keystone (archivio)
Ronja Jansen, presidente GISO
BERNA
17.10.2019 - 15:430

«Considerazioni sessiste», accolto il reclamo contro la SRF

In un contributo filmato si era ironizzato sull'aspetto fisico della neo presidente di GISO, che si era sentita discriminata

BERNA - L'Organo di mediazione della SSR ha accolto un reclamo inoltrato dalla nuova presidente di Gioventù socialista (GISO), Ronja Jansen, contro la trasmissione satirica della tv svizzero-tedesca SRF "Late Update" per un servizio andato in onda lo scorso 6 ottobre.

Nel contributo filmato "Froschmeier trifft Levrat und Zanetti" si era ironizzato sull'aspetto fisico della Jansen e la neo presidente di GISO si era sentita discriminata.

La Jansen aveva in particolare contestato il fatto che nella sequenza filmata fosse stata definita "Miss JUSO" (Miss GISO in italiano) e "heiss" (letteralmente "bollente").

Stando alla presidente di Gioventù socialista, si tratta di considerazioni sessiste, poiché riducono la donna alla sua apparenza fisica, mentre il suo campo d'azione non ha nulla a che vedere con gli stereotipi utilizzati.

Tale argomentazione è stata condivisa dall'ombudsmann della SRF Roger Blum. Quest'ultimo si è chiesto se tali apprezzamenti avessero posto in una trasmissione satirica. "Penso di no, poiché non vengono presi in giro l'azione e il comportamento della Jansen, bensì si ironizza sul suo aspetto fisico (...) discriminandola", scrive Blum.

Contestate 10 trasmissioni su 170 - L'ombudsmann della SRF sottolinea in una nota odierna come siano state contestate soltanto dieci trasmissioni su 170 andate in onda alla radiotelevisione svizzero-tedesca e riguardanti le elezioni federali. E Blum ha dato ragione ai reclami in soli due casi. Ciò dimostra come i giornalisti lavorino in modo professionale, aggiunge.

Oltre al servizio su Ronja Jansen, Blum ha accolto un ricorso che concerneva la trasmissione "Rendez-vous". In questo caso nel programma si era parlato unicamente dell'aumento della quota di donne sulle liste del PLR e dei Verdi liberali, senza menzionare che su quelle dei Verdi e del PS la presenza femminile è sempre la più elevata. Secondo l'ombudsmann, questo aspetto avrebbe dovuto essere perlomeno citato.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-22 07:24:47 | 91.208.130.86