Keystone (archivio)
Il 56enne aveva partecipato anche alle Olimpiadi di Londra nel 2012.
LUCERNA
22.11.2019 - 10:530
Aggiornamento : 11:28

Condannato il cavallerizzo picchiatore

Paul Estermann aveva ripetutamente maltrattato due suoi cavalli con una frusta tra il 2014 e il 2017. Multa e pene pecuniarie sospese per lui

di Redazione
ats

LUCERNA - Il tribunale distrettuale di Willisau (LU) ha condannato il noto cavallerizzo lucernese del salto a ostacoli Paul Estermann per ripetuti maltrattamenti di due cavalli compiuti con la frusta a una pena pecuniaria con la condizionale e a una multa. Lo si legge in una breve dichiarazione della sentenza pubblicata oggi.

Con i due cavalli - "Castlefield Eclipse" e "Lord Pepsi" - Estermann, oggi 56enne, ha partecipato a varie competizioni internazionali dal 2011 al 2019, come le Olimpiadi di Londra del 2012, i Campionati del Mondo del 2014 a Caen (F) e diversi Campionati europei.

«L'accusato ha violato l'integrità fisica e la dignità dei due cavalli più volte e ha ripetutamente maltrattato gli animali», viene indicato nella sentenza. Estermann è condannato a una pena pecuniaria con la condizionale di 100 aliquote giornaliere di 160 franchi e a una multa di 4000 franchi pure sospesa, viene indicato nella sentenza. La condanna risulta più severa rispetto a quanto richiesto dalla procura, ossia 90 aliquote giornaliere di 160 franchi e una multa di 3600 franchi.

Il ministero pubblico aveva accusato il cavallerizzo di aver frustato in modo eccessivo, talvolta a sangue, i due animali in almeno cinque occasioni, tra il 2014 e il 2017. Secondo la procura, Estermann con la frusta da dressage ha deliberatamente causato ai due «cavalli lesioni dolorose inutili».

Durante l'udienza di martedì Estermann aveva respinto le accuse e sostenuto di usare frusta e speroni, ma «mai per punire o far male». Il giudice unico ha dichiarato che i fatti imputati sono stati comprovati da dichiarazioni di testimoni, un rapporto veterinario e fotografie. L'avvocato difensore ha presentato ricorso contro la decisione. Il tribunale distrettuale di Willisau fornirà una motivazione del verdetto per iscritto.

Cosa dice la legge - Secondo la legge federale sulla protezione degli animali, chiunque maltratta un animale o ne ignora la dignità è perseguibile penalmente. Secondo il regolamento della Federazione equestre svizzera, se un cavallo viene ferito dall'uso di una frusta, questo è considerato un eccesso. Inoltre la frusta non può mai essere usata più di tre volte per un evento specifico e mai sulla testa dell'animale.

Commenti
 
marcopolo13 2 sett fa su tio
Dopo la condanna i giudici sono andati a mangiarsi una bistecca. Coerenza zero.
dudo 2 sett fa su tio
Chi non rispetta la dignità degli animali, non gliela può prendere, ma perde la propria (Albert Schweizer)
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-09 00:20:40 | 91.208.130.86