Depositphotos (KateNovikova)
ARGOVIA
13.12.2019 - 12:400

Altre cinque persone positive ai test per la tubercolosi

Queste persone non si sono ammalate

di Redazione
ats

AARAU - Dopo tre casi di scolari ammalati di tubercolosi nel cantone di Argovia, resi noti in settembre, altre cinque persone sottoposte a test sono risultate positive. Secondo informazioni del Consiglio di Stato queste persone non si sono ammalate.

Nelle cosiddette indagini ambientali alle scuole di Suhr, Oberkulm e Brugg è stato analizzato il sangue di 63 persone. Le cinque persone risultate positive al test sono infette ma non malate e quindi non contagiose, scrive l'esecutivo cantonale oggi in risposta a una interpellanza da parte dell'UDC.

Non si può dire con certezza se le cinque persone siano state infettate dai compagni di scuola ammalati. Non è escluso che il contagio sia avvenuto precedentemente, sottolinea il Consiglio di Stato: un'infezione è dimostrabile solo dopo due mesi.

In settembre tutti i 1350 genitori degli allievi dell'istituto scolastico di Suhr avevano ricevuto una lettera della direzione in cui venivano informati che una bambina della quarta elementare si era ammalata di tubercolosi, per cui gli scolari e i docenti che negli ultimi due mesi avevano trascorso più di otto ore in compagnia della bambina avrebbero dovuto sottoporsi a un test del sangue. Successivamente sono stati resi noti altri due casi: uno in una scuola secondaria a Oberkulm e uno nella scuola professionale di Brugg.

Secondo il Consiglio di Stato casi di tubercolosi nelle scuole sono rari. Tuttavia si ripetono ogni anno. In Argovia quest'anno sono stati segnalati alle autorità almeno 26 casi di tubercolosi. Nel 2018 ne erano stati notificati 34 e nell'anno prima 41.

Nella situazione attuale l'esecutivo non vede alcun motivo per modificare le procedure esistenti nei casi di tubercolosi o per adottare misure ulteriori.

La tubercolosi è una malattia causata da determinati tipi di microbatteri che può essere trasmessa per via aerea quando persone ammalate tossiscono. Secondo l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), in Svizzera si registrano circa 550 casi di tubercolosi all'anno, per la maggior parte tra i migranti.

Il contagio può avvenire quando ci si trova per alcune ore nel medesimo locale con una persona infetta. Può essere verificato con un esame del sangue solamente dopo due mesi. Anche in caso di contagio, soltanto tra il 5 e il 10% delle persone si ammalano, perlopiù nel giro di due anni, scrive ancora l'UFSP.

I sintomi tipici sono tosse, spesso con espettorato, febbre e perdita di peso. La tubercolosi può essere curata con antibiotici specifici da assumere sull'arco di più mesi. Senza un trattamento adatto, la malattia può avere un decorso letale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Bayron 9 mesi fa su tio
no comment!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-28 21:43:43 | 91.208.130.87