERA
17 ore
Roche si dice pronta a compensare le perdite causate dai biosimilari
SVIZZERA
17 ore
Scorie radioattive, autorizzate le perforazioni nel Giura
ARGOVIA
18 ore
A 18 anni perde la vita sulla moto
SVIZZERA
18 ore
Gli allievi maschi svantaggiati dalla scuola svizzera?
SVIZZERA
18 ore
Ed infine (non) arrivano... i droni
SAN GALLO
22.01.2019 - 08:050

Raiffeisen, gravi carenze interne

Lo ha stabilito un rapporto in merito alle acquisizioni e gestione delle partecipazioni in società esterne nell'era dell'ex Ceo Vincenz

SAN GALLO - Vi sono state gravi carenze in seno a Raiffeisen nell'ambito dell'acquisizione e della gestione delle partecipazioni in società esterne nell'era dell'ex CEO Pierin Vincenz: lo ha stabilito un rapporto indipendente commissionato dalla banca, che non ha però rilevato prove di condotte penalmente rilevanti.

L'indagine del professor Bruno Gehrig - informa la banca in un comunicato odierno - verteva sulle operazioni effettuate con le partecipazioni da Raiffeisen Svizzera e dalle sue società affiliate dal 2005, sotto la guida di Vincenz, il manager grigionese finito in prigione con l'accusa di aver mischiato interessi privati e professionali quando era presidente della direzione, fra il 1999 e il 2015.

Il rapporto voluto nell'aprile 2018 dal consiglio di amministrazione (Cda) "non ha riscontrato chiare e inconfutabili prove di condotta penalmente rilevante da parte di Pierin Vincenz". Tanto meno l'esperto ha individuato prove di reati penali o di arricchimento personale da parte di altri, precedenti o attuali, manager di Raiffeisen Svizzera. I fatti che sono attualmente già oggetto di un'inchiesta penale non facevano però parte dell'indagine condotta da Gehrig.

Secondo il rapporto è tuttavia certo che l'attività dirigenziale del consiglio di amministrazione e della direzione di Raiffeisen ha evidenziato "gravi carenze nell'attuazione della strategia di diversificazione". Tra il 2012 e il 2015 Raiffeisen Svizzera ha strutturato nuovi settori di attività per un valore superiore a un miliardo di franchi mediante acquisizioni di partecipazioni. Mentre alcune operazioni di partecipazione sono state gestite con la dovuta diligenza, per altre non è andato così. Una gestione e un controllo carenti, omissioni a livello organizzativo e una cultura incentrata sulla persona hanno portato il gruppo ad avere svantaggi finanziari. Soprattutto però si è verificato un danno alla reputazione della società.

Il Cda constata "con profondo rammarico" la portata di tali carenze, si legge nella nota. "Ci vuole un nuovo inizio con una marcata cultura della responsabilità", afferma il presidente Guy Lachappelle, citato nel comunicato.

Dopo aver concluso il processo di rinnovo del Cda nel 2018, con le dimissioni di Patrik Gisel e l'annuncio delle dimissioni di Michael Auer nel novembre 2018 è iniziata una fase di rinnovo anche della direzione. Ieri, Gabriele Burn e il Beat Hodel hanno rimesso le loro funzioni con effetto immediato. Paolo Brügger ha comunicato le sue dimissioni con effetto immediato dalla direzione. In questo modo hanno fatto un passo indietro tutti i membri della direzione che facevano parte dell'organo già prima del 2015.

Raiffeisen ha anche fornito indicazioni sull'esercizio in corso. È previsto "un forte risultato operativo a un livello simile a quello dell'anno precedente". I dati mostrano chiaramente che i clienti nello scorso anno sono rimasti fedeli, sottolinea l'istituto.

Terzo gruppo bancario in Svizzera, Raiffeisen è organizzato in 246 banche giuridicamente indipendenti e con lo statuto di cooperative che fanno capo a Raiffeisen Svizzera - pure una cooperativa - che è alla guida strategica dell'intero gruppo. La banca ha un totale di bilancio di 229 miliardi ed è particolarmente presente nel settore ipotecario, con una quota di mercato non lontana dal 18%.

L'istituto trova le sue origini nell'opera di un sacerdote, Johann Traber, che nel 1899 a Bichelsee (TG) creò la prima cassa Raiffeisen elvetica, mettendo in pratica le idee di Friedrich Wilhelm Raiffeisen (1818-1888), un politico locale tedesco considerato all'origine del movimento cooperativistico in Germania.

Commenti
 
Evry 7 mesi fa su tio
Dilettantismo ????
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 05:17:08 | 91.208.130.87