Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Il congedo di paternità è under 35
Ecco l'identikit dei cittadini che hanno votato a favore della proposta
BERNA / ITALIA
8 ore
«La Svizzera si tiene stretta la manodopera straniera»
La bocciatura attira l'attenzione dell'Europa. Gli italiani ricordano i frontalieri. I britannici pensano a se stessi.
SVIZZERA
10 ore
Jet da combattimento: «Meglio quelli europei»
Secondo un sondaggio di 20 minuti e Tamedia, per la scelta del velivolo non sarà necessario tornare alle urne
ZURIGO
12 ore
Il nuovo stadio dell'Hardturm s'ha da fare
Il 59,1% dei cittadini ha approvato il “piano di utilizzazione speciale” che permetterà la realizzazione della struttura
SVIZZERA
12 ore
I jet superano per un soffio la contraerea popolare
I cittadini svizzeri hanno accettato sul filo di lana l'acquisto dei nuovi aerei da combattimento.
SVIZZERA
12 ore
«Il popolo ha voluto confermare la via bilaterale»
L'iniziativa UDC per un'immigrazione moderata è stata respinta con il 61.7% dei voti.
SVIZZERA
13 ore
«Una convivenza tra lupo e uomo è possibile»
Dopo un pomeriggio thriller la modifica della legge sulla caccia è stata bocciata dal 51.93% dei votanti.
SVIZZERA
13 ore
«Impossibile combattere gli argomenti dell'invidia»
Il testo che voleva maggiori deduzioni fiscali per i figli è stato bocciato sonoramente.
SVIZZERA
15 ore
A Ginevra il salario minimo è di 23 franchi all'ora
Lo hanno deciso i cittadini approvando un'iniziativa lanciata dai sindacati
SVIZZERA
15 ore
Il congedo paternità di dieci giorni è realtà
Il popolo svizzero ha detto sì al 60.1%. In Ticino la misura è stata accettata dal 67,27% dei cittadini
SVIZZERA
18.12.2018 - 10:490

Congiuntura ottima, ma i salari non crescono

Secondo Travail.Suisse gli aumenti dell'anno prossimo saranno completamente divorati dal rincaro e dalla progressione dei premi dell'assicurazione malattia

BERNA - Nonostante l'ottima congiuntura economica i salari non crescono e anche gli aumenti dell'anno prossimo saranno completamente divorati dal rincaro e dalla progressione dei premi dell'assicurazione malattia: lo denuncia la federazione sindacale Travail.Suisse, che vede invece segnali positivi a livello di compensi minimi.

L'economia svizzera si trova in una fase di boom - quest'anno la crescita del prodotto interno lordo si avvicinerà al 3%, dopo il +1,6% del 2016 e del 2017 - ma i lavoratori non ne hanno beneficiato, affermano i responsabili di Travail.Suisse in un comunicato odierno.

E non lo faranno nemmeno in futuro: nel 2019 gli stipendi di molti dipendenti aumenteranno fra lo 0,5% e l'1,5%, ma la ripresa dell'inflazione (circa l'1% nel 2018) e i costi della sanità faranno sì che numerosi lavoratori si troveranno in tasca meno soldi, spiega Gabriel Fischer, responsabile della politica economica presso Travail.Suisse, citato in un comunicato.

Per la federazione il risultato nei negoziati salariali è insoddisfacente: un giudizio condiviso anche dalle organizzazioni affiliate Syna, Transfair e Hotel & Gastro Union. Il pericolo di una perdita di potere d'acquisto si fa ancora più acuto a causa di una politica di distribuzione degli aumenti che secondo Travail.Suisse è nefasta: ancora dieci anni or sono i due terzi dei ritocchi erano generali, mentre negli ultimi tre anni questa quota è scesa a un terzo.

"Non tutti i lavoratori partecipano alla crescita degli stipendi nello stesso modo, a causa della tendenza a concedere sempre più spesso adeguamenti individuali, cosa che aumenta il pericolo di perdite di salario reali", aggiunge Fischer. Per bilanciare gli effetti dell'inflazione la federazione sindacale invita a puntare più spesso su aumenti generalizzati.

Il presidente di Transfair Stefan Müller-Altermatt ha citato la società Matterhorn Gotthard Ban (MGH) quale esempio da seguire in materia: i dipendenti della compagnia ferroviaria riceveranno la compensazione del rincaro dell'1%, aumenti salariali individuali dello 0,8% e un contributo mensile di 90 franchi per i premi dell'assicurazione malattia.

Molti negoziati salariali non si sono peraltro ancora conclusi. Il presidente di Syna Arno Kerst ha in particolare criticato le "ancora una volta difficili" trattative con gli ospedali, che a suo avviso apparentemente preferiscono investire in infrastrutture e medicina d'avanguardia piuttosto che nel personale infermieristico.

Nel settore sanitario sta diminuendo anche la disponibilità a negoziare su un piano di parità con le parti sociali, denuncia Kerst, proprio nel giorno in cui a Berna il gruppo ospedaliero Insel ha annunciato il taglio di 150 impieghi. L'abolizione della registrazione dell'orario di lavoro per i dirigenti e per gli specialisti rischia di portare a un'ulteriore mescolanza tra tempo di lavoro e tempo libero. E quindi, in ultima analisi, al lavoro prestato gratis.

È invece positivo per Travail.Suisse che i salari minimi stiano nuovamente aumentando. Progressi significativi sono stati realizzati nei settori della pulizia, dei parrucchieri, nel ramo alberghiero, nella ristorazione e nell'ambito della falegnameria. Lo stesso si profila nel settore principale dell'edilizia.

Travail.Suisse accoglie con favore anche la revisione della legge sulla parità dei sessi: le aziende più grandi dovranno monitorare gli stipendi per vedere se vi siano differenze fra uomo e donna. Si tratta di un passo importante, ma ancora lungi dall'essere sufficiente per garantire la parità retributiva tra i sessi, viene fatto notare.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-28 07:06:42 | 91.208.130.85