tipress (archivio)
BERNA 
07.05.2020 - 16:320

La Seco invia 438 opposizioni al lavoro ridotto

Le richieste sarebbero ingiustificate in quanto mancherebbe il rischio di perdita immediata di posti di lavoro

BERNA  - La Segreteria di Stato dell'economia (Seco) ha presentato 438 opposizioni ai cantoni per richieste ingiustificate di indennità per lavoro ridotto inoltrate da imprese di diritto pubblico. C'è molta confusione per quanto riguarda le norme applicabili a queste aziende e i cantoni adottano pratiche diverse.

Nessun rischio immediato di licenziamenti - Se non vi è alcun rischio operativo - come di solito accade per i fornitori di servizi pubblici vista la copertura del deficit - non vi è alcun diritto alle indennità per lavoro ridotto, a meno che non si possa dimostrare che la concessione di questi aiuti impedirebbe il licenziamento immediato dei dipendenti, ha indicato la Seco all'agenzia Keystone-ATS, confermando una notizia della radio della Svizzera tedesca SRF. La condizione decisiva è il rischio di perdita immediata di posti di lavoro.

Confusione in molti cantoni - Secondo l'emittente, l'Ufficio federale dei trasporti (UFT) avrebbe già da tempo richiesto esplicitamente alle aziende di trasporto pubblico, come FFS e AutoPostale, di presentare alle autorità cantonali notifiche preventive per disoccupazione parziale. Ciò ha causato confusione in molti cantoni.

Nella seduta dell'8 aprile il Consiglio federale ha deciso di non precludere alle imprese di diritto pubblico la possibilità di ottenere il lavoro ridotto nell'ambito del diritto d'urgenza, ha dichiarato l'UFT. Durante la crisi dovuta al coronavirus, la legge sull'assicurazione contro la disoccupazione (Ladi) continua comunque ad essere applicata senza modifiche.

Le disposizioni si applicano anche alle aziende di diritto pubblico o alla quale partecipano autorità pubbliche (federali, cantonali o comunali), come ad esempio le imprese di trasporto, aggiunge l'UFT. Spetta alle autorità cantonali giudicare se la domanda è giustificata o meno. In Svizzera esistono anche numerose imprese di trasporto organizzate come imprese private e non protette dal fallimento, come compagnie di navigazione, società di trasporti a fune e linee di autobus regionali. Il lavoro ridotto ha lo scopo di evitare licenziamenti anche in queste aziende.

I cantoni devono applicare la legge - I cantoni trattano in modo diverso le richieste di lavoro ridotto delle aziende pubbliche. Turgovia, ad esempio, respinge le domande in linea di principio, ha dichiarato alla SRF Daniel Wessner, capo dell'Ufficio dell'economia e del lavoro in Turgovia.

Secondo la Seco, è responsabilità di ogni cantone applicare correttamente la Ladi: ci sono eccezioni per quanto riguarda la disoccupazione parziale per le aziende di diritto pubblico, ma spetta ai cantoni verificare.

La Seco verifica - La Seco effettua controlli sui datori di lavoro per evitare abusi nel settore delle indennità per lavoro ridotto. In caso di pagamento ingiustificato o un possibile abuso, la Seco avvia una procedura amministrativa per recuperare la somma. Può avviare un procedimento penale contro persone fisiche che agiscono nella società interessata.

Come ha annunciato lunedì scorso la direttrice della Seco, Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch, all'inizio di maggio, 1,91 milioni di persone e 187.000 aziende hanno inoltrato richiesta di lavoro ridotto.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-27 02:19:47 | 91.208.130.85