Keystone
BERNA
22.03.2020 - 09:240
Aggiornamento : 12:08

Coronavirus, infetto il presidente della Società svizzera medicina intensiva

È fiducioso Thierry Fumeaux, e sa che guarirà presto

In Italia il 10% delle persone infettate è rappresentato da personale medico, nonostante tutte le misure di precauzione

BERNA - Thierry Fumeaux, presidente della Società svizzera di medicina intensiva (SSMI) è stato infettato dal coronavirus. È fiducioso che in pochi giorni sarà di nuovo in buona salute.

Il suo caso non è insolito ha detto Fumeaux in un'intervista alla "SonntagsZeitung" e a "Le Matin Dimanche". Il personale sanitario e i medici delle cure intensive sono a rischio in quanto trattano i pazienti più gravemente malati, ha detto Fumeaux che è anche corresponsabile delle cure intensive all'ospedale di Nyon (VD).

In Italia il 10% delle persone infettate è rappresentato da personale medico, nonostante tutte le misure di precauzione, ha detto Fumeaux. La maggior parte sono giovani e in buona salute e sviluppano solo raramente delle complicazioni, tuttavia queste persone non possono più lavorare. "Questo rischio di contagi è un pericolo per i nostri ospedali", in quanto la presenza di tali specialisti è "necessaria per lottare contro il virus", sottolinea Fumeaux.

Il medico è a casa da martedì scorso ma è "molto fiducioso" di tornare a essere in buona salute tra qualche giorno.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-04-05 16:30:04 | 91.208.130.86