Keystone
SVIZZERA
19.07.2018 - 10:240
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:04

ABB: forte aumento delle nuove commesse

Moderata, invece, la crescita del fatturato. L'utile netto si è attestato a 681 milioni di dollari

ZURIGO - Forte aumento dei nuovi ordinativi, moderata crescita del fatturato, sensibile miglioramento della redditività: si presenta così, in estrema sintesi, il secondo trimestre di ABB, gruppo industriale attivo soprattutto nei settori dell'energia e dell'automazione. La borsa ha reagito molto bene.

L'utile netto si è attestato a 681 milioni di dollari (pari pure a 681 milioni di franchi), in progressione del 30% rispetto allo stesso periodo del 2017, ha indicato oggi la società. "Il risultato trimestrale mostra che la nostra trasformazione negli scorsi anni ha dato i suoi frutti", afferma il presidente della direzione Ulrich Spiesshofer. Il manager aveva imposto al gruppo un programma di risparmi miliardario, favorendo inoltre l'orientamento verso la digitalizzazione.

Il giro d'affari è salito del 5% a 8,9 miliardi di dollari: a perimetro consolidato e al netto degli effetti valutari la crescita organica è stata dell'1%. I ricavi sono aumentati nella divisione robotica e motori, nonché in quella prodotti elettrici; il comparto automazione ha mostrato stabilità, mentre un arretramento è stato osservato nel segmento reti elettriche.

Le nuove commesse sono aumentate del 14% a 9,5 miliardi di dollari (+8% su base comparabile). L'utile operativo a livello Ebita è salito a 1,2 miliardi (+12%): il relativo margine ha guadagnato 60 punti base attestandosi al 13,0%. Il dato riflette il costante miglioramento della produttività, fanno sapere i vertici.

Riguardo alle prospettive future il gruppo rimane cauto: i segnali macroeconomici indicano che la crescita proseguirà in Europa, Stati Uniti e Cina, ma i rischi geopolitici sono aumentati. Inoltre il risultati aziendali continueranno ad essere influenzati dal prezzo del petrolio e dalla situazione sui mercati valutari.

I dati pubblicati oggi sono chiaramente superiori alle previsioni degli analisti in relazione all'entrata di ordinativi e agli utili, ma sono inferiori per quanto riguarda il fatturato. "Solidi margini, nonostante una debole evoluzione del giro d'affari", ha commentato uno specialista. Gli investitori hanno apprezzato le novità odierne: in borsa il titolo ABB è arrivato a guadagnare il 5%.

ABB è nata nel 1988 dalla fusione fra la svizzera Brown Boveri, Cie, fondata nel 1891, e la svedese ASEA, nata nel 1883. La multinazionale opera in oltre 100 paesi con 147'000 dipendenti, 6000 dei quali in Svizzera. Si definisce leader tecnologico all'avanguardia nei prodotti per l'elettrificazione, nella robotica e nel controllo di movimento, nell'automazione industriale e nelle reti elettriche.
 
 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-17 14:09:39 | 91.208.130.86