Immobili
Veicoli
Foto d'archivio (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Sorveglianza dei cellulari, privacy a rischio
Le forze dell'ordine hanno aumentato l'utilizzo delle intercettazioni per svolgere le indagini. Qualcuno si preoccupa.
SCIAFFUSA
5 ore
Esce di strada e piomba sulla scalinata del centro commerciale
Il conducente, un 35enne, ha avuto un malore.
SVIZZERA
6 ore
Graziati dopo una truffa milionaria alle FFS
Tre dipendenti, con un loro complice esterno, hanno ottenuto una riduzione della pena grazie all’ammissione di colpa.
BELLINZONA
10 ore
FIFA, condannato l'ex segretario generale
L'ex dirigente Jérôme Valcke è stato incriminato a Bellinzona per falsità in documenti e ripetuta corruzione passiva.
SVIZZERA
10 ore
«Berna deve continuare a pagare i test»
La Commissione della sanità del Nazionale ritiene che questo sia un «pilastro fondamentale» nella lotta al Covid-19.
VAUD
11 ore
Quel duello socialista che potrebbe non esserci
Secondo indiscrezioni di stampa, Pierre-Yves Maillard e Roger Nordmann avrebbero trovato un compromesso.
FOTO
BERNA
11 ore
La Torre del Moron perde pezzi: «Fa male al cuore»
Inaugurata 18 anni fa, l'opera di Mario Botta ha subito gravi danni tra martedì e mercoledì: «Diversi scalini divelti».
VALLESE
11 ore
Operaio muore travolto da alcuni massi
L'infortunio sul lavoro è avvenuto questa mattina in un cantiere di Verbier. Nulla da fare per un 47enne portoghese.
SVIZZERA
12 ore
L'abbattimento preventivo del lupo sarà «possibile»
Il progetto della CAPTE-S prevede che le popolazioni possano essere regolate per evitare danni o pericoli futuri.
SVIZZERA
12 ore
Il mitico coltellino svizzero spegne 125 candeline
Era il 12 giugno 1897 quando lo svittese Carl Elsener decise di proteggere il modello che diventerà un'icona del paese.
ZURIGO
12 ore
Studenti alla guida dei tram? Il sindacato non ci sta
L'azienda dei trasporti di Zurigo intende in questo modo sgravare i propri dipendenti.
SVIZZERA
13 ore
Ecco in quali Cantoni i cellulari vengono rubati con più frequenza
Il Ticino si piazza in fondo alla classifica stilata da Axa Assicurazioni.
VAUD
14 ore
Mussolini rimane dottore honoris causa dell'Università di Losanna
L'ateneo ha riconosciuto «il grave errore», ma ha deciso di non revocare l'attestato e optare per altre misure
ZURIGO
15 ore
Salvata dal lago, muore in ospedale
Non ce l'ha fatta l'anziana che martedì aveva perso i sensi nel corso di una nuotata al lido di Tiefenbrunnen.
GRIGIONI
17 ore
Si finge un poliziotto e le scuce 65'000 franchi
«Sua figlia ha avuto un incidente e ora rischia la prigione». Una 76enne è stata truffata ieri pomeriggio a Coira.
SVIZZERA
17 ore
Tre tonnellate di oro di origine russa sotto la lente
Sono state importate in Svizzera dal Regno Unito lo scorso mese di maggio. Il valore è di 194 milioni di franchi
SVIZZERA
17 ore
Un (quattro volte) campione olimpico alla testa di Special Olympics
Simon Ammann sarà il nuovo Presidente del Consiglio di fondazione. Sostituirà Kurt Murer.
BASILEA CAMPAGNA
18.09.2014 - 15:290
Aggiornamento : 25.11.2014 - 10:10

Sorpassato sulla corsia di destra, lui si arrabbia e la denuncia

Un automobilista svizzero-tedesco ha denunciato una donna francese che lo ha superato sulla corsia di destra. Il caso finisce in tribunale. Ecco com’è andata

MUTTENZ - Sugli automobilisti che occupano la corsia di sorpasso anche quando non c'è nessuno sulla corsia di destra, ne abbiamo già scritto in passato. Chi viaggia sulle autostrade svizzere non si stupisce più di incontrare automobilisti che si ostinano ad occupare la corsia di sorpasso, spesso a velocità inferiore a quella consentita, rallentando il traffico.

Automobilista svizzero tedesco zelante - Il caso raccontato oggi dalla Basler Zeitung riguarda un automobilista (Bücheli, pseudonimo) che nel settembre del 2012, mentre percorreva l'autostrada A2 poco prima del tunnel di Arisdorf, nel cantone di Basilea Campagna, è stato superato a destra da un'automobilista francese (Dunand, pseudonimo) mentre si trovava sulla corsia di sorpasso. Lo zelante automobilista svizzero-tedesco ha denunciato l'automobilista transalpina. Il caso è finito la scorsa settimana davanti a un tribunale del cantone di Basilea Campagna.

Sorpassi azzardati - L'automobilista svizzero-tedesco, così ha raccontato al giudice, non si sarebbe spostato dalla corsia di sorpasso perché arrabbiato per il fatto che la donna avesse lampeggiato con gli abbaglianti per chiedere il via libera. Vista la cocciutaggine dell'uomo, la donna avrebbe quindi effettuato il sorpasso sulla corsia di destra e si sarebbe rimessa sulla corsia di sinistra. Quel giorno, sempre stando al racconto di Bücheli, il traffico sulla A2 era molto intenso tanto che la Mercedes nera sulla quale circolava la donna era ancora da lui visibile alla galleria di Schweizerhalle, l'ultimo tunnel prima dell'entrata nel cantone di Basilea Città, a nord quindi della galleria di Arisdorf. Su quel tratto vi era una coda che ha permesso all'automobilista svizzero tedesco, che circolava sulla corsia di destra, di recuperare terreno sulla Mercedes della donna francese, che invece era sulla corsia di sinistra. Nel momento in cui l'uomo era giunto all'altezza della donna, quest'ultima ha effettuato un cambio repentino di corsia da  sinistra a destra sfiorando l'auto dello svizzero-tedesco. E' a quel punto che l'uomo ha deciso di denunciare la donna.

"Davanti a lui molto spazio" - La versione di Durand, descritta dal giornale come donna d'affari vestita in modo elegante, è molto diversa. L'automobilista svizzero tedesco, già prima della galleria di Arisdorf, avrebbe occupato la corsia di sinistra, di fatto occupandola e violando così il codice stradale. "Davanti a lui vi era molto spazio", ha spiegato la donna, madre di diversi figli adulti davanti al giudice, che ha aggiunto di non essere stata l'unica a invitare il conducente a cambiare corsia attraverso l'uso dei fari abbaglianti. Sarebbero stati diversi gli automobilisti ad aver superato sulla destra lo svizzero tedesco, che circolava con insistenza sulla corsia di sorpasso.

Le frenate davanti ai radar - Come succede spesso all'imbocco del tunnel di Arisdorf, gli automobilisti frenano, in quanto vi sono dei radar fissi. La donna ha raccontato che il rallentamento delle auto in corsia di sorpasso ha causato la liberazione della corsia di destra, risultando quest'ultima più veloce. La donna è rimasta sulla corsia di destra e soltanto dopo l'uscita del tunnel si è spostata su quella di sorpasso. Lei non si è accorta di essersi messa proprio davanti all'auto dello svizzero tedesco. Si ricorda soltanto che all'improvviso l'auto guidata da Bücheli si è avvicinata di molto alla sua e di averlo visto gesticolare animatamente.

Sulla corsia di sorpasso a 80 km/h - Bücheli avrebbe viaggiato sulla corsia di sorpasso a 80 km/h in un tratto in cui sono permessi i 100 km/h. "Non mi lascio stressare soltanto perché dietro di me c'è qualcuno che vuole andare più veloce", ha risposto l'automobilista svizzero-tedesco al giudice Robert Karrer (PPD), che gli aveva chiesto come mai non aveva lasciato la corsia di sorpasso libera. Bücheli si sarebbe giustificato dicendo che lui stesso stava effettuando un sorpasso. Per il legale della donna il caso è chiaro: "L'automobilista appartiene a quella categoria di automobilisti che viaggiano sulla corsia di sorpasso e che pretendono di voler educare gli altri automobilisti".

L'unico testimone dormiva - Ora il Tribunale si è dovuto esprimere sulla base unicamente delle due versioni, senza testimoni. La fidanzata dello svizzero tedesco accanto a lui stava dormendo e si è svegliata soltanto quando l'uomo ha cominciato a inveire contro la donna. Altri testimoni non ve ne sono e restano quindi le versione dell'uomo contro quella dell'automobilista francese.

Il giudice ha creduto alla versione di Bücheli - Il giudice Karrer ha infine ritenuto credibile la versione dell'automobilista svizzero tedesco. Se la corsia di destra forse stata veramente più veloce, alla fine del tunnel la donna non avrebbe potuto essere all'altezza dell'automobilista svizzero tedesco. Secondo il giudice Durand si è subito messa davanti a Bücheli dopo il sorpasso a destra. Bücheli è stato ritenuto credibile perché un automobilista che non si attiene alle regole difficilmente andrà in polizia a sporgere denuncia.

Multa e pena pecuniaria sospesa, ma non solo - A Durand è stata inflitta una multa di 600 franchi svizzeri per aver effettuato la manovra di sorpasso sulla corsia di destra, e a una pena pecuniaria sospesa di diverse centinaia di franchi. La donna è rimasta esterrefatta dalla sentenza. Infatti Durand, oltre a ciò, dovrà pagare i costi processuali e versare un indennizzo a Bücheli per perdita di guadagno.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-25 03:48:20 | 91.208.130.89