SVIZZERA
26.09.2011 - 14:420
Aggiornamento : 22.11.2014 - 14:48

L'UDC vuole abbandonare Schengen/Dublino

BERNA - Rendere le procedure di asilo più veloci, riducendo le possibilità di ricorso; migliorare i rimpatri, stipulando accordi con paesi africani; abbandonare Schengen e Dublino, rafforzando i controlli alla frontiera ticinese, se necessario ricorrendo all'esercito. Sono queste le ricette presentate oggi a Berna dall'UDC per rimediare a una situazione nel settore dell'asilo che il partito considera caotica.

Per i democentristi le misure puntuali annunciate venerdì dal Consiglio federale per bocca della responsabile del Dipartimento federale di giustizia e polizia, Simonetta Sommaruga, non solo non servono, sono anche controproduecenti: rappresentano un invito ai migranti a utilizzare la via dell'asilo per installarsi in Svizzera.

Secondo l'UDC servono provvedimenti rapidi, che il partito sottoporrà al Consiglio Nazionale, attraverso diversi atti parlamentari, nella sessione straordinaria che questa settimana sarà destinata al tema dell'asilo. Si tratta di limitare a una sola possibilità il diritto di ricorso, abolendo anche il diritto al riesame, di vietare il ricongiungimento famigliare alle persone accolte solo a titolo provvisorio e di accordarsi con alcuni importanti paesi di provenienza dei migranti - Tunisia, Nigeria ed Eritrea - per far sì che le decisioni di rimpatrio vengano effettivamente eseguite. Non esiste un accordo ufficiale ratificato di questo tipo con nessun paese africano, deplora l'UDC.

Il partito di Toni Brunner è quindi tornato a chiedere l'uscita dalle intese di Schengen e Dublino, perché non portano alcun vantaggio. I rimpatri verso la Grecia non sono più possibili, ha ricordato il consigliere nazionale zurighese Hans Fehr (ZH). E le autorità italiane lasciano filtrare verso nord i profughi approdati nel paese. In attesa di uscire da Schengen il Consiglio federale dovrebbe intanto fare pressione sull'agenzia europea Frontex affinché sorvegli la costa nordafricana e riaccompagni ai loro porti di partenza i battelli dei migranti. Se questo non dovesse funzionare il confine meridionale elvetico deve essere controllato meglio, se necessario ricorrendo alle forze armate.

L'UDC ha ripetuto anche le sue critiche alla ministra di giustizia Simonetta Sommaruga e a Eveline Widmer-Schlumpf, che l'ha preceduta. La prima è accusata di essersi limitata finora solo agli annunci, mentre nel concreto l'unica espulsione portata a termine è stata quella riguardante il direttore dell'Ufficio federale della migrazione (UFM). La seconda viene invece ritenuta responsabile delle fallite riorganizzazioni che hanno messo in ginocchio lo stesso UFM.

Ats

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-17 11:00:36 | 91.208.130.86