deposit
ZURIGO
28.02.2020 - 21:010
Aggiornamento : 29.02.2020 - 11:00

Posso stare lontano dal lavoro a causa del virus?

Alcune compagnie proibiscono la stretta di mano. Gli assistenti di volo rifiutano i viaggi in Italia. Parla l'esperto

SONDAGGIO

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

ZURIGO - Impazza la fobia del coronavirus. E se da una parte le aziende suggeriscono comportamenti per evitare il contagio, dall'altra molti dipendenti pensano di boicottare il lavoro per evitare di stare male. Interpellato da 20 Minuten, il professore di diritto Roger Rudolph ha risposto a una serie di domande sull'argomento.

Bisogna ancora andare a lavorare se il coronavirus dovesse diffondersi in Svizzera e si lavora a contatto con il pubblico?
«Non è possibile rispondere in termini generali alla domanda. Dipende dalla situazione e dal rischio che si corre realmente sul posto di lavoro. Ed eventualmente dallo stato di salute del dipendente».

Come dipendente, posso rifiutarmi di viaggiare a Milano, in Cina o in Corea del Sud, ad esempio in qualità di fornitore, pilota o giornalista?
«Se esiste un reale rischio nell'area in cui ci si deve recare, come già accade in alcune zone in Cina, tale viaggio può essere rifiutato».

Posso stare a casa se sento un po' di fastidio alla gola?
«Chiaramente no. Come dipendente, devo dimostrare di non essere effettivamente in grado di lavorare. Solo un po' di mal di gola non è abbastanza. Nel peggiore dei casi, si può essere licenziati se ci si rifiuta ingiustificatamente di recarsi sul posto di lavoro. Se c'è un certificato medico, invece, non devo presentarmi ai sensi dell'articolo 324a del Codice delle obbligazioni».

Quali misure può adottare il datore di lavoro? Può vietare di stringere mani, farmi lavorare da casa o ordinare un test antivirus?
«Il datore di lavoro ha il diritto e l'obbligo di adottare le misure necessarie per proteggere colleghi e clienti in una situazione così eccezionale. Ciò può includere misure legate all'igiene, come vietare di stringere la mano. Anche l'home office è permesso. Le ferie forzate a breve termine, o il trasferimento a una stazione di quarantena, non sono invece provvedimenti che può prendere un datore di lavoro. A seconda dei casi, la richiesta di un test può essere consentita».

Sono obbligato a segnalare i sintomi dell'influenza al datore di lavoro?
«Questo è un caso limite. In linea di principio, i dipendenti non sono tenuti a rivelare sintomi e diagnosi. Questo vale certamente per raffreddori normali o simili. In una situazione di pandemia acuta, tuttavia, credo che i dipendenti debbano fornire informazioni se vanno al lavoro nonostante i sintomi e quindi comportano un rischio per gli altri».

Il mio datore di lavoro può proibirmi di partecipare a grandi eventi come concerti o eventi sportivi nel mio tempo libero?
«Quasi mai. Il diritto dei datori di lavoro di impartire istruzioni si estende solo in rarissimi casi alle attività ricreative private. Generalmente la risposta, quindi, è no».

Sono punibile qualora mi presentassi al lavoro pur sapendo di essere positivo al coronavirus? Cosa succede se indosso una maschera?
«La strada verso la responsabilità penale ai sensi del codice penale è piuttosto lunga, ma posso essere responsabile ai sensi del diritto civile. E potrei essere licenziato a causa di negligenza verso i miei colleghi di lavoro o dei clienti, ad esempio perché mi presento sul posto di lavoro nonostante chiari sintomi o non rispetto le misure igieniche prescritte».

Cosa succede se sono in quarantena e quindi non mi presento per lavoro? Continuo a ricevere lo stipendio anche se non ho sintomi?
«Se le autorità mi obbligano a mettermi in quarantena, mi viene impedito di lavorare e ho diritto a ricevere lo stipendio».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-01 15:13:50 | 91.208.130.89