TiPress - foto d'archivio
SVIZZERA / ITALIA
19.01.2020 - 08:200
Aggiornamento : 10:37

Aggredì una coppia in Calabria: fermato mentre tentava di entrare in Svizzera

Il 26enne aveva rapinato due giovani poco prima di Natale. Il 13 gennaio se l’è dovuta vedere con gli agenti elvetici

di Redazione

BERNA / REGGIO CALABRIA - È stato fermato il 13 gennaio scorso su un treno diretto in Svizzera e consegnato alla polizia di frontiera di Domodossola. Il 26enne accusato di essere il responsabile di un’aggressione con rapina ai danni di una giovane coppia a Reggio Calabria, però, aveva già attraversato tutta l’Italia ed era quasi riuscito a entrare nel nostro Paese.

Il borseggio risale al 18 dicembre, quando due fidanzati seduti all’interno della loro auto avevano notato degli strani movimenti dietro il veicolo. L'uomo era sceso per accertarsi della situazione ed era stato aggredito dal 26enne armato di coltello, che lo aveva ferito a una mano prima di farsi consegnare il denaro. Aveva quindi aperto la portiera del passeggero e si era impossessato anche della borsetta della ragazza, per poi fuggire in sella a una bicicletta.

Da allora a Reggio Calabria è stata avviata una caccia all’uomo, seguendo l’identikit fornito dalle vittime. 

Il 13 gennaio la polizia elvetica - riferisce reggiotoday - ha fermato il 26enne nigeriano su un treno. Era senza documenti, diretto in Svizzera. Riammesso in Italia, è stato consegnato alla polizia di frontiera di Domodossola. Il Tribunale di Verbania ne ha poi convalidato il fermo.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-28 00:32:06 | 91.208.130.85