Depositphotos
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ARGOVIA
2 ore
Fuga “imbranata”, nel fiume con il Cayenne
Un 38enne ha suo malgrado dato spettacolo a Rottenschwil: denunciato
VAUD
2 ore
Superati i 50 morti a Vaud
I decessi nel cantone romando salgono a 55. I casi positivi sono quasi 3'000
FOTO
SVIZZERA / GERMANIA
4 ore
Quando oltre alla frontiera ci si mette il coronavirus
Le coppie si danno appuntamento da una parta e dall'altra della ramina che separa Kreuzlingen da Costanza.
LUCERNA
6 ore
A votare con l'epidemia
A Lucerna le elezioni comunali non sono state annullate. E l'affluenza è - per ora - regolare
SVIZZERA
6 ore
Il Covid-19 non ferma le reclute
Il coronavirus ha infettato 100 militi, mentre altri 800 sono stati messi in quarantena
SVIZZERA
7 ore
Più di 14'000 contagi in Svizzera
Rispetto a ieri si tratta di 1'123 malati in più. I decessi legati al Covid-19 sono invece almeno 257
SVIZZERA
8 ore
Mascherine sdoganate
L'Ambasciata francese in Svizzera ha precisato che il blocco era stato deciso per evitare speculazioni
SVIZZERA
8 ore
Le stazioni sciistiche non rimborsano
Le società che gestiscono gli impianti di risalita hanno fatto un accordo tra di loro
SVIZZERA
9 ore
Il virus mette in difficoltà anche Coop
Oltre mille punti vendita del Gruppo hanno dovuto abbassare le saracinesche e 13000 dipendenti sono rimasti senza lavoro
SVIZZERA/CILE
9 ore
Svizzeri rimpatriati col più lungo volo Swiss
Un Boeing 777 della compagnia è rientrato oggi da Santiago del Cile: si tratta di una rotta di quasi 12’000 chilometri
SVIZZERA
9 ore
Anche le FFS vogliono il lavoro ridotto
Meno treni, meno dipendenti al lavoro. L'ex regia federale colpita dal Covid-19
SVIZZERA
9 ore
Un'ondata di volontari negli ospedali
Gli svizzeri aiutano il sistema sanitario sotto pressione a causa dell'emergenza del coronavirus
SVIZZERA
21.01.2019 - 09:170

La classe media è in via d'estinzione

Lo sostiene l'economista inglese Adair Turner

CLASSE MEDIA

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

ZURIGO - Anche in futuro ci saranno posti di lavoro, le macchine non li distruggeranno tutti: quello che non vi sarà però più è una classe media. Lo sostiene l'economista inglese Adair Turner, che in passato è stato anche stato responsabile dell'autorità britannica di vigilanza dei mercati finanziari.

L'automatizzazione sostituirà sempre più attività, dapprima quelle più semplici e poi quelle più sofisticate, afferma il 63enne in un'intervista pubblicata oggi da "Tages-Anzeiger" e testate analoghe.

A suo avviso in futuro continueranno a sussistere impieghi. «Ma il progresso tecnologico farà sì che la sostanza e il reddito saranno divisi in modo ancora meno equo di oggi. Si andrà verso una società con poche persone che guadagneranno tanto».

I forti redditi saranno generati soprattutto dalla proprietà immobiliare, perché questo è un bene che non può essere moltiplicato a livello industriale, e dalla proprietà intellettuale. L'offerta di lavoro sarà per contro dominata dai servizi con salari bassi, da attività scarsamente remunerate che non possono ancora essere automatizzate. «Una classe media non esisterà più».


Keystone / AP
Adair Turner

Ma come già profetizzato dall'economista americano Tylor Cowen contrariamente a quanto è avvenuto negli anni 20 del Novecento per le classi più disagiate non si prospetta la povertà assoluta: le persone mangeranno abbastanza, avranno un'assistenza medica di base e divertimenti a buon mercato. Lo scenario è quindi quello di un'aristocrazia di benestanti a fronte di una grande maggioranza di persone che guadagnerà poco e che passerà il tempo giocando online.

Secondo Turner il mondo politico ha difficoltà ad affrontare sfide che si dipanano sull'arco dei decenni. E si cercano risposte semplici a questioni complesse. «In materia di automazione viene sempre sostenuto che la formazione e la qualificazione saranno anche in futuro la garanzia per ottenere un buon lavoro: io non ci conterei».

Per l'economista - che è membro della camera dei Lord - «anche i conservatori devono accettare il fatto che in un mondo lavorativo in larga parte automatizzato il mercato non retribuirà più in modo sufficiente la forza lavoro umana. Avremo perciò bisogno di leggi che fissano salari minimi ed eventualmente anche un reddito minimo».

Turner non vede peraltro molto di buon occhio un reddito di base incondizionato: a suo avviso si tratta di una soluzione troppo semplice e sarebbe un segnale sbagliato. «Dobbiamo creare una società che promuova il lavoro sensato e che di conseguenza lo paghi bene». Molto meglio secondo l'esperto sarebbe che lo stato fissi stipendi minimi.

Keystone / AP
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Karmen Goy 1 anno fa su fb
Dai??
LAMIA 1 anno fa su tio
Basta votare per il cambiamento anziché lamentarsi o astenersi dal voto
Wilson Sarmento 1 anno fa su fb
Il mondo camina. In direzione x comunismo
Wilson Sarmento 1 anno fa su fb
Ovvio
nordico 1 anno fa su tio
Il ceto medio continuerà ad esistere, ma sarà una fetta molto esigua. I poveri non guadagneranno abbastanza, ma le loro entrate verranno sussidiate dallo stato. Gli stati dovranno farlo per evitare che scoppino rivoluzioni in ogni paese. I governi si trasformeranno quindi in "distributori di aiuti". Basta pensare agli importi che il nostro stato usa per innaffiare la società: Assegni familiari, disoccupazione, assistenza, AVS complementare, aiuti vari per l'affitto, la cassa malati, casa per anziani ...... ho dimenticato qualcosa?
Maurizio Roggero 1 anno fa su fb
Nella maggior parte degli stati EU è già estinta da anni, in altri non è mai esistita...
Stefano Marotta 1 anno fa su fb
Ci vuole l'economista inglese per esserne certi, già...
sedelin 1 anno fa su tio
ce ne siamo accorti! :-(
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-29 19:50:52 | 91.208.130.87