Keystone
SVIZZERA
24.04.2018 - 08:170
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:04

Trimestre da record per il commercio estero

Le esportazioni sono progredite dello 0,2% a 57,5 miliardi di franchi e le importazioni sono aumentate del 4,1% a 51 miliardi

BERNA - Il commercio estero della Svizzera ha registrato un primo trimestre record. Le esportazioni sono progredite dello 0,2% - rispetto ai tre mesi precedenti - a 57,5 miliardi di franchi e le importazioni sono aumentate del 4,1% a 51 miliardi. Lo ha comunicato oggi l'Amministrazione federale delle dogane (AFD).

La soglia dei 50 miliardi di franchi per l'import rappresenta una prima storica per un solo trimestre, indica l'AFD, precisando che le importazioni hanno raggiunto un livello inedito in particolare per la chimica farmaceutica. Per le esportazioni tutti i principali settori sono evoluti positivamente.

Il settore chimica e farmaceutica ha fatto segnare un aumento dell'export dello 0,7% a 25,6 miliardi di franchi. Solamente i medicinali hanno costituito una fetta di 10,3 miliardi, con un incremento dell'1% sul trimestre precedente. Macchine ed elettronica hanno dal canto loro fatto registrare esportazioni stabili per oltre 8,4 miliardi di franchi, dei quali 5,6 miliardi unicamente per le macchine (+0,9%).

Bene export in Nord America

Da un punto di vista geografico, le esportazioni sono progredite verso i tre principali mercati. In particolare il Nord America ha fatto la parte del leone, con un incremento del 3,9%. Da sottolineare in particolare il dato del Canada, con un aumento del 12,9% o di 112,4 milioni di franchi.

Bene anche l'export verso Europa (+1%) e Asia (+0,9%). Nella sola zona euro, la somma esportata raggiunge i 25,5 miliardi di franchi (+2%), con la Spagna che dà segnali positivi, così come Paesi Bassi e Germania (primo mercato in valore assoluto).

Importazioni

Per quel che riguarda le importazioni - con la soglia record dei 50 miliardi superata - il settore chimico farmaceutico ha fatto registrare un incremento del 14,7% a 13,4 miliardi, dei quali 4,7 miliardi (+2%) solo per i medicinali.

Le importazioni nel primo trimestre dell'anno hanno brillato soprattutto in Europa e Asia, i due principali fornitori della Svizzera, constata l'AFD. "Questi continenti hanno rivelato una tendenza chiaramente positiva". Sul semestre le forniture asiatiche hanno realizzato un balzo del 30%.

L'evoluzione divergente delle entrate e delle uscite ha condotto peraltro all'eccedenza della bilancia commerciale più contenuta da quattro anni (6,5 miliardi di franchi).


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-01 00:58:03 | 91.208.130.86