BERNA
04.01.2011 - 17:240
Aggiornamento : 12.11.2014 - 18:38

Iniziativa armi: comitato contro iniziativa presenta argomenti

BERNA - Il comitato interpartitico "No all'iniziativa sulle armi inutile e ingannevole" ha lanciato oggi a Berna la sua compagna in vista della votazione federale del prossimo 13 febbraio. Secondo vari rappresentanti dei partiti borghesi, l'iniziativa non risolve i veri problemi, ovvero l'uso abusivo e il traffico illegale di armi.

"Le misure preconizzate fanno aleggiare un sospetto generalizzato su tutti i soldati, i tiratori e i cacciatori contestando collettivamente la loro capacità di maneggiare le armi in modo responsabile", hanno deplorato esponenti di PPD, PLR, PBD e UDC. Hanno pertanto raccomandato con fermezza di respingere l'iniziativa popolare "Per la protezione dalla violenza perpetrata con le armi".

La legislazione svizzera relativa alle armi da fuoco è già severa, hanno aggiunto i membri del comitato. Oggi le armi automatiche sono già vietate. Quanto ai fucili a pompa, sono sottoposti ad autorizzazione. Inoltre, il traffico illegale di armi non sarebbe affatto toccato da questa iniziativa.

Il comitato ha infine denunciato i costi "esorbitanti" dell'attuazione dell'iniziativa. Secondo il Consiglio federale, applicare l'iniziativa costerebbe 6,4 milioni di franchi, ai quali occorre aggiungere 11,2 milioni l'anno.



ATS
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-16 07:28:38 | 91.208.130.86