ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
3 min
Swisscom: «Ci saranno sempre dei guasti»
Il ceo sottolinea che ogni intervento sulla rete è come un cambio di ruote in corsa: «C'è sempre un rischio».
VAUD
19 min
Sbalzato dal trattore, muore schiacciato dal rimorchio
Il veicolo è andato a sbattere contro un blocco di cemento.
ARGOVIA
50 min
Morta a 13 anni per cyber bullismo: la battaglia si fa politica
I genitori di Céline gettano la spugna a livello giuridico. Pronta però un'iniziativa parlamentare.
RUSSIA / SVIZZERA
1 ora
Navalny punta il dito contro la Svizzera
Nel mirino dell'oppositore russo sono gli stretti contatti con gli omologhi di Mosca. Sospetti anche su Michael Lauber.
SVIZZERA
2 ore
BNS: la ripresa non sarà così rapida
Ad affermarlo è il vicepresidente Zurbrügg: «Non basta premere semplicemente un pulsante».
BERNA
2 ore
Spara in strada a Interlaken: arrestato
I colpi sono stati sentiti nel tardo pomeriggio. Fori di proiettile in una vetrina.
FOTO
NEUCHÂTEL
3 ore
«Siamo le Maldive della Svizzera»
Dopo due mesi di chiusura, l'hotel Palafitte si appresta a vivere una fantastica estate.
SVIZZERA
12 ore
«Non ci metteremo a contare le persone»
Da oggi sono consentiti gli assembramenti fino a trenta persone. Una nuova situazione per le autorità
GLARONA
13 ore
In fiamme il piano superiore di un albergo
Nessun ferito, ma danni ingenti
ZURIGO
16 ore
Anche Zurigo protesta contro le misure anti-coronavirus
Gli agenti sono intervenuti, facendo leva sul dialogo, per evitare che si formasse un vero e proprio assembramento
SOLETTA / BASILEA CAMPAGNA
16 ore
Mandata dal padre nonostante i sospetti di abusi
Alle autorità di protezione la piccola, 8 anni, aveva detto che l'uomo le faceva «cose brutte». Invano.
CONFEDERAZIONE
21.09.2017 - 10:060
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:08

La Svizzera va a rilento? È colpa del calcio

I proventi generati dai grandi eventi sportivi incidono sul Pil, mette in guardia la Seco

BERNA - Se la crescita svizzera sarà minore del previsto è colpa degli europei di calcio: è questo - semplificando un tantino - il messaggio che arriva oggi dalla Segreteria di stato dell'economia (Seco).

La competizione tenutasi nel 2016 in Francia ha influenzato in modo determinante le cifre del Pil, ha spiegato oggi all'ats Eric Scheidegger, capo della Direzione di politica economica presso la Seco.

Complice un nuovo metodo di calcolo, la Segreteria di Stato dell'economia (Seco) corregge al ribasso le previsioni di crescita dell'economia svizzera per quest'anno, ma continua a puntare su una netta accelerazione l'anno prossimo, quando vi sarà anche un "sensibile" aumento dell'occupazione.

Nel 2017 il prodotto interno lordo (Pil) salirà dello 0,9% e non dell'1,4% come previsto a giugno, informa la Seco in un comunicato odierno. Le stime erano già state peraltro ridotte in marzo e in giugno, in entrambi i casi di 0,2 punti.

Il campionato europeo di calcio del 2016 ha avuto un impatto sul segmento "attività artistiche, di intrattenimento e altri servizi", indebolendo la crescita nel passaggio dal 2016 al 2017. Stando a Scheidegger senza questo fattore la stima sull'espansione dell'economia elvetica per quest'anno sarebbe stata del +1,3% o del +1,4%.

Per quanto riguarda il 2018 le prospettive - almeno per chi ritiene che un'espansione economica aumenti il benessere - sono positive: secondo gli economisti della Confederazione la crescita accelererà, raggiungendo il +2,0% (+1,9% nella stima precedente).

Nei prossimi trimestri il dinamismo della congiuntura mondiale sosterrà il settore delle esportazioni e anche la congiuntura interna dovrebbe riprendere quota. Nella prima metà del 2017 l'incremento del Pil è stato invece inferiore alle aspettative: il settore manifatturiero e quello della ristorazione hanno proseguito la loro ripresa dalle difficoltà degli ultimi anni, ma a ciò si è contrapposto l'andamento piuttosto debole della maggior parte dei rami dei servizi.

In futuro dovrebbe mutare anche la situazione sul mercato del lavoro. Il gruppo di esperti si aspetta che, dopo vari trimestri "piuttosto contenuti", l'occupazione riprenderà ad aumentare. È prevista dunque una crescita dell'impiego dello 0,3% nel 2017 e un'accelerazione a +0,8% nel 2018. Nel contempo il tasso di disoccupazione dovrebbe continuare a scendere, attestandosi nel 2017 al 3,2% e nel 2018 al 3,0%.

L'inflazione dovrebbe quest'anno raggiungere lo 0,5%. Nei dodici mesi successivi il rincaro secondo la Seco scenderà però allo 0,2% a causa della recente riduzione del tasso di interesse di riferimento per gli affitti, che porterà a una probabile riduzione delle pigioni.

Al capitolo rischi congiunturali, la Seco parla di una situazione internazionale più equilibrata: la crescita mondiale potrebbe essere più forte del previsto, dando ulteriore slancio al made in Switzerland. La ripresa economica ha inoltre messo temporaneamente in secondo piano i problemi relativi all'indebitamento pubblico e al sistema bancario in Europa, in particolare in relazione all'Italia.

D'altro canto l'incertezza politica resta considerevole. Le modalità di attuazione della Brexit e le sue ripercussioni economiche continuano a essere poco chiare: le misure protezionistiche più volte annunciate potrebbero frenare il commercio mondiale e quindi anche l'export elvetico. Se la crisi con la Corea del Nord dovesse aggravarsi l'impatto sarebbe notevole.

Sul piano interno il crescente numero di abitazioni vuote può far pensare a un prossimo marcato rallentamento nel settore delle costruzioni. Nei servizi la crescita potrebbe essere meno pronunciata del previsto, per esempio nei rami commerciale e finanziario: ne risulterebbe frenata anche la congiuntura interna. Un acuirsi dei rischi internazionali potrebbe infine comportare una tendenza al rialzo del franco svizzero: questo annullerebbe, almeno in parte, gli effetti positivi della ripresa mondiale sulle esportazioni elvetiche.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-31 11:20:18 | 91.208.130.85