Immobili
Veicoli
GINEVRA
12.05.2014 - 16:420
Aggiornamento : 25.11.2014 - 09:04

250 franchi di multa per essere partita tardi davanti al verde

Una donna al volante è stata multata perché davanti al semaforo verde sarebbe partita troppo tardi. Lei contesta. La polizia: "Comportamento pericoloso"

GINEVRA - "Assurdo". "Ingiusto". "Scandaloso". Sono queste le parole usate da Cecilia e che denotano il suo attuale stato d'animo. La donna, una trentenne, ha ricevuto una multa di 250 franchi direttamente dalle mani di due agenti della polizia cittadina di Ginevra. La sua colpa? Non essere partita sufficientemente in tempo quando sul semaforo è scattato il verde. Il fatto è accaduto domenica pomeriggio, e ne dà notizia oggi il portale 20minutes.

 

Dopo aver percorso 200 metri, la giovane automobilista è stata fermata da una pattuglia della polizia che l'ha invitata ad accostarsi al bordo della strada. I due agenti hanno chiesto spiegazioni, e la donna si è giustificata dicendo che il sole le aveva impedito di vedere il verde sul semaforo. Una scusa che non le ha permesso di evitare la multa.

 

"Non ho commesso alcuna infrazione" si è sfogata Cecilia. In realtà la legge sulla circolazione stradale penalizza chi "non osserva il segnale luminoso", senza distinzione se sia verde o rosso. Dunque si tratta di una multa in piena regola.

 

Un conto è la regola. Un conto è la vita pratica. Nella realtà quotidiana sono molto rare le multe per questo tipo di infrazioni. Nel rapporto di polizia si legge tuttavia che la signora Cecilia ha avuto un comportamento molto pericoloso. La donna avrebbe fermato l'auto al centro della strada per discutere con la polizia. Lo avrebbe fatto senza nemmeno tirare il freno a mano, e l'auto - essendo la via pure un po' in discesa - si è messa in moto. Il rischio di incidente è stato dunque elevato, precisa la polizia per giustificare l'intransigenza dei due agenti. L'automobilista è decisa a dare battaglia e ha fatto sapere che contesterà la multa.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-17 16:39:40 | 91.208.130.85