ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
22 min
I jet superano per un soffio la contraerea popolare
I cittadini svizzeri hanno accettato sul filo di lana l'acquisto dei nuovi aerei da combattimento.
SVIZZERA
33 min
«Il popolo ha voluto confermare la via bilaterale»
L'iniziativa UDC per un'immigrazione moderata è stata respinta con il 61.7% dei voti.
SVIZZERA
44 min
«Una convivenza tra lupo e uomo è possibile»
Dopo un pomeriggio thriller la modifica della legge sulla caccia è stata bocciata dal 51.93% dei votanti.
SVIZZERA
50 min
«Impossibile combattere gli argomenti dell'invidia»
Il testo che voleva maggiori deduzioni fiscali per i figli è stato bocciato sonoramente.
SVIZZERA
2 ore
A Ginevra il salario minimo è di 23 franchi all'ora
Lo hanno deciso i cittadini approvando un'iniziativa lanciata dai sindacati
SVIZZERA
2 ore
Il congedo paternità di dieci giorni è realtà
Il popolo svizzero ha detto sì al 60.1%. In Ticino la misura è stata accettata dal 67,27% dei cittadini
VAUD
3 ore
Rinnovo centro dei congressi: Montreux dice sì
Gli abitanti del comune vodese hanno approvato la messa in sicurezza dell'edificio al 76.6%
Attualità
4 ore
Deduzione per i figli: «Non bisogna favorire solo i più ricchi»
La soddisfazione dell'USS per il risultato del voto. E la richiesta di «fare dei gesti concreti per le famiglie»
SVIZZERA
4 ore
Deduzione per figli: «Hanno vinto gli argomenti dell'invidia»
È il commento di Philipp Kutter, secondo cui «l'attuale situazione economica non ha aiutato»
SVIZZERA
5 ore
L'USAM deplora il sì al congedo paternità: «Onere per le future generazioni»
L'introduzione delle due settimane di congedo per i neo-papà va verso l'approvazione alle urne.
SVIZZERA
6 ore
Maurer contro le quote rosa
Lo scrive oggi Le Matin Dimanche, che ha avuto accesso a documenti riservati.
SVIZZERA
6 ore
Dalle urne escono due sì e tre no
Chiaro sì per il congedo per i futuri papà, mentre gli aerei da combattimento sono stati promossi dal 50.1% dei votanti.
SVIZZERA
7 ore
Quattro medici "critici" sotto sorveglianza
Sono accusati di non applicare le misure volute da Berna per contenere il propagarsi della pandemia da Covid-19
SVIZZERA
8 ore
L'epidemiologo cambia rotta: «Ora la gestione Covid funziona»
Marcel Salathé ora è positivo: le cifre sono stabili, seppur elevate, e il contact tracing finalmente funziona
SVIZZERA
14.01.2018 - 17:590
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:04

Airbnb mai così forte: e la Svizzera comincia a trattare

Oltre 80mila posti letto e numeri in crescendo costante: i cantoni avviano trattative per la riscossione delle tasse di soggiorno

BERNA - L'offerta di Airbnb non è mai stata così grande in Svizzera. L'anno scorso sulla piattaforma di affitto online figuravano 29'595 proposte di locazione, il che equivale a 80'227 letti. Di fronte a questa crescita, diversi cantoni stanno negoziando con la società americana per incassare una tassa di soggiorno.

Finora Zugo e Friburgo sono i soli cantoni ad aver firmato un accordo con Airbnb. Dallo scorso mese di luglio l'azienda californiana preleva automaticamente una tassa di soggiorno da tutti gli offerenti del servizio nel canton Zugo, trasmettendola poi all'ente turistico. Da aprile Friburgo disporrà di una simile convenzione. La piattaforma preleverà la tassa presso i suoi clienti e la verserà poi al cantone.

Dal canto loro Vallese, Ginevra, Berna, Zurigo e Ticino - che assieme a Friburgo offrono oltre 67'000 letti via Airbnb - sono sempre in trattativa con la società americana.

«L'obiettivo è di giungere a un accordo entro la fine dell'anno», ha spiegato all'ats la portavoce di Ginevra Turismo Lucie Gerber. Il responsabile del Dipartimento ginevrino dell'economia, Pierre Maudet, ha incontrato l'anno scorso i dirigenti di Airbnb.

Il numero di giorni massimo per un'offerta di un appartamento sulla piattaforma online dovrebbe essere «tra i 10 e i 100», ha indicato nel novembre scorso Pierre Maudet. La questione della tassa dovrebbe delegata all'azienda «previo controlli».

Albergatori non completamente contenti

Dal canto suo, Ticino Turismo ha incontrato a diverse riprese i responsabili del portale di affitto online. Questi ultimi «sono in principio d'accordo di incassare direttamente la tassa di soggiorno», stando a quanto ha dichiarato alla RSI il direttore dell'ente turistico ticinese Elia Frapolli. La riscossione della tassa è attualmente delegata ai privati che mettono a disposizione il loro alloggio.

Ma la firma di un accordo accontenterà solo parzialmente gli albergatori. Questi ultimi chiedono parità di trattamento, in particolare per quel che concerne il rispetto delle norme d'igiene e di protezione anti-incendio.

Dal canto suo Airbnb indica di voler sostenere tutti i cantoni nelle loro pratiche, allo scopo di ridurre la burocrazia sia per l'amministrazione che per gli ospiti. «Ma la conclusione di un accordo dipende pure dalla volontà del cantone interessato», ha sottolineato la portavoce della società Isabelle Klot.

Diverse leggi

Altro problema: la regolamentazione varia da un cantone all'altro e persino da un comune all'altro. Nei Grigioni, per esempio, la tassa di soggiorno è regolamentata a livello comunale. Lo stesso vale per il canton Vaud.

Tuttavia il consiglio di Stato vodese intende adottare delle misure per regolamentare gli alloggi con più di 10 letti. «Un registro cantonale potrebbe essere istituito. Si attende una risposta in tal senso del governo vodese entro questa primavera», ha precisato la portavoce dell'Ufficio cantonale del turismo Cindy Maghenzani.

A livello nazionale, il Consiglio federale ha incaricato il Dipartimento dell'economia (Defr) di elaborare un progetto di revisione del diritto di locazione. La modifica concerne in particolare il subaffitto.

Secondo il governo, le leggi federali vigenti consentono già di risolvere le questioni legate alle piattaforme di affitti online. È tuttavia necessaria una revisione del concetto di abitazione di vacanza nel diritto di locazione, nonché una modifica delle modalità per ottenere il consenso dell'inquilino relativamente al subaffitto o per negarlo.

Vallese in testa

In Svizzera, a fine giugno, Airbnb proponeva quasi 30'000 proposte di locazione, il che rappresenta oltre 80'000 letti, stando a uno studio dell'Osservatorio vallesano del turismo, con sede a Sierre (VS). Nello spazio di un anno, 11'000 nuovi alloggi sono stati proposti sulla piattaforma online americana.

La percentuale dei letti disponibili rispetto all'offerta alberghiera totale è salita di cinque punti al 30% nello spazio di sei mesi. Nel canton Vallese, tale quota raggiunge addirittura il 73%.

Il Vallese resta in testa alla classifica dei cantoni che possiedono il maggior numero di proposte e di letti affittati su Airbnb (rispettivamente 5150 e 22'953). Ciò rappresenta il 28,6% dell'offerta complessiva in Svizzera.

Tre cantoni turistici alpini (Vallese, Grigioni e Berna) occupano i primi tre posti delle regioni che dispongono di più letti disponibili sulla piattaforma online. Le loro offerte cumulate superano la metà (50,6%) dell'offerta totale nella Confederazione.

Fondato nel 2008, Airbnb è presente in oltre 65'000 città attraverso 191 Paesi, stando al suo sito internet. La piattaforma propone 4 milioni di alloggi. Il gruppo ha già firmato un accordo con oltre 340 città per il prelievo automatico di una tassa di soggiorno.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nathália Batista 2 anni fa su fb
Silviane Cristina Doris Invernizzi

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-27 18:46:40 | 91.208.130.89