ULTIME NOTIZIE Svizzera
LUCERNA
25 min
Medico si oppone alle misure anti-covid: non può più esercitare
L'autorizzazione gli è stata temporaneamente revocata perché ha violato i suoi doveri professionali.
FOTOGALLERY
SVIZZERA
55 min
Quante code "non necessarie" fuori dai negozi
Le immagini dei lettori da un capo all'altro della Svizzera: code anche di 500 metri
SVIZZERA
55 min
Quattordici milioni per lo Yemen
La donazione della Confederazione servirà a sostenere le attività di diverse organizzazioni umanitarie nel Paese.
BERNA
59 min
La lupa è infine stata abbattuta
F78 - questo il suo nome - aveva fatto discutere per avere causato danni rilevanti ad animali da reddito
SVIZZERA
2 ore
Covid fonte di stress per gli infermieri
Un'indagine condotta su 4100 infermieri ha evidenziato che durante la pandemia lo stress è notevolmente aumentato.
SVIZZERA
4 ore
Covid-19: 2'560 casi nel weekend svizzero
Sono 16 i decessi registrati da venerdì a causa del virus.
SVIZZERA
5 ore
Posta «affidabile» nel 2020: i mesi più difficili, però, non sono stati nemmeno conteggiati
In primavera e in autunno Berna aveva dispensato il Gigante giallo dai vincoli, per garantire i servizi indispensabili.
GRIGIONI
5 ore
Due lupi sulla pista da sci
I predatori hanno seguito brevemente una sciatrice sul comprensorio di Obersaxen sabato scorso.
ARGOVIA
5 ore
Cadavere trovato un anno fa in una grotta: «Fu omicidio»
Il corpo, ritrovato senza vita il 5 aprile 2020 vicino a Brügg, apparteneva a un 24enne zurighese scomparso nel 2019.
SVIZZERA
6 ore
Una pandemia di donne arrabbiate
In Svizzera il Covid ha colpito l'occupazione femminile. Ma le relazioni coniugali ne hanno beneficiato
SVIZZERA
6 ore
«Vogliono zittire la scienza»
I Verdi lanciano un appello in difesa della task-force Covid
SVIZZERA
7 ore
Sunrise e UPC mantengono i nomi, e ora regalano abbonamenti e laptop
Sunrise e UPC hanno deciso di non eliminare i propri marchi nonostante la fusione. Offerte, vantaggi e regali
SVIZZERA
8 ore
Libero accesso per tutti alle foto e carte di Swisstopo
Per utilizzarle non sarà più necessaria alcuna autorizzazione, basterà citare la fonte.
SVIZZERA
9 ore
L'immagine della Svizzera «scalfita» dalla pandemia
Lo sostiene Nicolas Bideau, direttore di Presenza Svizzera. Ma aggiunge che il paese è equipaggiato per questa sfida
CONFEDERAZIONE
19.09.2017 - 09:300
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:08

La Svizzera deve ancora crescere

Credit Suisse lascia invariate le previsioni per il 2018 (+1,7%) ma abbassa all'1% quelle per il 2017

ZURIGO - Grazie ad una situazione di miglioramento dei redditi, le aziende potrebbero investire di nuovo nel 2018. Ma l'immigrazione e il boom immobiliare, che sono stati fattori chiave di crescita fino ad ora, stanno perdendo slancio. Oltre all'esportazione, la Svizzera ha bisogno di un aumento della produttività nella sua economia domestica se vuole ottenere guadagni sostenibili nei prossimi anni. È il punto di vista degli economisti del Credit Suisse, che lasciano invariata all'1,7% la previsione di crescita del 2018 per l'economia svizzera. Tuttavia, stanno rivedendo la loro previsione per il 2017 dall'1,5% all'1,0%.

«I fattori di crescita dominanti degli ultimi anni - l'immigrazione superiore alla media e un boom immobiliare alimentato da tassi di interesse estremamente bassi - stanno perdendo slanci», afferma Oliver Adler, Chief Economist del Credit Suisse, che oggi pubblica l'ultimo numero di "Monitor Svizzera".

L'immigrazione netta ha raggiunto il suo livello più basso dall'introduzione della libera circolazione delle persone nel 2007. Tale declino è il riflesso di una migliore situazione del mercato del lavoro nei paesi d'origine europei ed è probabile che continui, alla luce del recupero ancora in corso. D'altro canto, come conseguenza della crescita delle fasce di popolazione più debole, del cambiamento della demografia e dell'eccesso di fornitura di beni immobiliari, il settore immobiliare probabilmente smetterà di essere un conduttore di crescita nel medio periodo.

Investimento: la conservazione del capitale sociale assorbe notevoli risorse

L'aumento della produttività richiede ulteriori investimenti e/o maggiore efficienza. A prima vista, la Svizzera sembra essere in una buona posizione per quanto riguarda le attività di investimento. Quasi un quarto della produzione economica del paese viene utilizzato per investimenti - significativamente più che nel Regno Unito (16,7%), negli Stati Uniti (19,6%) o in Germania (20%). Tuttavia, l'analisi dettagliata mostra che una grande parte dell'investimento totale è spesa per gli ammortamenti. Il rapporto di investimento netto - ossia il rapporto di investimento adeguato per l'ammortamento - è diminuito gradualmente negli ultimi due decenni e attualmente è al solo 3,3%.

Pertanto, l'economia svizzera deve investire in modo significativo o, più specificamente, effettuare importanti investimenti di rimpiazzo per mantenere il proprio capitale sociale. Infatti la maggior parte degli investimenti previsti nell'industria per il prossimo anno è definita come investimento sostitutivo (43%), secondo un'indagine condotta da Credit Suisse e procure.ch in agosto. 

L'economia domestica ha un potenziale di crescita
Anche gli economisti del Credit Suisse concludono che le inefficienze in alcune parti dell'economia svizzera nel suo insieme costituiscono un ostacolo alla crescita, maggiore di un'inadeguata attività di investimento. «La crescita robusta e orientata all'immigrazione negli ultimi anni ha in qualche modo mascherato queste inefficienze», afferma Adler. Nel complesso, si può vedere una divergenza economica sempre più acuta tra aziende e settori altamente produttivi e competitivi a livello internazionale (come l'industria farmaceutica e il commercio di materie prime) e un'economia domestica meno produttiva: tra il 1997 e il 2015 l'economia dell'esportazione è cresciuta di oltre il 40%, percentuale che si confronta con una stagnazione sul lato domestico (circa +5%). Agricoltura, sanità, servizi sociali e istruzione, noché i settori dell'energia e l'industria finanziaria, dovrebbero essere in grado di produrre ulteriori vantaggi in termini di efficienza.

La creazione di posti di lavoro precari probabilmente rallenterà la crescita dei consumi

Gli economisti del Credit Suisse sono cauti riguardo all'anno prossimo. Nonostante il miglioramento della fiducia dei consumatori, la crescita della spesa è probabile che sarà in linea con quella degli anni precedenti, pari all'1,5%. La crescita dei posti di lavoro precari è il fattore principale a ostacolare un aumento della spesa del consumatore. Le aziende sono più prudenti nell'assumere, dato l'alto livello dei salari. In secondo luogo, il loro obiettivo principale è quello di ripristinare la loro posizione di guadagno.

Crescita più forte delle esportazioni e degli investimenti l'anno prossimo
Quasi il 40% delle aziende ha dichiarato di voler investire di più l'anno prossimo. Si tratta di una cifra considerevolmente più elevata rispetto alle ultime due indagini nel 2013 e nel 2015 e pari a oltre il doppio di quante, invece, intendono ridurre gli investimenti (17%). Di conseguenza, gli economisti del Credit Suisse prevedono che la crescita della spesa su macchinari e le attrezzature crescerà dal 2,6 al 3,5% nel 2018. Anche il commercio estero sembra vivrà un periodo di slancio a causa della situazione favorevole dell'industria dell'esportazione. 

 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-01 18:05:05 | 91.208.130.85